12 destinazioni da evitare nel 2018 secondo la CNN

La CNN ha recentemente pubblicato un elenco delle 12 destinazioni che i turisti dovrebbero evitare durante le loro vacanze nel 2018. Nonostante i buoni dati che Barcellona ha registrato nel 2016 come città turistica grazie ai 34 milioni di visitatori che ha avuto quell'anno, appare sorprendentemente nell'elenco insieme ad altri siti come il Taj Mahal, le Isole Galapagos o Venezia. Cosa ha portato la CNN a non consigliare di visitare questi luoghi?

Barcellona

Il portale di notizie americano ha affermato che il sovraffollamento è la ragione principale per non visitare Barcellona nel 2018, poiché ha effetti devastanti per la città e per i suoi abitanti.

Indicano anche la fobia del turista che si è scatenata a Barcellona tra alcuni cittadini che mostrano la loro insoddisfazione per il turismo di massa attraverso graffiti e manifestazioni. Avvertono infatti che i manifestanti si sono recati sulla spiaggia della Barceloneta lo scorso agosto per denunciare il comportamento incivile dei turisti.

Allo stesso modo, la CNN sottolinea come le proteste di Barcellona siano aumentate per l'aumento del prezzo degli appartamenti in affitto a causa di servizi come Airbnb, che rende molto difficile per alcuni trovare un posto dove vivere e altri costringendoli a lasciare le loro case a causa di i prezzi molto alti. Menzionano anche come il Consiglio Comunale abbia cercato di risolvere il problema approvando una legge che limita il numero di posti letto turistici.

In alternativa al sovraffollamento di Barcellona, ​​propongono di visitare Valencia nel 2018 poiché è una città la cui offerta gastronomica e culturale può competere con la capitale catalana ma con una pausa "meno frenetica".

Venezia

Venezia

Il sovraffollamento è anche il motivo per cui la CNN ha incluso Venezia in questa lista. Ogni anno circa 40 milioni di persone visitano la città. Un flusso intenso che molti veneziani temono avrà ripercussioni negative su monumenti emblematici della città come, ad esempio, Piazza San Marco.

Infatti mesi fa l'amministrazione comunale ha deciso di adottare misure per il controllo degli accessi a questa bellissima piazza nel 2018 attraverso l'utilizzo di semafori che controllano l'ingresso al luogo e stabilendo un orario di visita per il quale sarebbe necessaria la prenotazione. con anticipo.

Questo nuovo regolamento andrebbe ad integrare la tassa di soggiorno che viene applicata per visitare Venezia e che varia a seconda della stagione, della zona in cui si trova l'hotel e della sua categoria. Ad esempio, sull'isola di Venezia, in alta stagione viene addebitato 1 euro a stella per notte.

La bozza del nuovo regolamento arriva dopo che l'Unesco ha lanciato l'allarme per il degrado di Venezia, che dal 1987 detiene il titolo di Patrimonio dell'Umanità.

Dubrovnik

A seguito del boom di visitatori che la città croata ha sperimentato a causa della serie `` Game of Thrones '', le autorità locali hanno dovuto stabilire una quota di visite giornaliere per ridurre il sovraffollamento poiché, ad agosto 2016, Dubrovnik ha ricevuto 10.388 turisti in una sola giorno, che ha influenzato negativamente i residenti che vivono nel famoso quartiere murato e nei monumenti. In effetti, la città ha limitato a 4.000 il numero di persone che possono scalare le mura del XV secolo al giorno.

Ancora una volta, il sovraffollamento è il motivo per cui la CNN non consiglia di visitare Dubrovnik nel 2018. Invece propone Cavtat, una pittoresca cittadina sulla costa adriatica che ha grandi spiagge per sfuggire alla folla.

Machu Picchu

Machu Picchu

Con 1,4 milioni di visite durante il 2016 e una media di 5.000 persone al giorno, Machu Picchu stava per morire di successo, qualcosa che è stato ripreso dalla CNN. Tenendo conto di questi dati, l'Unesco ha inserito la vecchia cittadella nell'elenco dei siti archeologici in pericolo a causa del sovraffollamento turistico e, per evitare mali maggiori, il governo peruviano ha dovuto prendere misure per proteggerla.

Alcuni di loro dovevano stabilire due turni al giorno per accedere a Machu Picchu e farlo con una guida in gruppi di quindici persone lungo il percorso segnalato. Inoltre, puoi rimanere nella cittadella solo per un tempo limitato con l'acquisto di un biglietto. Un cambiamento notevole considerando che fino ad ora chiunque poteva vagare liberamente tra le rovine e rimanere quanto voleva.

Spiaggia delle Galapagos

Isole Galapagos

Come quello che è successo a Machu Picchu, Anche le Isole Galapagos sono state incluse nella lista dei Patrimoni in Pericolo a causa del sovraffollamento e della mancanza di misure concrete per controllarlo per un certo periodo.

Al fine di preservare uno degli habitat naturali più belli del mondo, il governo ecuadoriano ha approvato una serie di restrizioni come: presentare un biglietto aereo di ritorno, avere una prenotazione alberghiera o una lettera di invito da un residente locale e una carta di controllo del traffico .

Le Isole Galapagos sono un altro di quei luoghi che la CNN non consiglia di andare nel 2018 e propone invece le Isole Ballestas del Perù, sulla costa del Pacifico, dove si può anche godere del bellissimo paesaggio e della fauna autoctona.

Antartide, Cinque Terre (Italia), Everest (Nepal), Taj Mahal (India), Bhutan, Santorini (Grecia) o Isola di Skye (Scozia), Completano la lista offerta dalla CNN occupandosi anche di ragioni ambientali o di sovraffollamento.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*