Alsazia a Natale

Strasburgo

Visitare Alsazia a Natale è farlo a una delle regioni che vive più profondamente questa epoca di Europa. Tutte le sue città, che hanno preziosi centri storici del medioevo, goditi spettacolari decorazioni natalizie e mercatini non meno magici.

Noi di Strasburgo su Colmar, le località di questa regione nord-orientale di Francia festeggiare un Natale pieno di magia e tradizioni in scenari che sembrano tratti, appunto, da a racconto d'avvento. Alle attività precedenti bisogna aggiungere i concorsi corali natalizi (i Noëlies) e gustose usanze gastronomiche. Affinché tu decida di viaggiare in Alsazia a Natale, spiegheremo tutto ciò che confina con questa regione gallica Germania y Svizzera.

Tradizioni alsaziane a Natale

Kaysersberg

Atmosfera natalizia a Kaysersberg

Abbiamo appena detto che i mercatini sono una delle grandi tradizioni dell'Alsazia a Natale. Ma ce ne sono altri molto interessanti. I personaggi natalizi per eccellenza sono Hans trapp y cristkindel. Sebbene siano due figure antitetiche, li vedrai sicuramente agli eventi natalizi della regione. Il primo diventa una trascrizione del nostro Sacco uomo e spaventa i bambini che sono stati disobbedienti portandoli via nella sua borsa.

Invece, il secondo è una specie di buon angelo o fata che fa regali ai piccoli che si sono comportati bene. La figura di Cristkindel è stata introdotta da Martin Luther con la sua riforma protestante ridurre l'importanza alle tradizioni cattoliche. E, in alcuni luoghi, si identifica con il Gesù Bambino. In ciò che la regione non differisce da altre europee è nel gusto per presepi o presepi. E, allo stesso modo, nel illuminazione stradale debitamente motivate per tali date.

D'altra parte, come non potrebbe essere da meno, l'Alsazia ha il suo usanze gastronomiche a Natale. Sono ricette che puoi assaporare in uno qualsiasi dei suoi mercatini di Natale. Per quanto riguarda le bevande, il vin brulè. Si prepara in due modi: con vino rosso, agrumi e un po' di cannella oppure con vino bianco, anice e noce moscata. Anche lui succo di mela È classico nelle celebrazioni.

Per quanto riguarda il cibo, di solito è dolce in preparazioni come i biscotti, chiamati biscotti brédalas o panini al miele speziati. Ma forse ancora più tipici sono i mannella, piccole figure di uomini realizzate con pasta brioche. Allo stesso modo, accanto alle ricette natalizie, ne hai altre tradizionali della zona che si mangiano tutto l'anno, anche in questo periodo. Ad esempio, in molti pasti natalizi il crauti, piatto tipico dell'Alsazia. Sono foglie di cavolo che hanno subito la fermentazione lattica e vengono tagliate a listarelle sottili. Possiamo dirti lo stesso di Baeckeoffe, stufato preparato con patate, cipolle e agnello, maiale e manzo precedentemente marinati nel vino bianco e bacche di ginepro.

Anche tra le usanze dell'Alsazia a Natale c'è il decorazione dell'albero con oggetti diversi, quasi sempre provenienti dal artigianato ceramico locale. Troverete proprio questo e molto altro nei mercatini di Natale della regione.

Mercati di Strasburgo

Via Strasburgo

Luci di Natale in una strada di Strasburgo

È la città più popolosa dell'Alsazia con quasi un milione di abitanti. A causa delle sue dimensioni, non ha solo un mercatino di Natale, ma diversi. O meglio, ha un mercato unico con luoghi diversi. Tutti loro si trovano nello spazio formato dal grande ille o dichiarato centro storico medievale Patrimonio.

In questo mercato puoi trovare di tutto. Ma la città ti offre anche altri punti di riferimento. Quindi, nel Piazza Kleber colui che presume di essere è posto albero di natale più alto del mondo. Tuttavia, forse il centro nevralgico di queste celebrazioni a Strasburgo è nel piazza delle broglie, dove la Christkindelsmärik o Mercato del Bambino Gesù.

D'altra parte, poiché visiti la città alsaziana, assicurati di vedere i suoi monumenti principali. Inizia con il tuo fantastico Cattedrale di Notre Dame, magnifico esempio di gotico fiammeggiante, con il suo orologio astronomico. E continua attraverso altre chiese come quella romanica Santo Stefano o di San Pietro il Vecchio, che ospita spettacolari pale d'altare.

Ma attenzione anche alle vie del centro storico, piene di case medievali in legno bianco e nero tipico della zona. Tra questi spicca l'edificio del Vecchia dogana e, soprattutto, lo spettacolare Casa Kammerzell, che unisce gli stili gotico e rinascimentale. Infine, non smettere di guardare il Palazzo Rohan, esempio di classicismo francese; il Ospedale Civile, in stile barocco, e il Museo delle Belle Arti, con dipinti di Goya, Veronese, Tintoretto o Rubens.

Colmar, l'essenza dell'Alsazia a Natale

Colmar

Mercatino di Natale di Colmar

Questo piccolo comune di circa settantamila abitanti ha conservato tutto il suo essenza medievale, che lo rende l'ambiente perfetto per il Natale alsaziano. Infatti, ci sono anche molte case in legno tradizionali gotiche e rinascimentali. Ha anche un fiume, il Lauch, che circola attraverso piccoli canali per ricreare scene natalizie.

I mercatini sono distribuiti in base agli oggetti che vendono. Così, in quello del Piazza dei Domenicani troverai regali; in quella di Giovanna d'Arco cibo e oggetti decorativi; in la zona della Vecchia Dogana, artigianato e nel Quartiere Piccola Venezia, famoso per i suddetti canali, hai attività per bambini.

D'altra parte, visto che sei a Colmar, visita il suo Cattedrale di San Martino, in stile gotico, e molto vicino ad esso il Corpo di Guardia, edificio rinascimentale che fungeva da caserma. Dovresti vedere anche il chiesa domenicana, che ha magnifiche vetrate colorate e una spettacolare pala d'altare di Martin Schongauer. Ma più curioso sarà il Casa dei Capi, decorato da più di cento figure di volti e, soprattutto, il Pfister House, dal pittoresco stile gotico. Infine, non smettere di avvicinarti al Museo Unterlinden, che custodisce gioielli come la Pala di Isemheim, dovuta a Matthias Grunewald.

Eguisheim

Eguisheim

Mercato di Eguisheim, l'autentica Alsazia a Natale

A soli otto chilometri da Colmar si trova quest'altra bellissima cittadina di appena millecinquecento abitanti. Disposti in cerchi concentrici attorno al suo la piazza della chiesa, è stato elencato come uno dei i borghi più belli di Francia. Proprio in quella parte centrale c'è un mercatino di Natale dove si può trovare quasi di tutto.

Ma, inoltre, devi vedere a Eguisheim il suo chiesa di San Pedro e San Pablo, che fu edificata tra il XIII e il XIV secolo seguendo le linee del tardo romanico. Allo stesso modo, è interessante il suo camminamento medievale con le sue case tradizionali dell'epoca. E anche lui castello basso e fontana rinascimentale che si trova nella piazza del mercato e detiene la categoria di monumento storico.

Ma forse i grandi simboli della città sono i suoi tre torri medievali costruito in arenaria rossastra. A titolo di curiosità, vi diremo che appartenevano a una potente famiglia che fu bruciata sul rogo durante la chiamata La guerra dei sei soldi. Da allora sono in possesso del Vescovado di Strasburgo.

Mulhouse e i suoi tessuti natalizi

Mulhouse

Giostra natalizia a Mulhouse

La città di Mulhouse è legata da secoli all'industria tessile. In effetti, ha anche il Museo della Stampa Tessile. È stato aperto al pubblico nel 1955 e ospita più di sei milioni di pezzi. Oltre alle mostre temporanee, si possono vedere macchinari e autentiche opere d'arte tessile del XVIII e XIX secolo.

Pertanto, non ti sorprenderà Il Natale è decorato con tessuti in questa città di circa centoventicinquemila abitanti. Vengono persino organizzati concorsi per presentare i migliori lavori tessili natalizi. E, naturalmente, questi pezzi sono nei loro mercatini dell'Avvento.

Ma dovresti anche visitare a Mulhouse il Chiesa di Santo Stefano, una meraviglia in stile gotico sulla cui torre puoi salire. Inutile dire che i panorami sono spettacolari. Si consiglia inoltre di vedere l'edificio del Ayuntamiento, che ti sorprenderà con la sua facciata rosa. Si tratta di una costruzione rinascimentale in cui spicca anche il suo ingresso, formato da due scale simmetriche. Non meno spettacolare è il suo interno. Pertanto l'ingresso è consentito tutti i giorni esclusi i festivi.

Inoltre, nel piazza del ricongiungimento, centro nevralgico della città, conserva edifici rinascimentali come il casa miag, costruita nel XV secolo, anche se la sua torre è del XVIII secolo. E, a est, troverai il Cappella di San Juan, costruita nel XIII dal ordine di maltese. Infine, alla periferia della città hai il Ecomuseo dell'Alsazia, un esempio dell'architettura rurale della regione.

Mercato Selestat

selestat

La bellissima città di Sélestat

Concludiamo il nostro tour dell'Alsazia a Natale visitando il mercato di Sélestat. Questo piccolo paese di circa ventimila abitanti ha una tale tradizione dell'Avvento di cui si vanta hanno installato il primo albero di Natale. Almeno, è il primo di cui si abbia traccia scritta. Perché già un documento del 1521 parla di colui che fu posto nelle sue strade.

Logicamente, anche Sélestat ha i suoi mercatini di Natale. Ma gli omaggi di questa città all'Avvento non finiscono qui. Sotto gli archi del prezioso chiesa gotica di san giorgio ci sono alberi che raccolgono tutta la storia della decorazione natalizia. E, allo stesso modo, nel Chiesa di San Foy, puoi vedere un lampadario decorato con 173 palline di Natale in vetro Meisenthal.

D'altra parte, a una decina di chilometri da Sélestat, troverai l'impressionante Castello di Haut-Koenigsbourg, costruita intorno all'anno 1100. Come aneddoto, vi racconteremo che nel XV secolo serviva da rifugio per i cosiddetti cavalieri banditi, che hanno devastato la regione con i loro saccheggi.

In conclusione, ti abbiamo mostrato il meglio di Alsazia a Natale. Tuttavia, tutte le città in questa zona di Francia Hanno una grande tradizione natalizia e mercatini. Pertanto, puoi anche visitare il Obernai, splendidamente illuminata al tramonto; quello di Kaysersberg, pieno di aromi; o quello di Ribeauvillé, una città che ha tre castelli. Vai avanti e visita l'Alsazia a Natale e goditi la sua atmosfera genuina.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*