Cultura araba

Viviamo in un mondo diverso ed è questa diversità che ci rende così interessanti come specie. Oggi vedremo il cultura araba, considerando, ma allo stesso tempo cercando di allontanarsi dall'immagine che di solito i media ci danno a riguardo.

Scoprire, imparare, valorizzare, rispettare, queste sono le parole magiche per una buona convivenza culturale. Oggi, quindi, la cultura araba sarà la protagonista del nostro articolo.

Cultura araba

Per prima cosa devi capirlo La cultura araba e l'Islam sono strettamente correlati. Secondo la Banca mondiale, entro il 2017 è stato stimato che la popolazione araba del mondo era di 414.5 milioni distribuita principalmente in 22 paesi sono in Medio Oriente e Nord Africa. La Turchia e l'Iran non fanno parte di questo gruppo perché parlano turco o Farsi.

Sebbene ci siano altre religioni nella zona L'Islam è la religione principale, circa il 93% della popolazione è musulmana ei cristiani rappresentano il 4% in questa stessa area. L'Islam è governato dal Corano, un libro che si ritiene sia stato rivelato al profeta Maometto da Dio stesso tramite l'arcangelo Gabriele. La legge islamica è conosciuta come Sharia ed è diventato parte integrante delle costituzioni e persino delle leggi secolari in molti paesi.

Shari'a, El Camino, è la base dell'intero sistema di valori arabo. È diviso in cinque sezioni: istituzione della giustizia, istruzione, moralità pubblica e privata, prevenzione delle difficoltà individuali nella società e prevenzione dell'oppressione. La verità è ogni paese arabo interpreta l'Islam in modo diverso, alcuni sono più severi di altri anche con la pena capitale (tagliare le mani ai ladri, per esempio).

I musulmani pregano cinque volte al giorno e tutta la vita è organizzata attorno a quei cinque momenti. Le donne nelle moschee si vestono con modestia e si coprono la testa, tutti si tolgono le scarpe e uomini e donne rimangono separati. Durante Ramadam, il nono mese, santo, secondo il calendario musulmano, le persone digiunano dall'alba al tramonto.

Nella cultura araba la famiglia è importante e in un certo senso vengono mantenute le connessioni tribali, così come le connessioni tra clan. L'espressione "I miei fratelli e io contro i miei cugini, i miei cugini e io contro lo straniero" li dipinge abbastanza bene. Anche la genealogia è importante. È un cultura patriarcale in cui l'uomo si prende cura della sua famiglia e se non può, è vergognoso. La madre ha un ruolo tradizionale e sta a casa, crescendo i figli, gestendo la casa.

I bambini vengono allevati in modo diverso, a seconda che siano maschi o femmine. I bambini escono di casa solo quando si sposano e generalmente solo uno di loro rimane a casa dei genitori per prendersi cura di loro. A) Sì, La cultura araba rispetta i suoi anziani. Vengono consultati su molte questioni, anche quando ciò che dicono non è necessariamente accettato. I sistemi sanitari in questi paesi di solito non sono buoni, quindi le giovani donne di solito fanno molto affidamento sulle loro madri o suocere per crescere i loro figli.

Anche la cultura araba è gelosa della sua privacy e le questioni familiari sono raramente discusse alla leggera davanti a chiunque. Questa privacy si traduce nell'architettura delle case, dove sono presenti spazi comuni dove i visitatori possono essere ricevuti e zone dove non entreranno mai.

Com'è il rapporto tra un arabo e un visitatore? La cosa normale è che se entriamo in una stanza dove ci sono arabi si alzano per accoglierci. Le donne non vengono toccate, a meno che la donna araba non tenda prima la mano, non le si parla nemmeno prima di essere presentate a voi e a un uomo arabo non viene chiesto della moglie o delle figlie.

Portare un regalo, come in molte altre culture, è la cosa più educata da fare. Non rifiutare l'invito a bere e tu devi usa sempre la mano destra quando mangi, bevi o passi cibi e bevande. Il cibo è importante nella cultura araba, condividere il pane, mangiare pesce e agnello.

C'è qualcosa di diverso in l'abito degli arabi? La verità è che le usanze differiscono da paese a paese, a volte ci sono costumi nazionali o le donne devono usare il hijab o con una burqa nascondendo tutto il suo corpo. In altri, i vestiti sono piuttosto occidentali.

Qualunque cosa, sempre è corretto coprire alcune aree in virtù della modestia: spalle e braccia. Ciò non significa che le ragazze più moderne, nei paesi più moderni, non indossino camicie a maniche corte o jeans attillati. Ma sì, se vogliamo viaggiare in un paese arabo dobbiamo mettere in valigia vestiti modesti.

È vero che sono zone calde e si vuole solo indossare pantaloncini ma da queste parti una donna non indossa mai questo tipo di abbigliamento, e quindi riceveremo un'attenzione molto negativa. Forse Dubai o altri paesi in quest'area sono più rilassati, ma non dobbiamo dimenticare com'è la cultura araba.

Ora, al di là delle caratteristiche che la cultura araba ha oggi, e super necessaria quando si viaggia, devi saperlo la cultura araba è ricca ovunque lo guardi. Il letteratura arabae è pieno di tesori, lo stesso musica e danza e dall'indipendenza, in quelli che furono colonia di paesi europei, cinema. Imparare un po 'da lei fa sempre bene, perché ci arricchisce.

Ora, ovviamente, come donna ci sono molti problemi che non mi piacciono. Ancora di più oggi, che in molte parti del mondo stiamo combattendo per i nostri diritti in una società mondiale così maschilista. Ma sono ottimista e ci provo non essere così etnocentrico.

Preferisco pensare che la cultura sia come la lingua. Siamo tutti colti nella misura in cui siamo portatori dell'una o dell'altra cultura, e finché quella cultura è viva è sempre soggetta a cambiamento. Lo stesso della lingua. Pertanto, il mondo globalizzato in cui viviamo sta spingendo tutte quelle culture più tradizionali a cambiare. Si spera che le donne che cercano cambiamenti positivi in ​​questi paesi saranno in grado di avanzare nel loro percorso.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*