Cosa vedere a Città del Messico

La capitale di Messico è una città antica, vivace, popolosa, divertente, storica, interessante. Non ci sono aggettivi per la città più importante del paese, una città che non puoi lasciare senza aver visitato la più importante.

Oggi, in Actualidad Viajes, ci occupiamo di cosa vedere a Città del Messico. Divertiamoci!

Città del Messico

Prima che fosse conosciuto come Mexico DF, per distretto federale. È la città più importante del paese e il cuore politico, finanziario, sociale e turistico. La data esatta della sua fondazione non è nota, anche se si presume che fosse intorno all'anno 1325, per mano del popolo Mexica che, a sua volta, fu sconfitto e dominato dagli spagnoli.

Il Vicereame della Nuova Spagna risale al 1535. L'indipendenza del Messico ha avuto luogo nel 1821 e intorno al 1824 la città divenne un distretto federale, diverso dagli altri stati che compongono il paese, e divenne sede dei poteri dello Stato. Verso la fine degli anni '80 del XX secolo iniziarono i cambiamenti nel suo status politico e così il nome divenne semplicemente quello di Città del Messico.

Al giorno d'oggi ecco 35 luoghi che l'UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell'Umanità, più di cento musei, In altre parole, è la seconda città con il maggior numero di musei al mondo dietro Londra, quindi puoi immaginare che sia una mecca turistica.

Cosa vedere a Città del Messico

Lo Zocalo è il nome della piazza principale o Plaza de la Constitución, che È la piazza più importante e una delle più grandi del mondo. Intorno ci sono molti siti importanti, ad esempio il Cattedrale Metropolitana del Messico, di stile barocco voluto per essere costruito dallo stesso Hernán Cortés su un tempio azteco. All'interno si trova la Cripta degli Arcivescovi, la pala d'altare dei Re, la Cappella Reale e un bellissimo coro.

Un altro edificio intorno allo Zócalo è il Palazzo Nazionale con il famoso murale del non meno famoso Diego Rivera. In uno degli angoli della piazza c'è ciò che resta del cosiddetto Templo Mayor, cuore dell'antica civiltà messicana e del vecchia capitale, Tenochtitlán. La colonizzazione spagnola ha cercato di spazzare via ogni memoria durante la costruzione della città, ma nel corso del XX secolo diversi scavi archeologici hanno rivelato quel grande passato.

Vedrai i resti di una piramide e altri edifici e ciò che è stato trovato è in un museo all'interno del complesso, ad esempio il rilievo in pietra della dea Coyolxauhqui, la sfinge del dio del fuoco e un imponente monumento a Tlatecuhtli.

Inoltre, in un altro angolo dello Zócalo c'è il Vecchio Portale di Mercaderes, un gruppo di edifici commerciali del XVI secolo, oggi trasformati in alberghi e negozi di lusso. Un buon punto di osservazione è la terrazza dell'Hotel Majestic o il belvedere del Gran Hotel.

Inoltre all'interno del centro storico della città è possibile visitare il Collegio di San Ildefonso, una vecchia istituzione educativa molto prestigiosa, le cui aule hanno passato personaggi come Frida Khalo e Diego Rivera. In effetti, la coppia si è incontrata qui.

Percorrendo la via pedonale Madero dalla piazza che incontri uno dei grattacieli più alti della città, la cosiddetta Torre Latinoamericana. Il suo belvedere è un vero classico, ma al suo interno c'è una mostra permanente, c'è il Museo del Bicentenario, un bar al 40° piano e un ristorante al 41° piano La terrazza all'aperto è al 44° piano.

Se ti piace l'arte allora devi visitare il Palazzo delle belle arti che è vicino alla Torre Latino. L'edificio risale ai primi del '1900, è in stile Art Nouveau, anche se l'interno è Art Déco. È realizzato in marmo bianco e al suo interno ci sono opere di Siqueiros, Diego Rivera o Rufino Tamayo. Inoltre, funziona anche all'interno del Museo di Architettura e il teatro dove si può assistere ad uno spettacolo popolare molto rappezzato per i turisti: il Balletto folcloristico del Messico.

Se ti piace in particolare Diego Rivera e il suo lavoro, puoi visitare il Museo murale Diego Rivera che è alla fine dell'Alameda Central, un percorso di fontane e verdi. Per più arte c'è il Museo Nazionale d'Arte, di fronte a Plaza Manuel Tolsá con la sua preziosa collezione d'arte che va dal XVI al XX secolo.

Visitare una città implica sempre muoversi, camminare, muoversi. Qui, oltre al centro, la bellezza si trova in quartieri diversi. Uno di questi è Coyoacán, a sud della città. È un Quartiere della Boemia, luogo di artisti e case coloniali, con musei, mercati, librerie, caffetterie. Questo è dove il Casa Blu di Firda Khalo e Diego Rivera, oggi museo, ma c'è anche il Museo della casa di Leon Trotsky, la Casa Hernán Cortés, il Giardino del Centenario o la Casa Municipale.

Altri quartieri consigliati e belli sono Condesa e Roma, con i suoi bellissimi viali alberati e le sue case di diversi stili architettonici, negozi, caffè, bar alla moda. È qui che puoi anche osservare il meglio del Arte urbana messicana o street art. Per apprezzarlo puoi iscriverti a un tour guidato in bici che ti porta in vari angoli della città.

Camminando, raggiungerai sicuramente il Plaza de las Tres Culturas, Cultura spagnola, perché c'è la parrocchia e il convento coloniali, la cultura di Tenochtitlán con le sue rovine e piramidi e la moderna cultura messicana con il Centro Culturale Universitario. Raro vedere tutto in un unico posto, ma fantastico dal punto di vista turistico.

Se sei cattolico e ti piacciono i santi, il Messico è sinonimo della Vergine di Guadalupe quindi visita il Basilica di Guadalupe è un obbligo. La Vergine di Guadalupe è la patrona della città, del paese e dell'America Latina. Fu completato nel 1709, anche se la nuova parte risale al 1976. 20 milioni di persone lo visitano all'anno.

Se ti piace vedere la cultura e fare shopping, allora devi approfittare dei mercati e in questo senso uno altamente consigliato è il Mercato di San Juan. Questo posto è nel cuore della città e ha un secolo e mezzo di vita. C'è di tutto, dai prodotti alimentari comuni ed esotici, compresi gli insetti, ai latticini e alla gastronomia.

Il Messico è anche sinonimo di rivoluzione, quindi per conoscere il movimento indipendentista messicano devi andare in Monumento a la Revolución, una struttura enorme e imponente all'interno di Plaza de la República. Si tratta di un mausoleo dedicato agli eroi messicani, Pancho Villa tra loro. C'è anche il Museo della Rivoluzione, il belvedere intermedio che arriva a quasi 66 metri, ai suoi piedi i pilastri con figure di cera, e il cosiddetto Paseo Linternilla con le sue cupole.

Anche legato all'indipendenza è, all'interno del Paseo de la Reforma, il Angelo dell'Indipendenza, simbolo nazionalel. Risale al 1910, anno dell'indipendenza nazionale, e ha la dea greca della vittoria in bronzo con oro. Questo viale è il più importante della città, con 15 chilometris, toccando molti luoghi importanti nel suo viaggio.

Di notte, nel Fontana del Centenario in Plaza de la República, il spettacolo di luci e musica. E parlando della notte, quando il sole tramonta una buona destinazione è la chiamata fuoco di Sant'Antonio rosa che è a Colonia Juarez.

fieno hotel, bar, ristoranti, discoteche e molti turisti, perché si tratta di divertirsi. ecco il scena gay Inoltre e da qui si può andare al quartiere Roma Forte passeggiando per il Glorieta de los Insurgentes, una delle principali rotonde pedonali della città.

Ultimo ma non meno importante, altri posti che non possono mancare nella lista di oggi di cosa vedere a Città del Messico: il Castello chapultepec, già residenza dell'imperatore Massimiliano nel 1864, con mobili e decorazioni dell'epoca, la Museo di storia nazionale (all'interno e con visita guidata volendo), il Foresta di Chapultepec 500 ettari, enormi, con musei, laghi e ristoranti, immensi e preziosi Museo Nazionale di Antropologia del Messico (Qui è dove si trova la Pietra del Sole, il copricapo di Montezuma, la replica della tomba del re Pakal, nativo di Palanque con la sua maschera di giada, o la Sala Maya.

Per uscite chic ed eleganti c'è il Quartiere Polanco, sede di molte ambasciate, per le passeggiate nei quartieri tranquilli ci sono San ngel e Chimalistac, il Canali di Xochimilco, per entrare trajineras colorato e vedere il mercato o il Museo Dolores Olmedo con la sua vasta collezione di opere di Rivera e, naturalmente, il sito archeologico di Teotihuacán con le sue piramidi del sole e della luna, la cittadella, il viale dei morti e altri. Si raggiunge in autobus.

Naturalmente, questa lista che abbiamo incoraggiato a fare è solo un esempio di ciò che la meravigliosa ed enorme Città del Messico ha da offrire ai suoi visitatori.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*