Getxo, una scoperta basca

Getxo

El comune di Getxo Si trova a una ventina di chilometri da dell'Atletico. Ha una grande attrazione turistica sia per le sue bellissime spiagge che per il suo ricco patrimonio di monumenti e la sua deliziosa cucina tipica biscagliana.

È composto da cinque quartieri. Neguri È quella aristocratica, con grandi palazzi e case di piacere. Invece, Opaco Ha origini operaie, poiché si sviluppò con la costruzione della ferrovia da Bilbao. Las Arenas Ospita il famoso ponte sospeso. Santa María È composto da frazioni e Algorta È l'enclave marittima. Di tutto questo vi parleremo più avanti in questo articolo sul comune di Getxo.

Storia di Getxo

Foto di Getxo

Veduta di Getxo

L'esistenza di Getxo inizia nel XII secolo quando i primi contadini si stabilirono attorno alla chiesa di Santa María (o Andra Mari). In quel periodo arrivarono anche i pescatori nella zona di Algorta, creando il suo vecchio porto. Questa, con le sue strade ripide e strette, conserva tutto il suo fascino primitivo.

Già nel XVIII secolo Getxo crebbe nel calore delle attività commerciali e mercantili di Bilbao. Allo stesso modo, ha acquisito valore strategico grazie alla sua posizione all'ingresso dell'estuario. Ma il grande sviluppo del comune si ebbe nella seconda metà dell'Ottocento.

Perché è un'enclave privilegiata con magnifiche spiagge, l'aristocrazia di Biscaglia e altre province spagnole iniziarono a scegliere il comune di Getxo come posto per le tue vacanze. Costruirono così case sontuose, soprattutto nei nuovi quartieri di Neguri e Las Arenas. Allo stesso tempo, hanno migliorato le loro comunicazioni con l'arrivo della ferrovia da Bilbao e, soprattutto, con la costruzione del ponte sospeso di cui vi parleremo più avanti.

Cosa vedere a Getxo

Palazzo Ampuero

Palacio Ampuero, uno dei tanti nel comune di Getxo

Come vi abbiamo già detto, il comune di Getxo conta numerosi monumenti di diversa tipologia. Tra questi, appunto, figurano i palazzi signorili che ti abbiamo accennato. Ad esempio il palazzo Ampuero, gioiello di stile neomontano dovuto all'arch Manuel Smith; l'Arriluce, per cui Josè Luis Oriol scelse il neogotico; il Lezama Leguizamón, opera di José Maria Basterra in stile modernista, o il San Joseren, dallo stile eclettico.

Tutte queste ville residenziali sono elencate come Bene Culturale nella categoria Complesso Monumentale. Ma Getxo ha molti altri edifici di interesse che dovresti conoscere.

Ponte sospeso, simbolo del comune di Getxo

Ponte sospeso

Ponte Sospeso o Vizcaya

Chiamato anche Ponte di Biscaglia, fu inaugurato nel 1893 per collegare le due sponde dell'estuario di Bilbao tra Portugalete e, appunto, Getxo. All'epoca era unico al mondo e costituisce un simbolo della rivoluzione industriale in I Paesi Baschi.

In realtà, è un ponte dei traghetti. Cioè ha una gondola su cui salgono passeggeri e veicoli. Questo attraversa il fiume sospeso tramite cavi alla struttura del ponte stesso. Gli ingegneri hanno partecipato alla sua progettazione. Alberto de Palacio y Ferdinando Arnodino ed ha una lunghezza di 160 metri. Allo stesso modo, la navicella è ad un'altezza di 61 per facilitare il passaggio delle barche sotto di essa. Puoi ancora provarlo oggi, poiché è in uso.

Porto vecchio di Algorta

Algorta

Porto vecchio di Algorta

Come vi abbiamo detto, è uno dei punti originari del comune di Getxo. Si tratta di un quartiere dei pescatori con strade strette e tradizionali edifici baschi. Il suo centro nevralgico è Casa Etxetxu, costruito nel XVIII secolo dalla Confraternita dei Mareantes. Si distingue per il suo porticato aperto e la sua panchina continua e per un certo periodo ospitò il municipio di Getxo.

Accanto ad esso, sulla scalinata che conduce al porto, si trova il parapetto dell' Riberamune, che per diverse generazioni è stato luogo di ritrovo dei pescatori. Ma il porto vecchio possiede anche altri monumenti che vi mostreremo più avanti.

La Galea e Aixerrota

la galleria

Veduta di Getxo con le scogliere di La Galea

Si tratta di due zone del comune di Getxo unite da a bel giro che offre splendide viste sulla costa e sul porto di Abra. Nel primo di essi, inoltre, ne hai alcuni impressionanti Cliffs che hanno somiglianze con quelli di Normandia in Francia e Dover Nel regno unito.

È anche una zona con bellissime spiagge come quelli di Azkorri e La Salvaje. Quest'ultima è perfetta per il surf e il parapendio, mentre nella prima c'è il "chiodo d'oro", distinzione data ai luoghi di unicità geologica. Ma soprattutto, in questa zona si possono vedere tre delle principali attrazioni monumentali di Getxo: il cimitero di Nuestra Señora del Carmen, il forte La Galea e il mulino di Aixerrota. Conosciamoli meglio.

Il cimitero di Nostra Signora del Carmen

Chiesa a Getxo

Chiesa di Nostra Signora del Carmen

È stato creato all'inizio del XX secolo dall'architetto gipuzkoano Fidel Iturria. Rispondi al più genuino Neoclassico e ha i pantheon più belli del mondo intero. I Paesi Baschi. Complessivamente ne ospita circa cinquecento, oltre a cappelle e altri esempi di arte funeraria. Come se tutto ciò non bastasse, ti offre magnifiche viste sull'estuario di Bilbao, sul porto e sulle montagne che lo circondano.

Forte della Galea

Castello del Principe

Forte La Galea, chiamato anche Castello del Principe

Si tratta di una fortificazione del XVIII secolo costruita per difendere l'estuario dagli attacchi esterni. Il suo progettista era il colonnello Jaime Sycre e, attualmente, è l'unica costruzione militare di questa classe conservata a Vizcaya. Anche conosciuto come castello del principe, presenta spesse mura in muratura circondate da un fossato e quattordici porte per cannoni. Al suo interno presentava diversi edifici adibiti a magazzini, magazzini e alloggi per le truppe.

Mulino di Aixerrota

Mulino di Aixerrota

Il mulino Aixerrota, altro simbolo del comune di Getxo

Anch'esso risale al XVIII secolo. Nello specifico, fu costruito insieme ad altri del suo genere a causa della siccità che colpì il comune di Getxo, poiché non aveva bisogno di acqua per macinare il grano. Tuttavia è l’unico rimasto. La prima cosa che attirerà la tua attenzione è che lo ha poco a che vedere con quelli della Mancia.

Mentre questi sono cilindrici, quelli di Biscaglia hanno la forma di un tronco di cono. Inoltre sono più tardi, poiché quelli della Mancia risalgono al XVI secolo. Il mulino Aixerrota è stato restaurato alcuni anni fa e attualmente ospita una pinacoteca, accanto alla quale si trova un ristorante.

Per curiosità, vi diremo che il suo nome significa, in basco, appunto, "Mulino a vento". Ma soprattutto c'è un romanzo sull'avventura della sua costruzione. Il suo autore è la guechotarra Pedro Fernandez ed è intitolato Aixerrota, l'eredità degli irlandesi.

Antico eremo di San Nicolás e origine del comune di Getxo

San Nicola di Bari

Chiesa di San Nicolás de Bari

Esattamente, lo troverai nel vecchio porto di Algorta. La sua data di costruzione è sconosciuta. Le prime notizie al riguardo, infatti, risalgono al XVII secolo, quando la Confraternita dei Marinai decise di sceglierlo come sede delle proprie riunioni. Già nel XX secolo subì un'importante trasformazione fino a diventare una casa di quartiere. Rimase in piedi solo la sua abside.

Ma ci sono altri monumenti religiosi che ti consigliamo di visitare nel comune di Getxo. IL chiesa di Andra Mari o Santa María È la costruzione attorno alla quale si è creato come nucleo abitato. Risale quindi al XII secolo, anche se successive riforme gli hanno conferito l'attuale stile barocco.

A sua volta, la tempio di San Nicola di Bari Fu edificato a metà del XIX secolo e risponde a canoni neoclassici. Qualcosa dopo lo è quello di sant'Ignazio di Loyola, che presenta tratti neoromanici e neobizantini. Anche neoromanico è il Chiesa della Santissima Trinitàmentre quello di Nostra Signora della Mercede Si distingue per il suo stile neo-Escuriale e la decorazione murale del suo interno.

Arrantzale e Sardinera

Scultura a Getxo

Arrantzale e Sardinera

Getxo rende omaggio anche alle sue origini. Una buona prova di ciò sono Arrantzale e Sardinera, due personaggi che compongono una delle sculture del vecchio porto di Algorta. La prima parola significa "pescatore" in basco e, quindi, la statua rende omaggio a questa figura e ai sardi che successivamente trasportarono il pesce in città.

Ma il comune di Getxo ha altre sculture nelle sue strade. Tra questi notevole è anche quello dedicato all'ingegnere Evaristo Churruca e Brunet, a cui si deve la costruzione dell'avamporto di Bilbao. A proposito, era un parente del grande marinaio Cosme Damian Churruca, che morì eroicamente nella battaglia di Trafalgar.

Piazza Asuerka

Case ad Algorta

Case tipiche nel vecchio porto di Algorta

Lo troverai anche nel vecchio porto di Algorta. Come Riberamune, di cui abbiamo già parlato, è un altro di quei luoghi pieni di fascino nell'enclave primitiva del comune. Troverai infatti questa piazza a pochi metri da quel belvedere e, come lei, ti offre meravigliosi scorci sul paesaggio marittimo. Nella tradizione orale della zona è venuto a chiamarsi Suerka.

marina

Faro

Casa e faro dei naufraghi ad Algorta

El Porto turistico di El Abra-Getxo completa la dotazione turistica della zona. È il primo del suo genere ad essere costruito nel I Paesi Baschi. È stato inaugurato nel 1997 e ha tutte le strutture e i servizi necessari alla navigazione sportiva. Dispone di uno scivolo di alaggio di 9000 mq e di un'area tecnica con gli accessori e le forniture necessarie per la pratica degli sport acquatici.

Ma, in più, ha a spazio ricreativo e commerciale con negozi, bar e ristoranti. Ha anche un complesso cinematografico, il Getxo Zinemak, che vi offre sei sale di proiezione, due delle quali attrezzate per film tridimensionali.

In conclusione, ti abbiamo mostrato tutto ciò che puoi vedere nel bello comune di Getxo. Come se ciò non bastasse, molto vicino hai la meravigliosa città di dell'Atletico, il cui stendardo è Museo Guggenheim, ma ha molti altri monumenti. Ad esempio, il Cattedrale di Santiago, la Basilica di Nostra Signora di Begoña o Palazzi Chávarri e del Consiglio Provinciale. Venite a visitare questa bellissima parte del I Paesi Baschi.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*