Legends of Rome

E leggende di Roma anu e so radiche in l'urigine stessa di u Cità ​​Eterna. Cum'è sapete, a so propria fundazione hà una storia leggendaria daretu, quella di Romulu è Remu. Ma, in più, una cità cù tanta storia deve accoglie parechje altre storie mitiche chì sarete affascinati di cunnosce.

Ùn saremu micca capaci di cuntà vi tutti, ma pudemu assicurà vi chì e storie chì v'avemu da cuntà facenu parte di e legende più preziose di Roma è chì vi piacerebbe cunnosce le. Micca per nunda cuntenenu storie relative à primi rè, cù u grandi imperatori da l'epica classica è cù u bughju Medievu di a bella cità taliana (quì vi lascemu un articulu annantu à i so munimenti). Ma, senza altru, andemu cù e migliori storie mitiche nantu à a Cità Eterna.

E legende di Roma, dapoi a fundazione di a cità

Cum'è a vi diciamu, l'origine stessa di Roma hà un fondu miticu. Ma cusì face u famosu episodiu di u rapimentu di e sabine, grazia à quale a primitiva cità rumana cresce in a notte di u tempu. Andemu cun tuttu.

A legenda di a fundazione di Roma

Romulu è Remu

Romulus è Remus sò allattati da u lupu

L'urigine mitica di Roma ricolla à l'VIII seculu a.C. Tuttavia, sta legenda di Roma principia ancu prima. Ascaniu, figliolu di Enea, l'eroi troianu, fundatu nantu à e sponde di u Tibru a cità di Alba Longa.

Parechji anni dopu, u rè di sta cità hè statu chjamatu Numitore È u so fratellu Amulium u detronò. Ma u so crimine ùn si hè piantatu quì. Per chì u primu ùn abbia micca discendenza chì puderà rivindicà u tronu, hà furzatu a figliola, Rea Silvia, per diventà una Vestale, chì li dumandava di stà vergine. Tuttavia, u male Amulio ùn hà micca pigliatu in contu a vuluntà di u diu Mars.

Questu hà fattu Rea incinta da i gimelli Romulu è Remu. Tuttavia, quandu sò nati, per paura chì u rè malvagiu li assassinessi, sò stati posti in un canistrellu è lasciati in u fiume Tibru stessu. U canistrellu hè incalzatu assai vicinu à u mare, vicinu à e sette cullette, induve era vistu da a ella lupa. Hà salvatu è allattatu i zitelli in a so tana di u Collina Palatina finu à ch'elli sò stati trovati da un pastore, chì li hà purtatu in casa soia, induve sò stati allevati da a so moglia.

Cum'è adulti, i dui ghjovani à u turnu detronu à Amulio è rimpiazzanu Numitor. Ma ciò chì ci importa di più per a nostra storia hè chì Romulus è Remus anu ancu fundatu una culunia d'Alba Longa nantu à e rive di u fiume stessu, precisamente induve a lupa li avia allattatu, è i so dirigenti sò stati pruclamati.

Tuttavia, u dibattitu nantu à u locu esattu induve a nova cità avia da esse creata hà purtatu à una disputa tràggica trà i dui chì finiscinu cù A morte di Remo à e mani di u so fratellu. Sicondu a legenda, Ròmulu diventò cusì u primu rè di Roma. S'ellu ci vole à fà casu à i storichi di l'antichità, era l'annu 754 a.C.

U Stupu di e Donne Sabine, Un'altra Legenda Rumana Populare

Violazione di e Donne Sabine

U stupru di e donne Sabine

Ancu à l'epica di Romulus appartene a storia di u rapimentu di e donne Sabine, un'altra di e più famose leggende rumane. Si dice chì u fundatore di a cità hà accettatu chiunque di u Lazio cum'è un novu citatinu per populallu.

Tuttavia, eranu praticamente tutti l'omi, ciò chì rende impossibile a crescita di Roma. Romulu hà dunque nutatu e figliole di e sabine, chì stava nantu à a cullina vicina di u Quirinale è si messe à rapì li.

Per fà cusì, hà fattu una grande festa è hà invitatu i so vicini. Quandu i Sabini sò stati abbastanza stunati da u vinu, hà rapitu e so figliole è li hà purtatu in Roma. Ma a storia ùn finisce micca quì.

Intantu, era partutu à u cumandu di a cità Tarpeia, chì era innamuratu di u Rè di i Latini. Cum'elli avianu dichjaratu a guerra à Roma dopu à u rapimentu di e so figliole, a zitella hà fattu un pattu cù u monarca chì li mostraria una entrata secreta in a cità s'ellu li dava in cambiu ciò ch'ellu avia in u so bracciu manca. Si riferia à un braccialettu d'oru, ma, quandu i Sabini avianu saputu chì l'accessu piattu à Roma, u rè urdinò à i so suldati di sfracicà Tarpeii cù i so scudi, carichi precisamente nantu à e so bracce manca.

Tuttavia, a fine di sta storia hà una altra variante. Dice chì i Rumani, cuscienti di u tradimentu di a ghjovana donna, l'anu lampata da una falesia chì, precisamente da tandu, era chjamata a Roccia Tarpeya.

Infine, ci hè statu u scontru trà i Sabini è i Rumani. O piuttostu, ùn hè micca accadutu perchè e ragazze rapite stava trà i dui eserciti per piantà u cumbattimentu. Sì i Rumani vincerianu, perderianu i so genitori è i so fratelli, mentre chì se i Sabini l'avianu, serianu lasciati senza mariti. Cusì, a pace hè stata firmata trà e duie cità.

L'allée des Mazzamurelli

Via di i Mazzamurelli

Strada Mazzamurelli, scena di un'altra legenda di Roma

Se visitate u Trastevere Rumana, truverete una piccula strada chì, partendu da chjesa San Crisogonu, righjunghja quellu di San Gallicanu. Stu carrughju hè quellu di i Mazamurelli. Ma quale sò ste creature chì anu ancu una strada in Roma chjamata dopu?

Puderiamu identificà li cù quelli chjuchi geniosi gattivi chì facenu parte di tutte e mitulugia di u mondu. Sarianu una spezia d'elfi chì amanu fà picculi scherzi à i passanti è, benintesa, quelli chì campanu in quella strada.

In fattu, una di e storie chì custituiscenu sta legenda dice chì ci campava un omu chì avia una reputazione di magu per avè vistu creature soprannaturali. A casa di sta persona hè sempre cunservata nantu à a strada è si dice chì hè cacciatu.

Tuttavia, tuttu ùn hè micca male intornu à mazzamurelli. Per altri narratori di sta legenda di Roma, sò creature benefiche chì sò dedicate à prutege i vicini da a strada chì porta u so nome.

Castel Sant'Angelo, scena di molte leggende di Roma

Castellu Sant'Angelo

Castel Sant'Angelo

In più di unu di i più impurtanti munumenti di a Cità Eterna, u Castel Sant'Angelo hà assai legende. Custruitu per esse Mausoleu di l'imperatore Adrianu, hà guasgi duemila anni di storia. Ùn vi sorprenderà, dunque, chì sia stata a scena di parechje storie leggendarie.

U più pupulare di elle hè a causa di u so nome. Simu in l'annu 590 di a nostra epica. Una epidemia di peste devastante era cascata in Roma è in u papa Gregoriu Magnu hà urganizatu una prucessiò. Quandu s’avvicinava di u castellu, pareva sopra à ellu un arcànghjulu ch'ellu avia in e so mani una spada per annuncià a fine di l'epidemica.

Dunque, micca solu u castellu hè chjamatu de Sant'Angelo, ma in più, a figura di un arcangelu hè stata custruita annantu à a so cima chì, dopu avè subitu parechji ristrutturazioni, si pò ancu vede oghje.

U Passettu di Borgu

Passettu di Borgu

Passettu di Borgo, un'altra di e scene di parechje leggende di Roma

Ùn andemu micca luntanu da a custruzzione precedente per scopre un altru di i punti Rumani chì sò pieni di leggende è storie mitiche. este passettu o chjassu muratu si unisce, precisamente, à u castellu di Sant'Angelo cù u Vaticanu.

Hè appena un mezu chilometru, ma hè stata a scena di tutti i generi di patate fugliate è altri cleri chì circava à piattassi in tempi di guerra è di saccheghji. Tuttavia, a legenda dice chì quellu chì a cruci settanta volte vedrà cumu finiscenu tutti i so prublemi.

Hè cusì leggendaria a storia di u passettu di Borgo chì hè apparsu in numerosi filmi, serie televisive è ancu videogiochi.

L'Isula Tiberina

Isola di u Tibru

L'Isula Tiberina

Finimu u nostru giru à e leggende di Roma in st'isula, chì si pò ancu vede oghje à mezu à u Tibru. Hà a forma di una barca è hà appena 270 metri di lunghezza è 70 metri di larghezza. Tuttavia, hè statu u sughjettu di storie mitiche da tempi antichi.

In fatti, affettanu a so propria apparizione. Si dice chì l'ultimu rè di Roma, Tarquinius u Superb, hè statu lampatu in u fiume da i so concittadini. Era statu un omu curruttu chì hà ancu arrubatu u granu. Pocu dopu questu avvenimentu, l'isula hà cuminciatu à cumparisce è i Rumani anu pensatu chì era uriginata grazia à i sedimenti accumulati intornu à u corpu di u monarca, una bona parte di i quali era, precisamente, u granu ch'ellu avia arrubatu.

Per tuttu què, a Tiberina hà sempre suminatu timore trà i citadini di Roma. Questu durò parechji seculi finu à chì, durante una epidemia di pesta, a serpente (simbulu di medicina) chì hà finitu a malatia. In ringraziamentu, i Rumani anu custruitu un tempiu in onore di Esculapiu in l'isula è hà cessatu di teme di visità la. Ramintemu chì sta figura era precisamente u diu rumanu di a medicina.

In cunclusione, vi avemu dettu alcuni di i più populari leggende di roma. Tuttavia, una cità vechja cum'è questa deve avè parechje altre. Frà quelli chì sò stati in preparazione è forse vi diceremu in un altru articulu ci hè quellu chì si riferisce L'Imperatore Nerone è a Basilica di Santa Maria del Pueblo, Quellu di u Dioscuri Castor è Pollux, u di u Bocca di Verità o i parechji chì anu cum'è prutagunista Erculi.

 

Vulete riservà una guida?

U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu. campi, nicissarii sò marcati cù *

*

*