Conosci le tre capitali del Sud Africa?

Città del Capo

Alla domanda se conosci le tre capitali del Sud Africa, sicuramente la tua prima reazione sarà di sorpresa. Non è affatto comune che un paese abbia tre capitali. Come se ciò non bastasse, Johannesburg, che è la città più popolata, non è tra queste.

In effetti è un caso unico al mondo. Solo il Paesi Bassi, la cui capitale è Amsterdam, ma la sua amministrazione si trova in Aia. E anche Bolivia, la cui capitale è la città di Sucre, mentre la sede del governo è a La Paz. Ma vi abbiamo chiesto se conoscete le tre capitali del Sudafrica e, di seguito, risponderemo alla domanda.

Perché il Sudafrica ha tre capitali?

Parlamento sudafricano

Parlamento sudafricano a Città del Capo

Anche se ciò significa andare fuori tema, non possiamo resistere a rievocare con voi i bei ricordi che ci porta questo paese dell'Africa meridionale. Ho visto la squadra di calcio spagnola vincere l'unico campionato del mondo che la nostra nazione ha fino alla data Quell'obiettivo Iniesta ai supplementari è indimenticabile.

Ma, tornando alla questione delle tre capitali del Sud Africa, questo fatto ha una spiegazione. E, per darvelo, dobbiamo viaggiare indietro nel tempo fino agli inizi del XX secolo. Nel 1910 il Unione Sudafricana, embrione di quello che sarebbe poi stato il Repubblica del Sud Africa. Era composto da quattro ex colonie che erano Natal, Orange River, Capo e Transvaal. Ognuna aveva una propria capitale e, già nel 1961, quando si formò il Paese, si sviluppò un forte dibattito su quale dovesse essere il suo centro politico e amministrativo.

Fu adottata come soluzione salomonica che quelle che servivano come tali nelle ultime tre colonie menzionate fossero capitali. COSÌ, Pretoria, quella del Transvaal, divenne la sede del potere esecutivo; Bloemfontein, da Río Orange, ospitava quello giudiziario, e Città del Capo al legislatore. Pertanto la regione del Natal è stata esclusa e anche questo ha una spiegazione. Questa colonia era l'unica anzi della creazione dello Stato del Sud Africa nel referendum del 1960.

In ogni caso, la divisione politico-amministrativa del Paese oggi è diversa. È diviso in nove province che sono: Nord Ovest (con capitale Mafikeng), Mpumalanga (Mbombela), Limpopo (Polokwane), KwaZulu-Natal (Pietermaritzburg), Gauteng (Johannesburg), Free State (Bloemfontein), Eastern Cape (Bhisho), Western Cape (Città di Capo) e Capo Nord (Kimberley).

Ma, tornando all'argomento se conosci le tre capitali del Sud Africa, di seguito ti mostreremo le loro principali attrazioni.

Pretoria, dove Nelson Mandela pose fine all'apartheid

Pretoria

Veduta di Pretoria

È stata fondata nel 1855 da Martino Pretorio, che gli diede il nome di suo padre, Andries Pretorius, uno dei grandi leader dei boeri. Come sapete, si trattava di agricoltori di origine olandese che si stabilirono nella regione a partire dal XVII secolo.

Ma, soprattutto, Pretoria è tramandata ai posteri perché in essa Nelson Mandela fu nominato presidente del Sudafrica, ponendo, in questo modo, fine dell’apartheid o segregazione razziale. Precisamente, se viaggi in città, puoi visitare il Museo dell'Apartheid, dove si rende omaggio a tutte le persone che lo hanno subito. Tra questi, oltre allo stesso Mandela, Stefano Biko. Ma l’esposizione dei 1311 nastri sospesi al soffitto è davvero sconvolgente. Perché rendono omaggio ai tanti altri prigionieri politici giustiziati in quel periodo.

Pretoria ha anche altri musei. Tra loro, quello dell'Art, che contiene un'importante collezione etnica; quello del Transvaal, dedicato alla geologia e alla storia naturale, e quello della Storia e della Cultura Nazionale, sull'arte rupestre, l'archeologia e l'etnologia. Carattere diverso ha il Case Van Wow, che espone le opere del famoso scultore olandese, e Paul Kruger, politico che guidò la resistenza boera contro l'Inghilterra. Proprio il primo creò il monumento al secondo che potete vedere Piazza della Chiesa, di cui vi parleremo di seguito.

Piazza della Chiesa e altri monumenti da vedere a Pretoria

Museo del Transvaal

Museo del Transvaal a Pretoria

Questa piazza è il centro nevralgico della città e ospita i suoi principali monumenti. È il caso di Palazzo di giustizia, dove fu processato Nelson Mandela. E di Raadsaal, ex parlamento del Transvaal. Ma anche del Ufficio postale centrale progettato da William Hawke, Camere Tudor o Teatro Campidoglio.

Inoltre, l' Edifici dell'Unione Ospitano l'attuale parlamento e rispondono allo stile monumentale britannico. Il suo creatore era l'architetto Herbert Baker e si distinguono per le loro grandi dimensioni, poiché misurano 285 metri di lunghezza, ma, soprattutto, per il loro magnifico rintocco, identico a quello del Big Ben di Londra. Allo stesso modo, molto vicino a loro hai il Monumento ai Voortrekker, omaggio ai coloni boeri. E nel complesso universitario ci sono alcuni edifici storici di interesse come il Facoltà delle Arti.

Vi consigliamo di vedere anche la stazione ferroviaria in stile neocoloniale; Casa Melrose, dove fu firmata la pace tra boeri e britannici nel 1902, e il forte Klapperkop, oggi museo militare e che offre una magnifica vista panoramica sulla città. Infine, goditi le numerose aree verdi di Pretoria. Fra loro, Burgers Park, Princes Park, lo zoo e vari giardini botanici.

Bloemfontein, "la città delle rose"

Bloemfontein

Panoramica di Bloemfontein

Quando abbiamo risposto alla domanda se conoscete le tre capitali del Sudafrica, vi abbiamo detto che Bloemfontein è quella che ospita la magistratura. Ma ha anche numerose attrazioni. È noto come "la città delle rose" per il gran numero di questi che si verificano nella zona e perché ogni anno viene celebrata una festa dedicata a questo fiore.

La sua fondazione avvenne nel 1846 ad opera dell'ufficiale britannico Enrico Guardiano come forte avanzato nella regione di Transorange. Inoltre, nel 1912 il Congresso nazionale Africano, in cui Mandela avrebbe poi prestato servizio, per difendere i diritti della maggioranza nera. E, per curiosità, vi diciamo che è la città dove è nato John Ronald Reuel Tolkien, Autore di Il Signore degli Anelli.

Naval Hill e altri punti di riferimento di Bloemfontein

Municipio di Bloemfontein

Municipio di Bloemfontein

Qui alla collina navale hai uno spettacolo monumento. È dedicato alla battaglia che ebbe luogo lì durante la seconda guerra boera e anche al ruolo dei sudafricani nella marina britannica. Allo stesso modo, puoi vedere il Museo delle armi, con un originale ospedale militare. E, molto vicino, lo è il planetario, che all'epoca era l'unico a sud del Sahara.

Allo stesso modo, è magnifico Monumento alle donne, creato nel 1913 per rendere omaggio al ruolo delle donne nella storia del Sud Africa. È composto, come elemento centrale, dalla statua di una donna con un bambino in braccio che rappresenta tutte le donne sudafricane.

Infine, visita lo zoo della città e il Giardino botanico di Kings Park. Ma soprattutto, il Museo d'arte Oliewenhuis, situato nella residenza dell'ex governatore e dedicato all'arte africana proveniente dal Sud Africa, Botswana, Namibia e Zimbabwe.

Città del Capo

Municipio di Città del Capo

L'imponente municipio di Città del Capo

Allo stesso modo, quando abbiamo risposto alla domanda se conoscete le tre capitali del Sudafrica, vi abbiamo detto che Città del Capo è la sede del potere legislativo. Il suo fondatore fu il navigatore olandese Jan Van Riebeeck nel 1652, creando così il primo insediamento europeo nell’Africa sub-sahariana. Era anche la città più grande della regione finché non fu superata da Johannesburg y Durban grazie alla cosiddetta “corsa all’oro di Witwatersrand”.

Oggi è diventato un importante centro turistico. Riceve quasi un milione e mezzo di visitatori attratti dai suoi monumenti, attività e magnifiche spiagge come Boulders. Si trova nel Parco nazionale della Montagna della Tavola, è protetta perché ospita una colonia di pinguini con cui si può nuotare.

Castello di Buona Speranza e altri monumenti di Cape Town

Castello di Buona Speranza

Il Castello di Buona Speranza

Si tratta di un forte costruito nel XVII secolo sul modello di disposizione italiana. Questo si caratterizza per avere diversi edifici bassi, ma dalle forme poligonali e solide, accompagnati da aggetti o bastioni difensivi. Nel 1936 fu dichiarato monumento nazionale. Già negli anni ottanta fu restaurato e oggi è uno dei migliori esempi della forza della Compagnia olandese delle Indie Orientali in Africa.

Allo stesso modo, dovresti visitare Città del Capo Museo del distretto 6, dedicato alla tragedia dell'Apartheid. E puoi completare le informazioni in Isola di Robben, che ospita il carcere dove Nelson Mandela fu rinchiuso per ventisette anni.

D'altra parte, il quartiere di Woodstock È uno dei più vitali della città. In esso puoi vedere più di cento manifestazioni di arte urbana che decorano gli edifici. Allo stesso modo, devi visitare il Giardino botanico Kirstenbosch, che, con le sue oltre settemila specie di piante, è uno dei migliori al mondo. Infine, devi fare un'escursione. Riguarda quello che ti porta al Capo di buona speranza e il Parco nazionale di Cape Point. Per molti anni si è pensato che fosse il punto più meridionale dell'isola Africa, ma non è così. Questo posto si trova nel mantello degli Aghi.

In conclusione, abbiamo cercato di rispondere alla domanda se conosci le tre capitali del Sud Africa. Come hai visto, queste sono tre città che ti offrono molte attrazioni. Osate scoprirli.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*