Museo sefardita di Toledo, un viaggio nella cultura ebraica spagnola

Immagine | Wikipedia

Situata nell'antico quartiere ebraico di Toledo e considerata la sinagoga medievale meglio conservata al mondo, troviamo la Sinagoga Samuel ha-Leví o la Sinagoga di Tránsito. Le varie vicissitudini della storia lo trasformarono in una chiesa, un ospedale, un archivio di ordini militari, un eremo e infine un Museo sefardita per pubblicizzare la cultura ebraica spagnola.

Uno spazio dedicato all'eredità dei costumi e della storia sefardita, nonché alla religione ebraica come parte essenziale del patrimonio culturale di Toledo.

La Sinagoga del Transito

Tra gli anni 1355 e 1357 la costruzione della Sinagoga del Transito fu ordinata da Samuel ha-Leví (Tesoriere alla corte del re Pedro I di Castiglia) come la cappella privata del palazzo che aveva ordinato di costruire su una vasta area vicino al Tago e i cui limiti raggiungevano il bordo del fiume. Tuttavia, solo la sinagoga è l'unica struttura che ha resistito alla prova del tempo.

Il suo design semplice nel soggiorno è simile a quello di molte cappelle dei palazzi cristiani dell'epoca, anche se si distingue per l'austerità esterna e la sontuosità decorativa degli interni., ricca di decorazioni geometriche legate al vacui horror della cultura orientale. Cioè, una pratica artistica che consisteva nel riempire tutto lo spazio vuoto in un'opera con un qualche tipo di disegno o immagine. In questo caso, il rivestimento della parete è pienamente apprezzato attraverso una decorazione traboccante basata su intonaci in stile mudéjar.

Il tema ornamentale della Sinagoga di Tránsito è limitato all'araldica e all'epigrafia. In esso si possono vedere gli scudi di Castilla y León, testi lungo il fregio che esaltano le figure del re Pedro, Samuel Leví e del loro architetto Rabbi Don Mayr, intervallati da salmi e lodi a Dio, in segno di gratitudine per la protezione ricevuta.

Immagine | Wikimedia

La parte anteriore della parete est è abbondantemente decorata con decorazioni vegetali di creazione araba chiamate ataurique. Mentre nella parete sud si possono ancora vedere i fori destinati ad ospitare le travi in ​​legno della tribuna riservata alle donne, da dove assistevano alla liturgia nascoste e separate dagli uomini.

Con l'espulsione degli ebrei nel 1492, i monarchi cattolici cedettero la sinagoga di Tránsito all'Ordine di Calatrava, che per primo la convertì in chiesa e poi nel XVIII secolo in un eremo a causa del declino degli ordini militari. Ma questi non sono stati gli unici usi che gli sono stati dati. La sinagoga era anche ospedale e archivio di ordini militari.

Con il processo di confisca nel XNUMX ° secolo, è stato dichiarato Monumento Nazionale e sono state prese una serie di misure per ripristinarlo e fermarne il deterioramento. Già nel XX secolo, nel 1964, nella Sinagoga di El Tránsito è stato creato il Museo Sefardita. Quattro anni dopo il museo sarebbe stato dichiarato Museo Nazionale di Arte Ebraica Ispano.

Immagine | CLM Press

Museo sefardita

Le sale del Museo Sefardita occupano gli spazi dell'antico archivio degli ordini militari di Calatrava e Alcántara. In totale sono cinque le sale che ospitano il materiale archeologico ed etnografico della comunità ebraica spagnola relativo alle sue origini, alla sua religione, al suo modo di vivere, alla storia e ai costumi.

La prima sala mostra la storia del popolo ebraico nel Vicino Oriente del periodo antico. Qui sono esposti vari oggetti datati tra il 2.000 a.C. e il I secolo d.C. come una Torah e altri oggetti liturgici.

La seconda sala del museo ci porta alla vita degli ebrei durante l'Impero Romano, il periodo visigoto e in al-Andalus. Nel frattempo, nella terza sala possiamo conoscere alcuni nuovi reperti archeologici e la storia della comunità sefardita nei regni cristiani.

Infine, la quarta e la quinta sala sono dedicate alla vita e al ciclo festivo dei sefarditi. Si trova nella cosiddetta Galleria delle Donne, che era lo spazio riservato alle donne nella sinagoga.

Immagine | CLM 24

Di tutta la raccolta spicca il cosiddetto Vecchio Fondo Bibliografico, costituito da libri, manoscritti e documenti in lingua ebraica, sefardita e spagnola che vanno dal XIV al XX secolo.

Come spazi complementari possiamo vedere il patio nord o Giardino della Memoria (dove ci sono le lapidi) e il patio est o area di sosta (dove possiamo vedere i resti archeologici di quelli che potrebbero essere i bagni pubblici del quartiere ebraico di Toledo). Infine, c'è uno spazio multimediale che, attraverso i suoni, ci permette di rivivere una passeggiata nel quartiere ebraico della città a metà del XIV secolo.

Biglietti e orari per la Sinagoga del Transito

La tassa di iscrizione

L'ingresso generale costa 3 euro e il ridotto 1,50 euro. È gratuito per i minori di 18 anni, il sabato dalle 14:XNUMX e la domenica.

Orario

Sono chiusi ogni lunedì, nei giorni festivi locali e nei giorni 1 e 6 gennaio, 1 maggio, 24, 25 e 31 dicembre.

Sono aperti la domenica e i giorni festivi dalle 10:00 alle 15:00. L'orario invernale è dal 1 novembre al 28 febbraio dal martedì al sabato dalle 9:30 alle 18:00. In estate sono aperti dal 1 marzo al 31 ottobre dal martedì al sabato dalle 9:30 alle 19:30.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*