Grotte di Minorca

Cala Pregonda

Le baie di Minorca sono una delle grandi attrazioni di quest'isola appartenente al Baleari. È il secondo più grande dell'arcipelago e il settimo in Spagna. È anche il terzo più popolato, dopo Maiorca e Ibiza.

Ha una ricca storia che inizia con il cultura talaiotica, numerosi luoghi di interesse, paesi caratteristici e parchi naturali che vi affascineranno. Per tutto questo, ti mostreremo alcune delle migliori baie di Minorca. Ma ti parleremo anche di cosa puoi visitare una volta dentro. In questo modo, tu resta in quelle spiagge meravigliose sarà più arricchente.

Insenature di Minorca: paesaggi da sogno e acque turchesi

Tanta è la varietà delle calette di Minorca che puoi trovarle spaziose e con tutti i servizi. Ma anche altri più remoti e pittoreschi che hanno conservato il loro carattere semiselvaggio.

La maggior parte di loro sono collegati dal cosiddetto Cami de Cavalls, un percorso di quasi duecentoventi chilometri che percorre tutta l'isola. Le sue origini risalgono al XVII secolo e aveva la funzione di proteggere Minorca dagli attacchi marittimi. Tuttavia, attualmente costituisce un percorso ideale per fare escursioni. Ma, senza ulteriori indugi, ti mostreremo alcune delle migliori baie di Minorca.

Cala Macarella

Cala Macarella

Cala Macarella

Situata nel sud-est dell'isola, è una delle baie più popolari di Minorca. È anche uno dei più belli. Si può apprezzare vedendo le sue finissime sabbie bianche, le sue acque turchesi e le pinete che la proteggono. Ma anche osservando le falesie alte trenta metri che la incorniciano.

Proprio attraverso il Camí de Cavalls, puoi avvicinarti a Cala Macarelleta. Come mostra il nome stesso, è ancora più piccolo del precedente, ma non per questo meno affascinante. Inoltre, in questo puoi praticare il nudismo, se lo desideri.

D'altra parte, vicino a Macarella hai due dei posti più belli di Minorca. Uno è il villaggio talaiotico di torrellafuda, uno dei più importanti dell'isola. Appartiene alla preistoria, quando questa cultura dominava l'isola. Se lo visiti, potrai apprezzare diversi talayotes o edifici tipici, taulas o monumenti, grotte sepolcrali e resti delle case.

Per quanto riguarda il secondo posto è lo spettacolare Grotta di Murada, più a ovest. È il più grande di tutti Burrone di Algendar e, sebbene sia dovuto all'erosione naturale, è stato successivamente ritoccato dall'uomo. Nello specifico, aggiungeva profondità e, soprattutto, costruiva mura ciclopiche. Anche queste appartengono al periodo talaiotico e lo scopo di queste cavità, sembra, fosse quello di servire come luoghi di sepoltura collettiva.

Cala Morell

La baia di Morell

Cala Morell, una delle calette più attraenti di Minorca

Ci rivolgiamo ora a un'altra delle più belle calette di Minorca, situata nel nord-est dell'isola, molto vicino al Faro di Punta Nati. Questo è uno di quelli che compongono la chiamata Percorso dei sette fari, un bellissimo tour costiero di questi edifici che comprende anche quelli di Cavallería, Favàritx, Artrutx, San Carles, Ciudadela e Isla del Aire.

Tornando a Cala Morell, potresti rimanere deluso dalle sue piccole dimensioni. È una piccola spiaggia che ha a malapena sabbia e hanno persino dovuto essere costruite delle piattaforme sugli scogli per facilitare il nuoto.

Tuttavia è riuscita a conservare tutto il suo fascino naturale e paesaggistico pur trovandosi in una zona turistica. Inoltre, le sue acque sono cristalline e sono circondate da uno spettacolare paesaggio roccioso. Come se tutto questo non bastasse, accanto vedrai un necropoli talaiotica con numerose grotte preistoriche.

Un'altra attrazione che rende Morell una delle baie più interessanti di Minorca è la sua vicinanza a Cittadella, l'antica capitale e la città più popolosa dell'isola. Forse è per questo che ha un'aria maestosa e un centro storico molto bello.

È costituito da strade strette e pittoresche e comprende monumenti come il Cattedrale di Minorca, una costruzione gotica del XIV secolo. Molto vicino si trova la Plaza del Borne, dove si può vedere un obelisco che rende omaggio alla difesa dell'isola contro i Turchi nel 1558.

Accanto alla precedente c'è la Plaza de la Esplanada e, molto vicino, il porto dove il rissaga. Questo fenomeno naturale consiste nel fatto che la marea fa oscillare l'acqua fino a due metri fino a tracimare ed è spettacolare. Tuttavia, sarai in grado di vederlo solo in estate e in determinate condizioni atmosferiche.

Infine, puoi visitare a Ciudadela il castello di San Nicolás, costruito alla fine del XVIII secolo e il Museo Civico, che espone un gran numero di oggetti preistorici.

Cala Turqueta

La baia di En Turqueta

Cala Turqueta

Torniamo a sud-est di Minorca per visitare quest'altra cala, vicinissima a Macarella. A loro si uniscono infatti i Camí de Cavalls di cui vi abbiamo già parlato. Il suo nome si riferisce al colore azzurro turchese intenso delle sue acque.

È circondato da pinete dove troverete ombra nelle giornate più soleggiate e una roccia divide in due le sue sabbie. È una spiaggia semi-selvaggia, ma ha già un servizio di salvataggio e anche un piccolo bar sulla spiaggia dove si può mangiare.

D'altra parte, vicino ad esso sono i Baia di Talaier e il arenal di Son Saura. Ma sarà anche interessante per te sapere che un po' più in là c'è il Cova des Pardals. Un tempo era utilizzato da pescatori e contrabbandieri, ma ora è possibile visitarlo e godere di viste straordinarie sul Mediterraneo. L'accesso è facile, in quanto ha anche le scale.

Cala Galdana

Cala Galdana

Cala Galdana

Si trova anche a sud-est dell'isola, ma, in questo caso, più a ovest delle precedenti. È un'ampia insenatura che offre numerose attività ricreative. Ad esempio, è possibile noleggiare barche a motore o pedalò. Nonostante abbia tanti servizi, non è una spiaggia grande. È lungo appena poche centinaia di metri e largo quasi quaranta. Inoltre, ha una forma a conchiglia, che lo rende molto sicuro per il bagno.

Hai anche un parcheggio vicino alla spiaggia, anche se c'è una linea di autobus. Tuttavia, poiché si tratta di barche, è una buona idea arrivare in questa baia a bordo di uno dei battelli che percorrono la costa di Minorca e fermarsi lì. Tieni presente che Galdana è l'uscita naturale verso il mare da un burrone. Per questo motivo è circondato da rocce spettacolari e da tanta vegetazione. Di conseguenza, le viste dal mare sono impressionanti.

Dopo aver fatto il bagno nelle sue acque cristalline, vi consigliamo anche di salire al belvedere che si trova in uno degli scogli che incorniciano la spiaggia. Avrai una vista spettacolare della costa di Minorca.

Cala en Porter

La cala del Porter

Cala en Porter

Forse ancora più impressionante è questa baia situata nel sud di Minorca. È incorniciato da due imponenti scogliere e dispone di servizio amaca e altri servizi. Dopo aver goduto delle sue acque turchesi, ci si può divertire ad andare Cova a Xoroi, una grotta naturale in cui è stata installata una discoteca.

Ma, inoltre, vicino a Cala en Porter troverai Mahon, l'altra grande città dell'isola e sua attuale capitale. Non dimenticare di visitarlo, perché ha molto da offrirti. Per curiosità, ti diremo che nel suo termine municipale è il punto più orientale di tutta la Spagna.

Ma vi consigliamo di andare al suo porto naturale, che è molto bello e ha anche quattro isole: quelle del Re, del Lazareto, della Quarantena e del Pinto. Proprio alla foce del porto si trova il Fortezza La Mola, edificata a metà dell'ottocento a difesa dell'isola.

Dovresti anche visitare a Mahón il Bastione di San Rocco, residuo dell'antica cinta muraria che proteggeva la città. Ma soprattutto il chiesa di Santa Maria, con il suo spettacolare organo, e il convento del Carmen. Da parte sua, l'edificio del municipio risponde allo stile neoclassico.

Infine, vicino a Mahón hai il Forte di Marlborough e i resti talaiotici di Talati de Dalt. E, se ti avvicini alla zona del Albufera des Grau, vedrai un paesaggio diverso dal resto dell'isola.

Cala Mitjana, una delle calette più spettacolari di Minorca

La Cala Mitjana

Cala Mitjana

Situata nel sud di Minorca, si distingue anche per le sue sabbie bianche fini e le acque turchesi. È considerata una baia vergine e offre un paesaggio spettacolare. Tuttavia, se ti sembra un po' selvaggio, accanto ad esso hai Cala Mitjaneta, ancora più piccola e meno visitata.

Ha un parcheggio per auto molto vicino ed è l'uscita a mare di un burrone. Per questo motivo è circondato da rocce spettacolari e da tanta vegetazione. Tuttavia, gli accessi alla cala sono facili. C'è anche una linea di autobus. Ma, se preferisci rendere il viaggio ancora più comodo, ti consigliamo di farlo via mare. Ci sono diverse barche che attraversano la costa di Minorca e si fermano lì.

Questa spiaggia si trova invece nel comune di Lavori in ferro, dov'è il castello di Santa Águeda, situata alla sommità del colle omonimo. Costruita in epoca araba su un'antica fortificazione romana, si ritiene sia stata edificata nel XIII secolo. Dal 1987 è Bene di Interesse Culturale.

In conclusione, ti abbiamo mostrato alcune delle migliori calette di Minorca, così come i luoghi di interesse vicino a loro che potrebbero anche essere attività con niños. Ma ci sono molte altre zone sabbiose altrettanto belle. Ad esempio, Cala Pregonda, baia del pilastro o Baia di Escorxada.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*