Animali del deserto del Sahara

Il deserto del Sahara è uno dei deserti più famosi al mondo, con le sue giornate calde e le notti fresche. Sembra che nulla o nessuno possa viverci e, tuttavia, il Sahara ha molta vita.

Nelle sue dune, dove si può immaginare che non c'è una goccia d'acqua che sostenga la vita, in realtà accade il contrario: il Sahara trabocca di vita! I suoi animali sono tra le specie più antiche del pianeta e sono riusciti ad adattarsi a condizioni di vita per nulla facili. vediamo oggi gli animali del Sahara.

antilope addax

È una specie di antilope dai piedi piatti, gambe che permettono loro di viaggiare attraverso le sabbie. Ma è un peccato che lo sia in pericolo di estinzione dal momento che cercano la loro carne e la loro pelle, oltre al fatto che il loro habitat si sta deteriorando a causa del riscaldamento globale e dell'azione umana.

Oggi questi animali sono più piccoli che in passato e, a causa delle loro zampe, è anche difficile per loro sfuggire ai loro predatori naturali.

cammello dromedario

Il cammello e il deserto vanno di pari passo e il dromedario, il cammello a due gobbe, è la classica cartolina del Sahara. È qui nelle sue gobbe che l'animale immagazzina grasso, non acqua. Il cammello può bere 100 litri d'acqua in soli dieci minuti!

È anche un animale molto docile, uno dei grandi addomesticamenti del deserto, ed è molto utilizzato poiché è molto forte e può percorrere molti chilometri senza acqua né cibo. Il migliore amico dell'uomo sulla terra come stai!

Gazzelle Dorcas

È specie più comune di tutte le gazzelle: È alto 65 centimetri e pesa circa 50 libbre. Un altro nome che riceve è "Gazzella di Ariel". Questi sono animali vegetariani che mangiano foglie di cespugli e alberi.

Li hai visti saltare quando vedono i loro predatori? Sono loro e, secondo gli specialisti, lo fanno per dimostrare loro che sono in buone condizioni e che andranno incontro alla corrida della loro vita. Hanno coraggio sì, ma anche così è una specie molto vulnerabile.

Scarabeo stercorario

È questo piccolo scarabeo nero che fa molto la cacca e che si nutre di tutto ciò che è stato lasciato da altri animali. Si contano tre tipi, quello che fa palle di cacca, quello che scava le tane e quello che è piuttosto pigro e vive solo nella cacca.

Questa usanza escatologica, quella di fare palline di cacca, è preferita dai maschi della specie. Le femmine sono più interessate a scavare tane e rimanere all'interno.

serpente cornuto

Sono anche conosciuti come serpenti della sabbia e possono crescere fino a 50 centimetri di lunghezza. Solo li vedi di notte e generalmente durante il giorno si seppelliscono nella sabbia. Sono serpenti velenosi che possono causare molti danni alla pelle, distruggere le cellule e produrre molta tossicità.

Il serpente cornuto oggi è a specie in pericolo principalmente a causa del degrado del loro ambiente. Nessuno sa con certezza perché hanno le corna sugli occhi, anche se si ipotizza che sia per proteggerli dalla sabbia o per navigare attraverso di essa o per mimetizzarsi...

monitorare la lucertola

è un rettile super velenoso, a sangue freddo, quindi la temperatura ambiente ha un grande impatto sulle loro azioni. Vivono in alveari caldi e quando fa freddo non si vedono da nessuna parte. Ecco perché la lucertola fondamentalmente non ha alcun meccanismo di combattimento, quindi quando fa freddo diventano super difensivi e diventa molto aggressivo.

Cosa mangiano le lucertole monitor? Mangiano piccoli animali come topi, mammiferi o insetti. Tutto quello che possono trovare.

scorpione assassino

Si tratta di una insetto velenoso e usano le loro armi in due modi: con le loro lunghe tenaglie feriscono gli avversari e con le loro tenaglie più piccole e deboli, una in particolare che ha la punta nera, è quella con cui iniettano il veleno.

Questo veleno ha neurotossine e produce molto dolore. I bambini e gli anziani sono particolarmente suscettibili, quindi procedi con cautela. La cosa peggiore è che ci sono persone che li commercializzano e li vendono come animali domestici.

struzzo del deserto

Un uccello che non vola, poveretto. È così che la pensano sempre, ma in verità la sua incapacità di prendere il volo compensa molto bene l'essere uno degli animali più veloci del mondo. Uno struzzo può correre a 40 miglia all'ora, anche se sono grandi.

Ci sono diverse specie di struzzi nel deserto del Sahara, dicono uova gigantesche e le sue lunghe gambe hanno due dita, il che è ottimo per camminare su lunghe distanze. Queste gambe sono anche super forti, possono colpire super calci, e a questo si aggiunge che hanno una vista favolosa e un udito eccezionale.

Gli struzzi del deserto generalmente non vanno lontano dalle fonti d'acqua e se li osservi attentamente, fai attenzione, ci sono predatori nelle vicinanze. Cosa mangiano? Arbusti, erba, a volte piccoli animali.

cani selvaggi africani

Sono cani selvatici super energici e molto tenaci quando si tratta di inseguire la loro preda che, infine, quando la raggiungono, la sventrano. I cani vivono nelle savane nel sud e nel centro del deserto, a mandrie solitarie

Si stima che la loro percentuale di successo quando iniziano una caccia è superiore all'80%, 90% nel Serengeti, quando il successo dei leoni è del 30%. Hanno un super successo! E come se non bastasse, dopo aver ucciso la preda lasciano che i vecchi cani e i cuccioli si nutrano per primi.

ghepardo sahariano

Questi animali Sono in via di estinzione, rimangono circa 250 animali nel Sahara centrale e occidentale e nella savana del Sudan. A differenza di altri ghepardi, questa sottospecie è più piccola, con pochi colori del mantello e più corta.

I ghepardi del deserto del Sahara cacciano meglio di notte e questo è un prodotto del calore stesso del suo ambiente. Possono anche sopravvivere più a lungo dei loro cugini senz'acqua, poiché bevono il sangue delle loro prede.

fennec volpe

Fanak significa volpe in arabo quindi il nome di questa piccola volpe è un po' ridondante. La volpe è piccolo, uno dei canini più piccoli della famiglia composta da lupi, volpi e cani. Ha una pelliccia molto leggera e che aiuta a riflettere la luce solare.

questa volpe ha reni adattati al deserto, quindi riducono al minimo la perdita di acqua dal tuo corpo. Avere un ottimo senso dell'olfatto e ottimo udito. Questo è il motivo per cui seguono la loro preda ascoltando, in pratica. Possono anche arrampicarsi sugli alberi alla ricerca di piccoli uccelli e uova.

Jerboas

È un roditore che si è adattato molto bene a vivere nell'aspro deserto. Può saltare e correre ad alta velocità, ecco perché continua a sopravvivere e a fuggire dai suoi predatori. La loro dieta è composta da insetti, piante e semi, dai quali vengono anche idratati.

Babbuino di Anubi

È una specie molto africana che si vede anche nelle regioni montuose del Sahara. Ha un colore leggermente grigiastro da lontano, ma da vicino è multicolore.

I maschi sono più grandi delle femmine e sopravvivono nel deserto mangiando un po' di tutto, piante e piccoli animali.

otarda nubiana

È una sottospecie della famiglia delle otarde. È un uccello quello si nutre preferenzialmente di insetti, anche se se hai molta fame puoi mangiare semi. La perdita di habitat significa che ci sono sempre meno membri di questa specie, quindi può essere considerata in via di estinzione.

riccio del deserto

È un piccolo riccio che paralizza quando si sente minacciato e diventa spinoso, quindi è molto difficile catturarlo poiché punge ovunque. Che mangia? Insetti, uova e piante.

mangusta snella

È la mangusta dalla coda nera. Si nutre di insetti, ma si nutre anche di lucertole, roditori, uccelli e serpenti. Anche può uccidere e mangiare serpenti velenosi, ma solo se ti senti davvero minacciato.

Questa mangusta può arrampicarsi sugli alberi molto meglio di una normale mangusta, quindi mangia molti uccelli.

iena maculata

È "iena sorridente". Non è ancora sull'orlo dell'estinzione, ma è vero che il suo numero è diminuito nel tempo e la perdita dell'ambiente naturale. Se lo confrontiamo con altre specie di iene, compaiono le sue macchie, anche se quando la iena invecchia i suoi colori cambiano.

La iena maculata caccia la propria preda.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*