Cultura dell'Egitto

In Africa è Egitto, una terra il cui nome risveglia immediatamente immagini di enormi e misteriose piramidi, antiche tombe e faraoni sepolti di tesori. Credo che l'Egitto non possa mancare a nessuno, almeno una volta nella vita bisogna andare a vedere, toccare e sentire ciò che questo meraviglioso Paese ha da offrire alla storia della nostra civiltà.

Ma com'è la cultura egiziana? oggi? E i turisti, le donne, cosa si vede bene e cosa no? Questo è ciò di cui parla oggi il nostro articolo.

Egitto

E in Africa e in Asia, anche se principalmente nel primo continente. Il famoso deserto del Sahara occupa gran parte del suo territorio, ma è il fiume Nilo che, formando una valle e un delta, fino a sfociare nel Mar Mediterraneo, genera terre fertili, popolate, da migliaia di anni.

Una delle culle della civiltà occidentale, l'antico Egitto è estremamente importante per la nostra specie e oggi i resti di questa incredibile civiltà ne decorano ancora la superficie e sono diventati una calamita turistica.

Il clima dell'Egitto è subtropicale, con estati calde e secche e inverni miti. L'inverno è, infatti, il periodo migliore per visitare l'Egitto senza essere bruciati vivi nel tentativo.

Cultura dell'Egitto

L'Egitto è un Paese cosmopolita dove convergono diverse culture. All'interno dei paesi arabi è più aperto e liberale, soprattutto nel trattamento o nella considerazione con gli stranieri che vengono in visita. Ci sono alcune parole da tenere a mente: modestia, orgoglio, comunità, lealtà, educazione e onore. La società egiziana è abbastanza omogenea, con oltre il 99% di omogeneità etnica. Quasi tutti sono musulmani, appartenenti alla comunità sunnita, e l'Islam è il segno indelebile.

società egiziana è stratificato e a seconda del posto che le persone occupano in esso ricevono un trattamento diverso. Pertanto, conoscere quel posto è importante. Se la persona ha studiato all'università è molto preziosa, tanto quanto in quale università l'ha fatta. Le famiglie investono molto nell'istruzione dei propri figli perché è uno strumento di mobilità sociale.

Allora, parlando di famiglia, gli egiziani attribuiscono grande importanza al nucleo interiore. La famiglia deve comportarsi con integrità per essere rispettata ed è per questo che le donne sono protette dai membri maschi della loro famiglia fino al matrimonio. Ci sono persone più musulmane di altre, o che rispettano di più le convenzioni religiose, quindi vedrai donne o ragazze con un foulard e altre più coperte.

L'Egitto afferma di essere a Paese sicuro per le donne Ed è vero che ci sono gruppi di turiste che scelgono di viaggiare in questo Paese e non hanno problemi. Ovviamente rispettando i costumi e il comportamento. L'unica cosa da considerare è di non viaggiare alle feste perché alcuni edifici e luoghi potrebbero essere chiusi, altrimenti è possibile. Un'osservazione: gli uomini guardano molto intensamente le donne straniere, anche se sono accompagnate dai loro mariti, fidanzati o amici. È abbastanza scomodo.

Gli affari e la vita in generale00 si gestiscono con il calendario gregoriano, ma ci sono altri calendari che vengono presi in considerazione. Lui ad esempio calendario islamico che si basa sull'osservazione di alcune formalità religiose sul calendario lunare di 12 mesi con tra 29 e 30 giorni ciascuno. Un anno musulmano ha quindi 11 giorni in meno rispetto all'anno gregoriano.

Un altro calendario usato in Egitto è il copto or Calendario alessandrino. Questo rispetta un ciclo solare di 12 mesi con 30 giorni ciascuno e un mese di soli 5 giorni. Ogni quattro anni viene aggiunto un sesto giorno a quel mese più corto.

Rispetto moda Vedrai vari stili che hanno a che fare con l'ambiente e le culture che regnano in questo paese. Da un lato c'è lo stile beduino, più rappresentato nelle oasi del Sinai e di Siwa, con tessuti altamente ricamati e colorati, cinture, broccati e maschere con tanto di argento e oro. C'è anche lo stile nubiano, tipico dei villaggi nubiani sulle rive meridionali del Nilo: colori, ricami... Ovviamente tutto è tinto alla moda occidentale che si ritrova in magliette, pantaloni, scarpe, marchi internazionali.. .

Come dovremmo comportarci in Egitto? Bisogna vestirsi con sobrietà e sapersi presentare all'altro, con regalo incluso se l'incontro è più formale, i giovani devono avere rispetto verso gli anziani, non si può camminare davanti a chi sta pregando (questo vale se si sei musulmano, ma conviene conoscerlo e applicarlo), non devi fermarti a lungo a fare una visita, potremmo non essere puntuali...

Certo Non è lo stesso se si è donna o uomo. Se sei un uomo e incontri per la prima volta un egiziano, corrisponde una stretta di mano, con la destra. Se sei una donna e saluti una donna per la prima volta, basta chinare un po' la testa o scambiarsi una leggera stretta di mano. Se i saluti sono misti, a volte vale la pena una stretta di mano, anche se la donna dovrebbe essere quella che tende per prima la mano se sei un uomo, se non lo fa, scuote solo la testa.

Come vediamo, la comunicazione gestuale è importante. Gli egiziani sono persone piuttosto espressive e appassionate quando si tratta di conversazione, quindi vedrai sempre grandi gesti. Gioia, gratitudine e dolore vengono mostrati apertamente, ma meno rabbia perché vengono interpretati erroneamente come un insulto. Sembra che siano abbastanza diretti ma non è così, come altre culture essere frontali nei loro desideri non è qualcosa di comune. Gli egiziani evita di dire di no direttamente quindi impiegano molto tempo, come i giapponesi.

Per quanto riguarda il contatto fisico, tutto dipende dal grado di relazione che hanno le persone. Da turisti non arriveremo a quel punto, a meno che non abbiamo amici o lavoriamo con gente del posto, ma diciamo che le regole non scritte del contatto fisico dipendono dal grado di familiarità e dal genere, ovviamente. La distanza di un braccio come tipico spazio personale è cosa da considerare.

Considerazioni finali: se sei invitato a mangiare in una casa egiziana, porta un regalo, cioccolatini costosi, dolci o torte, mai fiori perché sono riservati ai matrimoni e ai malati; Se ci sono bambini, anche un regalo per loro è ben accolto, ma tutto quello che dai, ricorda bene, lo devi dare con la mano destra o con entrambe le mani. E non aspettarti che i regali vengano aperti non appena ricevuti.

in fondo, non dimenticare che l'Egitto è un paese musulmano in cui bisogna essere molto rispettosi di usanze che non sono le nostre. Non dobbiamo perdere di vista quella domanda: non siamo in casa, dobbiamo avere rispetto. Per esperienza essere donna non è la cosa più comoda in Egitto, e camminare per le strade del Cairo può essere un po' fastidioso perché ti guardano molto, troppo. Mi è anche capitato di camminare accompagnata da mio marito e di sentirmi dire delle cose, indipendentemente dalla loro presenza. I miei capelli corti? Può essere, perché indossava pantaloni lunghi e una maglietta, niente di appariscente.

Ma quello che voglio dire è che mentre l'Egitto è un paese più liberale rispetto ad altri paesi musulmani, non è nemmeno all'estremo opposto. Con pazienza, rispetto e ancora pazienza, la verità è che puoi goderti tutte le meraviglie storiche e culturali di questo grande paese.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

bool (vero)