13 cimiteri in Spagna da visitare

Cimitero di Madrid, 13 cimiteri in Spagna da visitare

13 cimiteri in Spagna da visitare. Si può fare questo tipo di turismo? Lo credo già, gli esseri umani hanno assegnato da molto tempo determinati spazi dove riposare i nostri morti, siano essi persone o animali.

Oggi Actualidad Viajes Facciamo un giro dei principali cimiteri di Spagna.

Cimiteri di Spagna

cimiteri in Spagna

In questo tour vedremo alcuni dei cimiteri spagnoli noti per la loro storia e l'arte funeraria. Molti fanno parte di qualcosa noto come Itinerario dei cimiteri europei, una rete di cimiteri che apre le sue porte a percorsi culturali che mettono in risalto il patrimonio funerario esistente nel continente, la storia di uomini e donne importanti per quelle città e paesi.

Cimitero degli inglesi a Malaga

Cimitero degli inglesi a Malaga

Malaga è una città con secoli di storia e sono molti i paesi che sono stati in queste terre. Pensiamo ai Fenici, ai Bizantini e agli Arabi, o all'arrivo dei Cristiani appunto dopo la Reconquista. Ma anche gli inglesi sono stati un popolo presente in tutto il globo nei loro anni di impero, per questo oggi a Malaga c'è un bellissimo cimitero inglese.

Lo creò console inglese nel 1830, data la situazione un po' dispregiativa con cui venivano trattati i morti che non erano cattolici. Se non eri cattolico non c'era un cimitero per te, così il console cominciò a muoversi per costruirne uno con anche una chiesa anglicana. Poi il Cimitero anglicano di San Giorgio o, il cimitero inglese, il primo cimitero protestante in Spagna.

Cimitero degli inglesi a Malaga

Questo cimitero È sulla Cañada de los Ingleses, in centro, in Pries Avenue. Lo considerava come un Parco Botanico che si affaccia sul mare, per cui tra tombe e monumenti commemorativi di varia tipologia architettonica si trovano piante esotiche.

Ha diversi settori e nel più antico si trovano una serie di tombe ricoperte di conchiglie, molte delle quali appartenenti a bambini. Ma senza dubbio la tomba più conosciuta in assoluto è quella del Roberto Boyd, giovane irlandese giustiziato per un fallito tentativo di conquista dell'oro di stato contro Ferdinando VII.

Il Cimitero degli Inglesi a Malaga è aperto dalle 10:2 alle XNUMX:XNUMX, dal martedì al sabato. L’ingresso generale costa 3 euro.

Cimitero di Sant'Antonio Abad

Cimitero di Sant'Antonio Abad

Questo cimitero Si trova ad Alicante ed è stato costruito nel XIX secolo. Attira l'attenzione per la sua architettura modernista ed eclettica e fa parte del cosiddetto Itinerario europeo dei cimiteri significativi.

Alcoy era allora una città completamente industriale che necessitava di un cimitero. È stato aperto un concorso pubblico e il vincitore è stato Enrique Vilaplana Juliá, che dà vita ad un sito che mQuindi un cimitero sembra una città, con strade, viali e alberi. Una vera città dei morti.

Anche il cimitero di San Antonio Abad ha gallerie sotterranee sul perimetro, come catacombe ma ben ventilate e illuminate. Ha anche cortili per tombe di terra e c'è un Pantheon dell'illustre Alcoyanos. I paneteon sono, appunto, le opere d'arte più celebri del cimitero. Potrai visitare il Pantheon della famiglia di Agustión Gisbert Vidal, quello di Jaime Tort, quello di Salvador García Botí e molti altri.

In inverno il cimitero apre dalle 7:30 alle 6:8 e in estate chiude alle XNUMX:XNUMX.

Cimitero Generale di Reus

Cimitero di Reus

Questo è un cimitero che non riconosce la fede religiosa dei defunti. È stato costruito per ospitare il riposo eterno di tutti i defunti, indipendentemente dalla loro fede. Cioè, è a cimitero aconfessionale.

È stato costruito in 1870 sul terreno donato da Josep Sardà i Cailà, che era interessato proprio alla sepoltura di qualsiasi persona, ricca, povera o di qualsiasi religione. Lui stesso fu sepolto qui, come uomo d'affari e politico del Partito Liberale Progressista.

Il cimitero di Reus È in stile neoclassico e nel tempo ne ha accumulati molti opere d'arte funeraria, quindi oggi conta più di 13mila tombe interessanti. Inizialmente si scelse di collocare sulla facciata principale un'immagine del dio Crono, con l'idea che si trattasse appunto di un cimitero aconfessionale: lo scorrere del tempo, la morte, una clessidra e la falce. Questa immagine fu rimossa durante il periodo franchista, quando il cimitero divenne cattolico, ma la sua ubicazione fu ripristinata dopo l'instaurazione della democrazia.

Cimitero di Reus

Da tempo la città di Reus è molto preoccupata per il cimitero e la diffusione di questo patrimonio, per questo celebra visite notturne nel giorno di Ognissanti, ad esempio, o anche concerti o rappresentazioni teatrali di musica, danza o poesia.

Assicurati di visitare le tombe più famose del cimitero, così come le sue cappelle, pantheon e mausolei. Il migliore: il Mausoleo del generale Prim, la cappella modernista di Margenat, la tomba di Pratdesaba, il pantheon di Macià Vila, la tomba della Guerra Civile...

Il cimitero è aperto dalle 9:1 alle 3:30 e dalle 6:30 alle 9:5. La domenica lo fa dalle XNUMX:XNUMX alle XNUMX:XNUMX.

Cimitero dell'Almudena

Cimitero dell'Almudena

nella nostra lista di 13 cimiteri in Spagna da visitare Da non perdere il Cimitero dell'Almudena, il principale della capitale, Madrid. Si trova nel quartiere di Ventas, nel quartiere di Ciudad Lineal, e Ha 120 ettari quindi è il più grande dell'Europa occidentale.

Si chiama Almudena in onore della Vergine dell'Almudena, patrona di Madrid, e nel corso della storia qui sono state sepolte circa cinque milioni di persone. Questo luogo nacque alla fine del XIX secolo come cimitero provvisorio accanto alla cosiddetta necropoli orientale allora in costruzione. Fino alla costruzione del Cimitero Sud, era l'unico cimitero della capitale.

I primi tentativi di eliminare i cimiteri dalle città, per una questione chiaramente igienica, apparvero seriamente ai tempi di Giuseppe Bonaparte. Ovviamente la Chiesa cattolica non voleva saperne nulla, ma alla fine non poteva fare molto.

Cimitero dell'Almudena, 13 cimiteri in Spagna da visitare

L'aspetto attuale del Cimitero dell'Almudena porta la firma di Francisco García Nava: stile modernista con arie gaudiane e secessioniste. Oggi è diviso in tre parti: necropoli, ampliamento e cimitero originario. Ci sono anche tre aree di sepoltura: il cimitero civile, il cimitero ebraico e il cimitero di Nuestra Señora de la Almudena dove si trova il Giardino della Rimembranza.

Cimitero dei Cappuccini, a Mataró

Cimitero dei Cappuccini, a Mataró

Si tratta di un cimitero civile e comunale, dichiarato Bene culturale di interesse locale e parte del Itinerario europeo dei cimiteri. Tutto inizia nell'anno 1817, quando il Padre Guardiano del Convento dei Cappuccini chiede al consiglio comunale di costruire un cimitero nella parte alta del giardino del convento.

A metà del XIX secolo, la Giunta Edilizia di Santa María espropriò la tenuta dei Cappuccini e la mise all'asta come Bene Nazionale. È nelle mani dell'architetto Miquel Garriga i Roca, che progetta il cimitero in tutta la proprietà.

Il cimitero è in stile neoclassico e si adatta alla topografia del terreno, cosa piuttosto difficile. Il suo disegno è ad asse centrale, con un'enorme scalinata che unisce due spianate, ordinando isole sepolcrali su ciascun lato. È sulla spianata d'ingresso che si trova la cappella, circolare e con cupola, con i maestosi pantheon.

Tra questi, i più interessanti sono quelli di Francesa Lavilla, Jaume Carrau e Marfà-Mesquera.

Cimitero di Polloe, a San Sebastián

Cimitero di Pollé

È un cimitero comunale quello Si trova nella parte più alta del quartiere di Eguía, a San Sebastiano. Dei tre che la città ha lui è più grande. La storia ci racconta che fino al XIX secolo le persone venivano sepolte nelle chiese o nei terreni circostanti. Ma il regio decreto di Carlo III stabiliva che i cimiteri dovessero già essere fuori città, e questo cambiò le cose.

Così, nel 1874, iniziò a prendere forma il nuovo cimitero comunale inaugurato nel 1878. Nel 1921 venne dotato di illuminazione elettrica e nel corso del XX secolo furono realizzati vari ampliamenti che ne modificarono l'aspetto. Oggi hai quasi 60mila metri quadrati di superficie.

Qui riposano molti personaggi illustri della comunità basca, e i monumenti funerari si uniscono a cipressi, palme e platani. Il cimitero è aperto tutti i giorni, dalle 8:7 alle 8:XNUMX o alle XNUMX:XNUMX.

Cimitero di Ciriego, in Cantabria

Cimitero di Ciriego

nella nostra lista di 13 cimiteri da visitare in Spagna non c'è nemmeno mancanza il cimitero principale di Santander, il Cimitero di Ciriego. Si trova nella località omonima, nel comune di San Román de la Llanilla, vicino al Mar Cantabrico.

Il cimitero era Progettato dall'architetto Casimiro Pérez de la Riva nel 1881 e inaugurato nel 1893. Nella Guerra Civile fu teatro di sparatorie di massa contro i repubblicani, Molti di loro sono sepolti qui come sconosciuti, nonostante si conosca il loro nome. Oggi c'è un monumento in sua memoria e diversi monoliti commemorativi.

Il cimitero ha un disegno a forma di croce nella sua parte centrale, con un reticolo di vie e stradine che danno forma a diversi isolati.

Cimitero di San Froila, a Lugo

Cimitero di Lugo, 13 cimiteri in Spagna da visitare

Questo cimitero si trova alla periferia di Lugo, vicino alla Via Giacobina, quindi è fondamentale nel pellegrinaggio di Cammino di Santiago. Fa anche parte del Itinerario dei Cimiteri Storici Euroepos.

Da allora è un cimitero relativamente nuovo è stato costruito nel 1940 e fu inaugurato nel 1948, inglobando il patrimonio patrimoniale del vecchio cimitero cittadino, poi chiuso e demolito.

È stato progettato dall'architetto municipale Eloy Maquieira in modo chiaro stile razionalista equilibrato. Ci sono tanti spazi di riflessione, tanti fiori, vegetazione, una grande sensazione di pace e armonia. C'è anche un mausoleo neogotico della seconda metà del XIX secolo, parte del vecchio cimitero.

La cosa più importante di questo cimitero è il pantheon di García Abad, Stile funerario francese e Monumento ai soldati rimpatriati (da Cuba e dalle Filippine).

Nuovo cimitero di Igualada

Cimitero di Igualada, 13 cimiteri in Spagna da visitare

Il parco del cimitero di Igualada È stato costruito tra il 1985 e il 1994 e porta la firma di Enric Miralles e Carme Pinós. La verità è che è molto diverso dagli altri cimiteri. È stato costruito ai margini della zona industriale, quindi il paesaggio è piuttosto eterogeneo.

La struttura è semplice: parcheggio e accesso, cappella, ufficio, sala autopsia, bagni e nicchie. L'idea degli architetti era quella di creare una "città dei morti" in cui i vivi e i morti interagissero, quindi hanno pensato a un luogo per i visitatori, come unione del passato e del presente.

Il cimitero di Igualada è a esempio di architettura organica, che integra l'opera stessa nel suo ambiente, quindi questa è l'idea del design a gradini che fonde gli edifici con il paesaggio. È stato scavato in una fossa, come una specie di cava, quindi ci sono delle terrazze dove i visitatori possono passeggiare.

Cimitero di San José, a Granada

Cimitero di San José, a Granada

Questo cimitero si trova ad est della città, nei dintorni dell'Alhambra e fu costruito nel XIX secolo. Ha origine nel cimitero di Barreras, costruito nel 1805 accanto al Palazzo Alixares, quando la città fu colpita da un'epidemia di febbre gialla.

Fu costruito nell'Alhambra in seguito al decreto reale del 1787 con il quale il re Carlos III ordinò che tutti i cimiteri fossero costruiti fuori dalle città. Ma va detto che questo cimitero Non ha avuto una crescita ordinata ma piuttosto caotica, senza un piano generale nella sua espansione e ordine.

In ogni caso è un Bene di interesse culturale perché racchiude molti tesori di arte funeraria. Potrete poi visitare la sua struttura: il primo patio con pantheon familiari di grande valore, il secondo patio o Patio de los Ángeles, il Terzo Patio in stile romantico, il patio dell'eremo, il patio di San Miguel, quello di San Cristóbal, antico quartier generale dell'Almunia real de los Alixares, del palazzo Nasridi, del Patio de San Juan, di quello di Santiago, di quello di San Antonio e San Francisco e del Patio de las Angustias, per esempio.

Cimitero di Monturque, a Cordoba

Cimitero di Monturque, 13 cimiteri in Spagna da visitare

È un cimitero comunale dalle mura bianche e a architettura tipicamente andalusa. Entra a far parte del Itinerario dei cimiteri europei ma a differenza di molti di essi non è molto grande né presenta un'arte funeraria di rilievo. È unico, tuttavia, perché ospita cisterne romane quindi questo lo rende super peculiare.

Alla fine del XIX secolo un'epidemia rese necessario l'ampliamento del cimitero. In questi lavori furono ritrovate cisterne romane nel 1885, e una particolarmente grande, La Cisterna Grande. Sembra che fosse utilizzato per immagazzinare e raccogliere l'acqua piovana ed è il tesoro principale di questo cimitero spagnolo.

Cisterne di Monturque

Da allora, un buon momento per visitarlo è il giorno di Ognissanti Ci sono giorni speciali con il tema del turismo e della morte. Chiamato Munda Mortis e sono giornate culturali e gastronomiche che diffondono il patrimonio culturale legato ai cimiteri e a questa festa cristiana.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*