Destinazione: Emirati Arabi Uniti

Da un momento a questa parte in Mezzo È emersa una potenza la cui grande ricchezza proviene dal nostro oro liquido, che per il momento fa girare il mondo: il petrolio. Di cui parlo Emirati Arabi Uniti.

Sono sette emirati quelli che compongono questo paese sovrano e che oggi ricorderemo un po ' la sua storia, dal deserto alla ricchezza, e possibilità turistiche che ci offrono oggi. Un viaggio nella penisola arabica, un tempo terra di dune e tribù, oggi terra di grattacieli e denaro.

Emirati Arabi Uniti

Ci sono sette emirati che compongono questo paese: Dubai, Sarja, Umm al-Qaywayn, Fujairah, Ajman, Abu Dhabi e Ras al-Khaimah. Come con l'Africa, le potenze europee hanno molto a che fare con la formazione geopolitica della regione. Gli esploratori portoghesi arrivarono qui nel XVI secolo, cercando e aprendo rotte verso l'Asia. Successivamente, nel XVIII e XIX secolo, furono gli inglesi a fare del Golfo Persico un importante snodo delle loro rotte commerciali.

Da un lato gli europei, desiderosi di aprire i commerci, dall'altro i clan arabi alle prese con vari fronti perché oltre agli europei c'erano nell'area l'Impero Ottomano e l'Impero Persiano e perché no, pirati. Lo sappiamo già il britannico Hanno fatto abbastanza bene a dominare il mondo, quindi nel XNUMX ° secolo hanno stabilito un protettorato nell'attuale territorio degli emirati.

Firmando trattati con i capi locali, il Trattato marittimo generale nel 1820 in cui si affermava che gli arabi si sarebbero presi cura dei pirati. Trent'anni dopo il Tregua marittima perpetua che ha permesso alle navi britanniche di vagare per le coste. Poi gli inglesi passarono dal polso al gomito e nel 1892 ottennero il Contratto esclusivo per cui gli arabi non potevano avere rapporti con altre potenze e il Regno Unito dava loro in cambio difesa territoriale e preferenze commerciali.

Stiamo parlando di clan arabi che a quel tempo non avevano nemmeno sentito parlare della miniera d'oro su cui si muovevano. Quindi hanno solo pascolato, pescato e raccolto perle. Fu solo dopo la seconda guerra mondiale che il primi giacimenti di petrolio e gas. Il boom era appena iniziato. La guerra finì e l'impero britannico fu messo da parte, così i paesi iniziarono a negoziare la loro indipendenza.

Il Regno Unito si è ritirato nel 1968 e gli emirati si sono riuniti per vedere come hanno continuato. Dubai e Abu Dhabi hanno incontrato e invitato i protettorati del Bahrain e del Qatar. I successivi disaccordi su quale famiglia araba sarebbe stata responsabile li indussero a separarsi, ma nel 1971 sono nati gli Emirati Arabi Uniti, una nuova federazione di sei membri. Ras al Khaima non era presente in questo momento perché aveva una certa rivalità territoriale con l'emirato di Sarja, ma si unì un anno dopo.

È stato lo sceicco di Abu Dhabi, Zayed bin Sultan al Nahayan, che ha ricoperto la presidenza dal 1971 fino alla sua morte nel 2004. A lui e alla sua iniziativa sono dovuti la moderna conformazione dello stato e l'equilibrio di potere tra i sette parenti reali, che non è facile. Di pari passo con i petrodollari, gli Emirati Arabi Uniti sono entrati a processo di modernizzazione molto veloce negli anni '90 e così pastori, pirati e pescatori di perle divennero ricchi e influenti attori geopolitici.

Emirati Arabi Uniti oggi

Come con l'Unione Europea non tutti gli Emirati sono uguali. Ci sono differenze economiche perché i giacimenti petroliferi non sono equamente distribuiti. Ad esempio, Abu Dhabi ne concentra quasi il 90% e Dubai il 5%. Inoltre, questi due stati hanno le proprie compagnie aeree, quindi hanno importanti rotte commerciali. I due rappresentano l'83% del PIL, quindi i cinque emirati più piccoli dipendono da loro attraverso le tasse federali.

Ma è stato facile riunire sette emirati sotto un unico stato? Non così tanto. Una costituzione è stata firmata nel 1971 e mantenuta fino al 1996, sebbene questa non fosse originariamente l'intenzione. Qui è stato stabilito che la capitale è Abu Dhabi e per estensione è il suo emiro che guida lo stato. Successivamente, la costituzione parla dell'unificazione di diversi sistemi importanti in uno stato: fiscale, fiscale, educativo, sanitario ... Oltre a un sistema giudiziario comune e alle forze armate.

Oggi, solo Ras al Khaima e Dubai hanno i loro tribunali e sono stati istituiti forze armate statali che sono tra i più potenti della zona. Tutto è controllato dal Consiglio supremo federale che si riunisce quattro volte all'anno. Tutti gli emiri si recano in questo consiglio e vengono nominati i ministri o quelli che vengono ratificati, vengono distribuiti gli incarichi, vengono discusse leggi e bilanci. Il presidente nomina il proprio esecutivo, ma sempre considerando tutti gli emirati.

Ci sono elezioni negli Emirati Arabi Uniti? Pochi Il governo ha la consulenza legale del Consiglio nazionale federale, composto da 40 membri, dei sette emirati, parzialmente eletti alle elezioni. Solo possono votare poco più di 300mila persone e sono selezionati dal Comitato Elettorale Nazionale che considera sesso, età, formazione e luogo di residenza.

Così, ad esempio, alle elezioni del 2006, le prime, hanno partecipato solo 6mila donne e uomini. Oggi il numero è più ampio e nel 2011 sono stati 130mila e 300mila nel 2019.  E le donne? Ebbene, pochissimi voti e nelle elezioni dello scorso anno c'erano circa 180 da eleggere in qualche posizione, anche se solo sette hanno potuto farlo. Vale a dire, ci sono sette donne nel Consiglio nazionale federale.

La verità è che sharia, La legge islamica, ecco cosa controlla e condiziona la vita sociale e politica del paese. Sebbene ogni emirato abbia il suo grado di autonomia, nulla può andare contro il governo federale, dominato dall'Islam. Esiste la libertà religiosa, ma l'unica che può manifestarsi pubblicamente è l'Islam.

Chi ha visto un documentario sugli Emirati Arabi Uniti o su uno dei suoi stati sa che ci sono due realtà: quella dei ricchi e quella dei poveri. Questi ultimi sono più di ogni altra cosa lavoratori stranieri dediti al settore edile. Indiani, pakistani, bangladesi che vedono a breve distanza la ricchezza degli altri. Questo è particolarmente vero ad Abu Dani, Sarja o Dubai, i principali centri urbani con il maggior numero di abitanti.

I emiratis rappresentano l'11% della popolazione locale, un milione di persone. Si stima che il 34% di loro abbia meno di 25 anni e riceva un grande aiuto dallo Stato. Poi ci sono gli altri lavoratori stranieri, con lavori qualificati, che guadagnano buoni soldi. Principalmente nel settore energetico.

Infine, Qual è il rapporto degli Emirati con il resto del mondo? Va detto che è il terzo paese arabo ad averlo relazioni diplomatiche con Israelel, e non è poco. Da questo ha un'altra posizione sul conflitto palestinese e si oppone all'Iran. In effetti, ha una disputa con l'Iran su alcune isole che gli Emirati Arabi Uniti rivendicano per sé nello Stretto di Omuz e lo accusa anche di promuovere l'opposizione interna agitando la minoranza sciita.

Sono Dubai e Abu Dhabi che hanno capitanato la politica estera dello Stato, un'alleanza economica, finanziaria e politica. Non dimentichiamo che si tratta di un file storico alleato degli Stati Uniti, sin dalla sua indipendenza, e che qui sono schierati soldati americani. I suoi problemi con l'Iran hanno anche avvicinato gli Emirati Arabi Uniti all'Arabia Saudita, un paese che vuole seguire le orme del successo economico del suo vicino.

Emirati Arabi Uniti e turismo

Negli ultimi anni il paese ha caricato l'inchiostro sul turismo, cercando di sfruttarne i vantaggi clima caldo, le sue isole artificiali e la magnificenza delle sue cittàè emerso dal deserto. Indubbiamente le persone vanno prima a Dubai, un luogo dove sembra che le entrate del turismo superino già quelle del petrolio.

Qui i turisti possono sperimentare un po 'di vita nel deserto, con escursioni in jeep 4 × 4, notti arabe tra dune e passeggiate in cammelloo, o fare shopping o uscire nei bar nella frenetica vita notturna.

Oggi sono gli emirati di Ras al Khaima e Umm al Quwain che vogliono sviluppare le loro economie di pari passo con il turismo. Nel frattempo, Fujairah cerca di fare del suo porto un centro per il commercio marittimo, Sarja è la capitale della cultura e dell'istruzione e Ajman un centro marittimo e industriale.

Ciò che resta da vedere è se una volta che il petrolio si esaurirà, come mai succederà, questi paesi sopravviveranno.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*