8 posti nel mondo proibiti alle donne

Haji Ali Dargah

Nel corso della storia, purtroppo le donne sono state discriminate a causa del loro sesso e nonostante siano stati fatti molti progressi in termini di uguaglianza nel mondo, attualmente ci sono diversi luoghi in cui alle donne è vietato visitare a causa della loro natura religiosa o religiosa. sport, tra gli altri motivi. È difficile da credere ma è vero.

Nel prossimo post visiteremo alcuni di quei luoghi dove ancora oggi le donne non sono le benvenute e devono starne alla larga per non arrecare disturbo a terzi o per la loro salute. 

Santuario di Haji Ali Dargah in India

La Moschea Haji Ali Dargah è uno dei luoghi più simbolici di Bombay e attira migliaia di visitatori ogni settimana, ma alle donne è vietato l'accesso alle tombe perché è considerato un peccato grave. Esistono infatti cartelli che vietano esplicitamente l'ingresso alle donne.

Dal 2011 la fondazione che gestisce il santuario vieta loro di entrare in questa moschea frequentata da musulmani, indù e turisti. Uno dei motivi addotti per impedire il loro passaggio è che potrebbero trovarsi nei giorni delle mestruazioni, un argomento comune in bocca ai religiosi conservatori per impedire l'accesso ai luoghi santi.

La Moschea Haji Ali Dargah si trova su un'isola accessibile con la bassa marea. Fu costruito nel 1431 in memoria di un ricco mercante che abbandonò i suoi beni per il pellegrinaggio alla Mecca.

Monte Omine

Monte Omine in Giappone

Nel 2004 il Monte Omine è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO ma il suo accesso è vietato anche alle donne. Il motivo è che la sua bellezza può distrarre i pellegrini nel loro cammino verso l'ascetismo e la meditazione profonda. 

Il tempio in cima alla montagna è il quartier generale dei fedeli Shugendo del buddismo giapponese. Durante il periodo Heian (795-1185), il percorso di pellegrinaggio dello Shugendo divenne molto popolare e, secondo la leggenda, i pellegrini che infrangevano le regole o mostravano poca fede venivano appesi per le caviglie sopra la scogliera.

Alle donne era vietato l'accesso all'intero percorso di pellegrinaggio fino agli anni '70 e ci sono ancora aree del percorso dove le donne non possono calpestare.

Si è tentato a lungo di combattere questo divieto, ma senza successo. I sostenitori affermano che si tratta di una tradizione di 1.300 anni e affermano che la segregazione sessuale non è la stessa cosa della discriminazione. Tuttavia, la nomina da parte dell'Unesco del Monte Omine come Patrimonio dell'Umanità è stata vista dai critici come l'approvazione internazionale di questo divieto.

Galaxy Water Park in Germania

Quello della Germania è un caso curioso. Questo parco acquatico è uno dei più grandi d'Europa e ha bandito le donne dalla sua attrazione principale: lo scivolo X-Treme Faser. Il motivo è che quando si scivola verso il basso, si raggiungono velocità superiori a 100 km / he diverse donne hanno riferito di provare disagio ai genitali dopo aver terminato il suo utilizzo. Incredibile ma vero.

Monte Athos

Monte Athos in Grecia

Già nel X secolo, l'imperatore di Bisanzio proibì alle donne l'accesso all'area sacra del Monte Athos per non tentare i monaci che vi abitavano. In una delle tre penisole che compongono la Calcidica si trova questa montagna dove i monaci ortodossi russi hanno vissuto per circa mille anni.

Questo luogo è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1998 ma dei 40.000 visitatori che riceve ogni anno, nessuna è donna poiché deve stare ad almeno 500 metri da questo luogo. Non possono nemmeno accedere con un permesso speciale che deve essere richiesto in anticipo per vedere il Monte Athos.

Ma non è tutto, secondo un vecchio regolamento, neanche le femmine possono calpestare il loro suolo. L'unica eccezione sono i gatti, perché sono utili ai monaci per cacciare i roditori.

Club per gentiluomini in Italia

In questo paese europeo si stima che ci siano circa 40 club dove politici, magnati e uomini d'affari si incontrano per discutere di affari e di economia. Tuttavia, le donne non possono partecipare alle loro discussioni perché non sono autorizzate a partecipare.

Qualcosa di simile accade anche nei Paesi Baschi e nelle società gastronomiche e in alcuni kafenion sulle isole greche. Le donne non sono ammesse in questi caffè tradizionali e sono spesso piene di uomini che giocano a carte o parlano.

Arabia Saudita

In questo paese praticamente tutti i luoghi pubblici sono vietati alle donne a meno che non siano accompagnate da un uomo. Così semplice e così inquietante.

Museo Te Papa

Museo Te Papa in Nuova Zelanda

Nelle sale del Te Papa Halls Museum si fa un viaggio nella storia della Nuova Zelanda attraverso più di 25.000 oggetti, tra i quali spicca il gran numero di abiti e fotografie.

In questo caso, sembra che il divieto di ingresso alle donne non sia totale, ma per le gestanti o per chi ha la regola. A quanto pare, secondo le credenze di alcune religioni praticate nella zona, le donne sono considerate "impure" a quei tempi. Ora, come controllerà il museo quali visitatori hanno le mestruazioni?

Spiaggia di Mlimadji nelle Isole Comore

Questa spiaggia si trova nelle Isole Comore e sebbene in linea di principio chiunque possa accedervi, sembra che negli ultimi tempi le autorità abbiano vietato l'ingresso alle donne a causa delle pressioni esercitate da alcuni leader religiosi della zona.

 

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*