Chad

Immagine | The Guardian Nigeria

Non molti viaggiatori osano viaggiare in Ciad. Conflitti e attacchi terroristici hanno fatto sì che il turismo non fiorisse con la stessa velocità e intensità che in altri paesi del continente africano. Pertanto le infrastrutture sanitarie, di trasporto e turistiche sono piuttosto precarie. Tuttavia, è proprio l'assenza di tutto ciò che spinge i viaggiatori più arditi a recarsi in Ciad in cerca di avventura.

Perché viaggiare in questo luogo remoto quando è così pericoloso? Gli argomenti a favore includono le oasi dei deserti settentrionali, il fascino di una crociera sul lago Ciad o le grandi mandrie di animali selvatici nei parchi nazionali.

Ennedi Desert

Il deserto del Sahara è il più grande del mondo. È pieno di dune interrotte solo da formazioni rocciose come l'Atlante sahariano, i monti Ahaggar o i monti Tibesti. Tuttavia, il deserto dell'Ennedi con il suo paesaggio roccioso unico è probabilmente l'angolo più spettacolare del Sahara.

Tra le sue attrazioni possiamo elencare laghi desertici, montagne, canyon di slot, pitture rupestri preistoriche e antichi archi marini che ora si trovano in mari di dune, che si sono formati quando il lago Ciad si espanse.

Lago Ciad

Molti altri chilometri da N'Djamena, troverai quello che una volta era uno dei laghi d'acqua dolce più grandi del mondo.

Fino all'inizio degli anni '70, il lago Ciad era come un mare all'interno dell'Africa condiviso da diversi paesi come Niger, Nigeria, Ciad e Camerun. Nonostante la sua superficie possa raggiungere i 25 km000 al culmine della stagione delle piogge, a poco a poco il lago si sta prosciugando e negli ultimi quattro decenni ha perso l'2% della sua superficie, con le devastanti conseguenze ecologiche e sociali che provoca i pescatori e agricoltori.

Gaui

In questa città, le bellissime case di fango dipinte sono impressionanti, aggiungendo un tocco di colore al paesaggio monotono dai toni del marrone scuro.

Parco Nazionale di Zakouma

Immagine | Pixabay

Zakouma si trova appena a sud del Sahara come il più settentrionale dei grandi parchi nazionali del continente e È uno degli ultimi esempi dell'ecosistema sudanese-saheliano.

I paesaggi di questo parco nazionale sono unici, una combinazione di spazi aperti con zone umide, foreste della savana e boscaglie.

Sebbene la guerra civile e il bracconaggio abbiano devastato la fauna della zona, le popolazioni animali sono cresciute notevolmente e ora ci sono grandi mandrie di bufali, antilopi roane e cervi. Inoltre, un gran numero di uccelli vive nelle zone umide di Zakouma e quasi la metà delle giraffe del Kordofan in Africa vive in questo parco, il che rende questo luogo un paesaggio magico.

Altri animali che popolano il parco sono il ghepardo, il leopardo e la iena maculata oltre a grandi branchi di elefanti.

Sar

Qui il viaggiatore può scoprire il lato più verde e piacevole del Ciad sabbioso e rilassarsi vicino al fiume Chari. La capitale del cotone del paese non è altro che un luogo in ritardo, una città piacevole e sonnolenta all'ombra di enormi alberi. Il Museo Regionale Sarh espone armi antiche, strumenti musicali e maschere. Al calar della notte, gli ippopotami annaffiano spesso sulle rive del fiume Chari.

Come viaggiare in Ciad?

Per entrare in Ciad è necessario ottenere un visto. Questo paese non ha un'ambasciata in Spagna, quindi il visto deve essere richiesto a Parigi presso l'ambasciata ciadiana. Per questo sarà necessario presentare, oltre ad altri documenti, il passaporto con validità minima di 6 mesi, il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla e una lettera di invito.

Tenuto conto della delicata situazione in Ciad, per motivi di sicurezza si consiglia di fornire le informazioni di contatto e di informare l'ambasciata spagnola in Camerun sull'itinerario e sulla permanenza in Ciad.

Sicurezza in Ciad

Attualmente non è consigliabile recarsi in Ciad a meno che non sia per estrema necessità. Se il viaggiatore decide ancora di entrare nel Paese, è conveniente evitare tutte le zone di confine per il rischio di assalitori armati e soprattutto il confine con il Niger, a causa della minaccia terroristica di Boko Haram.

Misure sanitarie

Per viaggiare in Ciad è obbligatorio vaccinarsi contro la febbre gialla. Il Ministero degli Affari Esteri raccomanda la vaccinazione contro l'epatite A e B, la febbre tifoide, la difterite e la meningite, nonché il vaccino contro il tetano. Allo stesso modo, è consigliabile seguire un trattamento profilattico contro la malaria prima di recarsi in questo paese dell'Africa centrale e prendere le dovute precauzioni contro le zanzare.

Una volta in campagna, si consiglia di adottare alcune misure di igiene alimentare: consumare sempre acqua in bottiglia, evitare ghiaccio e frutta e verdura crude non sbucciate.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*