Kenya e il suo patrimonio mondiale

Africa è un continente meraviglioso se ti piacciono la natura e la fauna selvatica. Qui, uno dei paesi più turistici è Kenia quindi oggi parleremo di questo bel paese e dei suoi Patrimonio mondiale.

Sì, il Kenya ha molti siti che sono stati dichiarati in questo modo dall'UNESCO e oggi li vedremo tutti: il Vecchia città di Lamu, la Fort Jesus, la Kenyan Lake System, lui Parco Nazionale del Lago Turkana, la Parco Nazionale del Monte Kenya e gli Mijikenda Kaya Forests.

Parco Nazionale del Lago Turkana

Questo parco keniota presenta nella lista del patrimonio dal 1997. È in una zona remota ed è solo per avventurieri. In realtà è un file complesso di tre parchi si trovano intorno al Lago Turkana, noto anche con un nome più romantico, "Mare di Giada". Ovviamente è dovuto al colore speciale delle sue acque che navigano tra il blu e il verde brillante.

Qualunque cosa lo chiamino questo enorme lago è sì a tipo di mare interno e ha la particolarità di essere il il più grande lago deserto del mondo. Il suo specchio d'acqua è lungo 250 chilometri, molto più lungo della costa marina del Kenya. E cosa c'è in queste acque? Coccodrilli! Tantissime, e da tempo la popolazione è cresciuta in quantità e dimensioni degli esemplari.

Quindi, stiamo sostanzialmente parlando di tre parchi in uno. Il primo è il file Parco nazionale dell'Isola del Sud. L'isola è completamente ricoperta di cenere vulcanica, quindi di notte emana un certo bagliore. Ospita molti uccelli velenosi, anatre, gabbiani e rettili.

D'altra parte è il file Parco nazionale di Sibiloi, per molti la culla dell'umanità poiché qui è il sito archeologico di Koobi Fora. È un'area semi-desertica, circondata da formazioni vulcaniche, tra cui il Monte Sibiloi, e un luogo di nascita per l'ippopotamo e il coccodrillo del Nilo Amen a gazzelle, leopardi, leoni, zebre, iene, orici e ghepardi.

E infine c'è il file Isola centrale, dove conos e crateri vulcanici. L'isola ha tre vulcani attivi con vapori e fumarole costanti e ... un'enorme concentrazione di giganteschi coccodrilli del Nilo.

Parco Nazionale del Monte Kenya

È anche stato sulla lista dell'UNESCO dal 1997. Il monte Kenya è la seconda montagna più alta del paese e i suoi dintorni sono bellissimi. Avere laghi di acque incontaminate, ghiacciai, sorgenti minerali e fitte foreste. Qui la vegetazione montana e alpina è unica e c'è molta vita animale: elefanti, leopardi, rinoceronti, bufali, antilopi e altri.

I viaggiatori possono divertirsi qui scalare montagne, accamparsi ed esplorare grotte. In cima alla montagna è presente un ghiacciaio con neve equatoriale e sebbene sia difficile da raggiungere, alla vetta inferiore, Punta Lenana (4985 metri), è facilmente raggiungibile in tre-cinque giorni.

Mijikenda Kaya Forests

Nella lista dell'UNESCO dal 1997, il nome Mijikenda si riferisce a un gruppo di nove gruppi etnici Bantu che abitano la costa dal Kenya: Chony, Duruma, Kaumá, Kambe, Ribe, Rabai, Jibana, Digo e Giriama.

Con la colonizzazione i gruppi si stavano disperdendo ma i kayas, TheI luoghi primitivi in ​​cui queste persone eseguivano cerimonie di iniziazione, santuari o sepolture rimasero importanti e oggi sono luoghi sacri.

Poi, Le foreste di Kaya sono costituite da dieci siti distribuiti lungo la costa dove sono ancora presenti i resti dei villaggi che appartenevano al popolo Mijikenda.. Oggi sono considerati luoghi magici degli antenati.

Città vecchia di Lamu

Questo sito compare nella prestigiosa lista dei UNESCO nel 2001. Ciò che distingue la città è il suo architettura risalente al XIV secolo quando nasce come insediamento swhahili. Poi il influenze da visitatori esterni come gli esploratori portoghesi, i mercanti turchi o gli arabi. Ognuno ha lasciato il segno ma Lamu ha anche sviluppato la propria cultura ed è quella che è rimasta.

Il sito è affascinante, con strade strette che sembrano sospese nel tempo, il suo piazze affollate, i suoi mercati e il suo forte, attorno al quale tutto accade. Una finestra sul passato, quello è. Non ci sono macchine sull'isola e si muovono tutti sugli asini. Le persone sono molto rispettose delle tradizioni quindi può essere, agli occhi degli occidentali, un posto super esotico.

Fort Jesus

Il forte è stato anche incluso nella lista del patrimonio mondiale nel 2001. È a Mombasa, sulla costa keniota, ed è un forte che era costruito dai portoghesi tra il 1593 e il 1596. Lo scopo del forte era difendere il porto di Mombasa e proteggere i portoghesi che vivevano sulla costa orientale.

A quel tempo la zona era molto "richiesta" e non era esente da attacchi alla fine del XVII secolo, ad esempio. Successivamente, durante il XIX secolo, il forte servì anche da caserma per i soldati portoghesi. Quando il Kenya cadde in mano agli inglesi nel 1895, divenne una prigione.

La verità è che questa fortezza è un posto fantastico e molto ben conservato. Se ti piacciono gli esempi di architettura militare, questo è un sito eccellente. All'interno vedrai una buona esposizione di oggetti tra il XIV e il XIX secolo, e all'esterno c'è un'esposizione di cannoni. E se ciò non bastasse, tre sere a settimana c'è un spettacolo di luci e suoni e i visitatori sono accolti dalle guardie con le torce.

Il forte torna in vita e alla fine a cena a lume di candela e sotto le stelle. spettacolare. Per il turismo viene offerto anche Combina la cena con una crociera al tramonto nel porto di Mombasa. Meglio, impossibile.

Kenyan Lake Systems

Ci sono tre laghi in totale, il Lago bogoria, la Lake nakuru e il Elementaita Lake, in una valle. Sono uniti e sono laghi relativamente poco profondi che coprono un'area totale di 32.034 hectareas. Fanno un bel posto per apprezzare la natura.

Tutti e tre lo sono laghi alcalini, ciascuno con il suo processo geologico, con geyser, sorgenti termali, acque libere, paludi, foreste e praterie aperte. I tre laghi contengono Molti uccelli che vanno e vengono in gran numero come parte di un processo migratorio al mutare delle stagioni.

fieno fenicotteri sulle rive dei laghi, lasciando un'indimenticabile sfumatura rosa. Le acque alcaline permettono la vita di alghe e piccoli crostacei, appunto il cibo dei fenicotteri. Al Lago Nakuru a volte compaiono pellicani bianchi che vengono a mangiare pesce e ci sono anche rinoceronti, leoni, bufali leopardo ...

Nel lago Bogoria ci sono geyser e sorgenti termali ad alto contenuto di anidride carbonica e bolle esplosive. L'attività vulcanica, come vediamo, a volte è il miglior artista del mondo. E infine, al lago Elementaita vedrai specie più rare come scimmie, iene, volpi, giraffe e aquile. Un vero paradiso per chi ama osservare gli uccelli.

Quindi, chiunque venga ai laghi si godrà, vivrà un'esperienza incredibile ... Beh, come possiamo vedere, chiunque decida di andare in Kenya si divertirà moltissimo.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*