Vestitu tradiziunale giappunese

U Giappone hè a mo seconda casa. Sò statu quì parechje volte è ùn possu aspittà chì a pandemia finisca per vultà. Amu stu paese, a so ghjente, a so gastrunumia è a so cultura. U Giappone hè una Phoenix, ùn ci hè dubbitu, è trà tante meraviglie oghje, metteremu in risaltu u vistitu tradiziunale giappunese.

Quì a ghjente si veste cumu volenu, si ne avverà quandu si cammina per e so strade è chì nimu ùn vede ciò chì porti. Ma dinò, hè una sucietà induve u mudernu coesiste cù l'anzianu, dunque una cartolina abituale hè di vede una donna in un kimono accantu à un esecutivu in tacchi, tramindui aspettendu u trenu pallottulu.

Moda in Giappone

Cum'è l'aghju dettu sopra u vistitu giappunese cumu volenu, cù u grande vantaghju chì nimu li ghjudicheghja. Puderete scuntrà una donna adulta vestita cum'è un persunagiu d'anime o un omu anzianu vestutu da quellu chì sà ciò chì, un omu d'affari astutu, un travagliadore di a custruzzione, o parechji ghjovani cunciati artificialmente.

Ci sò e mode, benintesa ci sò, ci sò gruppi chì li seguitanu, ma mi pare chì a differenza sia quella nimu feghja ciò chì face l'altru. Vengu da una cultura induve sì u giallu hè adupratu d'estate, portemu tutti u giallu, è eccu alcune sfarenze. Chì l'aspettu ùn sia micca criticu hè grande. Ùn avete micca grandi seni, i jeans ùn ti adattanu micca cum'è Jennifer Lopez? À quale importa?

Dunque, se avete intenzione di andà in Giappone, duvete sapè chì camminà per e so strade è osservà a so ghjente hè una grande esperienza culturale. È iè, u mudernu, raru è maravigghiusu si mischierà cù u tradiziunale, cù yukatas, kimono, sandali geta è ancu di più.

Vestitu tradiziunale giappunese

U vestitu tradiziunale giappunese hè u kimono. In generale, i chimoni sò fatti cù tessuti di seta, anu maniche lunghe chì vanu da e spalle à i pedi, o guasi, sò tenuti cù una cintura larga, u obi, è in a vita d'ogni ghjornu sò restati per eventi speciali o festivali tradiziunali.

U kimono limita i muvimenti femminili è hè un indumentu chì costa è piglia tempu per mette si. Và inseme cù u rolu di e donne in a sucietà tradiziunale giappunese, quellu di assistente, cumpagnu, marchja di delicatezza. Ci sò i chimoni invernali è ci sò i kimoni d'estate, più liggeru, menu stratificatu, cunnisciutu cum'è yukatas. I zitelli o i ghjovani adulti anu da portà yukatas per i festival estivi, cum'è avete sicuramente vistu in parechji manga è anime.

U kimono hè femminile è masculinu. Hè stratificatu è u numeru di strati hà da fà cù u livellu ecunomicu di a persona o a so impurtanza suciale. I chimoni di e donne sò in realtà più intricati di l'omi è anu più dettagli. I strati ùn si coprenu micca è permettenu un ghjocu veramente bellu di linee culurite.

U tissutu cù u quale hè fattu un kimono hà una lunghezza chjamata frummentu, circa 11.7 metri di lunghezza è circa 34 centimetri di larghezza hè u solitu. Dui pezzi sò tagliati da questu frummentu, unu per fà u fronte è u cuntrariu davanti à destra è l'altru per i so rispettivi omologhi. Una cucitura verticale hè fatta in u centru di u spinu è hè quì chì e duie sezioni si scontranu è e lunghezze future sò piegate è cucite à u corpu per formà e maniche.

A prufundità di e maniche varieghja da u vestitu à u vestitu. À u principiu di u XNUMXu seculu, i chimoni eranu fatti cù meisen, un tessutu filatu da a seta ottenuta da coconi difettosi. Più tardi, cù l'introduzione di macchinari tessili, l'usu di stu tippu di filatu di bassa qualità hè statu perfezziunatu è cusì hè statu creatu un tessutu più lucente, spessore, resistente è relativamente più economicu. Stu tessutu hè statu tinguitu di tinture artificiali, cù tecniche innuvanti, è cusì tutte e donne giappunesi anu cuminciatu à sceglie u meisen per fà i so kimono casuale.

Un altru tipu di kimono hè u Tsukesage, un pocu più casuale cà u kimono Homongi. Hà disegni più semplici è più modesti chì coprenu una piccula zona sottu à a cintura.

Ci hè un stile di vestitu tradiziunale assai tipicu di u geisha Kyoto, u SUsohiki. Queste giovani donne a portanu quandu ballanu o facenu qualchì arte tipicu. U culore è u cuncepimentu di questu indumentu dipende da a stagione di l'annu è da l'eventu chì a geisha assiste.

Hè un vestitu longu, abbastanza se u paragunemu cù un kimono regulare, perchè hè pensatu in modu chì a gonna sia trascinata in tuttu u pavimentu. U susohiki pò misurà più di 2 metri è qualchì volta hè ancu chjamatu Hikizuru. L'usanu ancu quandu cantanu canzoni Maikowho, ballanu, o ghjucanu u shamisen (u strumentu tradiziunale giappunese à trè corde). Unu di i so più belli accessori hè u Kanzashi ie, un accessori per capelli fattu di legnu laccatu, oru, argentu, cunchiglia di tartaruga, seta, o plasticu.

Forse averete rimarcatu chì ci sò parechji stili di kimono, allora eccu i nomi di alcuni di i più populari: furisode, à maniche lunghe è purtatu da e donne giovani quandu anu 20 anni, u homongi, semi formale, femminile, da aduprà in i matrimoni di amichi, u Komon Hè più casuale è anu parechji disegni, è infine u kimono maschile, sempre più simplice, più furmale, cumbinendu giacca hakama è haori.

È u yukatas? Cumu l'avemu dettu, sò chimoni simplici è leggeri, fattu di cuttuni o di filati sintetichi. Sò purtati da e donne è da i zitelli è sò assai populari perchè sò faciuli di mantene è più prezzu. I Yukatas eranu tradiziunalmente tinti indigo, ma oghje ci sò una varietà di culori è disegni in vendita. Se visitate un ryokan o un onsen ne avrete unu in a vostra stanza da aduprà mentre site un ospite.

Un altru vestitu tradiziunale giappunese hè u hakama. Hè per l'omi è hè un vestitu chì si porta sopra u kimono. Hè ligatu à a cintura è casca circa à i ghjinochji. Cumunemente questu vestitu era dispunibule in neru è biancu, cù strisce, ancu s'ellu ci sò ancu mudelli in turchinu. Viderete l'hakama in lottatori di sumo, quandu assistenu à un avvenimentu publicu o cerimonie formali. Hè qualcosa cum'è l'emblema di l'omu giapponese.

Un altru indumentu tradiziunale hè u happi chì utilizanu u omi in feste, in particulare quelli chì ballanu. U happi hè una camisgia cù e maniche à u gomitu. Hà un fronte apertu, hè fissatu cù strapelli è mentre i felici adornati cù icone è disegni impressiunanti sò aduprati in i festival, in altri eventi sò ligati intornu à a cintura cù una cintura è sò più semplici. Alcuni disegni sò in a zona di u collu è à volte cullanu e maniche finu à e spalle.

È infine, in termini di simplicità avemu u jinbei, casuale, simile à u nostru pijama, per girà in casa o in festivali d'estate. Sò purtati da omi è zitelli, ancu se ultimamente alcune donne li scelenu.

À questu vestitu tradiziunale giappunese si aghjunghjenu i sandali di legnu cunnisciuti cum'è geta, purtatu cù o senza calze tabi, sandali zori, in pelle o in tessutu, a giacca haori purtata da donne è omi è kanzahi, i pettini cusì bella chì si vede in u capu di e donne giappunesi.

Vulete riservà una guida?

U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Sianu the first to comment

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu. campi, nicissarii sò marcati cù *

*

*