Cosa fare a Roquetas de Mar

Uno dei comuni che compongono la provincia di Almería è Roquetas de Mar, situata a soli 21 chilometri dalla capitale. Fenici, romani e arabi sono passati di qui e queste culture hanno lasciato il segno.

La verità è che è un'ottima destinazione per le vacanze quando arriva l'estate, quindi oggi vediamo cosa fare a Roquetas de Mar.

Il mare a Roquetas

In estate si va qui per godersi il sole, il mare e la spiaggia. Il villaggio Ha circa 15 chilometri di costa ed ecco i spiagge urbane più importante. Essendo urbani, sono molto ben organizzati con docce, bagni, passerella e servizi. Poi sì, ce ne sono altri. spiagge più lontane e vergini, come la spiaggia di La Ventanilla o Cerrillos.

Possiamo parlare di dieci spiagge: Playa de la Ventanilla, Playa de las Salinas, Playa de la Bajadilla, Playa de los Cerrillos, Playa de los Bajo, Playa de Aguadulce, Playa del Faro, de la Romanilla, de la Urbanización e infine la Spiaggia serena.

Una delle attività offerte dal mare è l'opzione di tuffarsi o fare snorkeling. La bellissima foresta di Posidonias Oceanicas sott'acqua merita davvero una visita. Il nome completo è Monumento naturale della barriera corallina di Posidonia ed è una barriera corallina naturale di 108 ettari. È uno dei pochi che esistono in Spagna e in alcune parti le foglie di Posidonia emergono dall'acqua.

Oltre a questa pianta sono presenti circa 800 specie di animali, cernie, triglie, saraghi, saraghi, spigole e trattandosi di una spiaggia vergine si possono praticare qui sport marini come Immersione. Ci sono escursioni in piccoli catamarani, con percorsi di due o tre ore, che attraversano le acque e alcune calette della costa come Cala del Moro o Cala San Pedro.

Infine, sempre pensando all'acqua, c'è il Parque MarioPark, un parco acquatico con ristoranti, piscine e lettini, l'Aquavera, simile e ottimo per andare con i bambini.

Cosa visitare a Roquetas de Mar

Pensando alla storia di questo comune andaluso possiamo iniziare con il Castello e faro di Santa Ana, luoghi oggi utilizzati per mostre culturali. Il castello fu costruito tra la fine del XVI secolo e l'inizio del XVII. Quando la città fu attaccata dai pirati, tutti si rifugiarono qui. La torre di avvistamento e un paio d'anni si sono conservate della costruzione originale, ma la cosa migliore è il tetto a scomparsa da cui si ha una vista fenomenale del porto e del Mar Mediterraneo.

Accanto al faro è il anfiteatro aperto nel maggio 2003. Ha una capacità di 1300 persone e lavora all'aperto. Da parte sua il Faro di Roquetas, che si trova accanto al castello, è stato costruito nel 1863 ed è inattivo dal 1942. L'edificio è stato ceduto al municipio e oggi è adibito ad attività culturali (dipinti, fotografie, sculture in esposizione).

Puoi camminare un po' Porto di Roquetas per la pesca e il mare sportivo. Ci sono in realtà due porti, il porto di Roquetas de Mar (che è sportivo e peschereccio) e il Puerto Deportivo de Aguadulce. Il primo è il più antico del paese e risale agli anni '30 per aiutare la grande industria ittica locale. Ha una bocca di 50 metri con un pescaggio di quasi 5 e quindi le barche che accettano hanno una lunghezza compresa tra 6 e 12 metri.

Qui trovi tutto, hotel e ristoranti inclusi. Qui si pescano polpi, seppie, palamiti o aragoste che assaggerete nei ristoranti locali durante la vostra vacanza. Nella tua passeggiata vedrai il passeggiata delle terme, costruita sul vecchio sentiero che avvicinava i residenti alla spiaggia più importante, negli anni '90 del 'XNUMX. Oggi ha una pista ciclabile, giardini e negozi.

Forse puoi vedere una torre vecchia e fatiscente laggiù. Si tratta del Torre Cerrillo in Parco Naturale Punta Entinas Sabinar. La torre nacque nel XIV secolo quando Yusuf I fortificò la costa di Granada per contrastare gli attacchi dei pirati. A quel tempo non una ma diverse torri furono costruite lungo la costa, tra cui questa torre. Non è la torre originaria ma quella che fu costruita alla fine del XNUMX° secolo al tempo di Felipe II, ma con lo stesso scopo: i pirati.

Purtroppo non è ben curato ed è in rovina, ma puoi vederlo se conosci l'area naturale, fatta di dune vicino al mare e anche pozzanghere che compongono un ecosistema molto bello.

La Plaza de Toros Ha aperto nel 2002 ed è uno dei più moderni del paese. Ha una capacità di 7700 persone sedute e tutti i servizi, compreso un ospedale. All'interno funziona il Museo della tauromachia con cinque sale con esposizione di costumi da torero, un negozio di souvenir e tutto ciò che riguarda la storia della corrida locale e nazionale.

Le strade del paese hanno anche molti negozi per fare acquisti e se non c'è il Centro commerciale Grand Plaza, proprio all'ingresso di Roquetas de Mar, una delle prime ad Almería. Se vai ad Aguadulce puoi anche approfittare non solo della sua spiaggia ma anche del parco pubblico che ha molti alberi e molta ombra. Nei fine settimana vengono allestiti chioschi ed è piuttosto divertente.

E se sei irrequieto e la tua cosa è sempre prendere la macchina e fare una passeggiata, puoi sempre andare al Oasys Mini Hollywood. È un Theme Park con spettacoli e set cinematografici che sono stati utilizzati da diversi film western (Il buono, il brutto e il cattivo, per esempio), una riserva zoologica con più di 800 animali, piscine e ristoranti.

Così, puoi goderti uno spettacolo western, uno spettacolo di cowgirl, un ballo cancan e uno spettacolo di pappagalli... La tariffa standard per adulto (di età superiore ai 13 anni) è di 23 euro, e aumenta leggermente se assumi altri servizi. : buffet, es. Inoltre, alla periferia di Roquetas, si trova l'Acquario di Roquetas, un luogo ideale dove andare con i bambini poiché abbondano colorati pesci tropicali, tartarughe e squali.

altro gita di un giorno può essere andare a sapere Mojácar, la città bianca circondato da montagne. Nella parte alta del paese, tra strade acciottolate, ci sono ristoranti e negozi di charme e c'è anche l'eremo di Nuestra Señora de los Dolores, in cima a un'antica moschea moresca. È fantastico andare in spiaggia o noleggiare una bicicletta e andare in giro. E se vuoi andare oltre, c'è Granada e l'Alhambra.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*