Se visiti Burgos, non dimenticare di conoscere questi punti di interesse

Burgos

I grandi monumenti di Burgos Costituiscono un gruppo che poche città al mondo possono eguagliare. Non invano la città castigliana è una di quelle con più storia della Spagna.

Anche se ci sono prove che la zona fosse abitata fin dal Neolitico, si accetta come anno la data di fondazione della città 884 per mano di Conte Diego Rodríguez Porcelos. Ma raggiunse la vera importanza nel 930, quando divenne la capitale dell' Contea di Castiglia e, poi, del regno successivo grazie all'operato di Fernan Gonzalez. Perderei questa condizione con il Reyes Católicos, ma non la sua importanza economica grazie alle esportazioni di cereali e lana merino. Di una storia così brillante sono rimaste in città molte meraviglie. Successivamente, ti mostriamo i grandi monumenti di Burgos.

Cattedrale di Burgos

Cattedrale di Burgos

La cattedrale, uno dei grandi monumenti di Burgos

È uno dei grandi simboli della città. In effetti, si tratta uno picchi dell’arte gotica in Spagna ed è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dall'UNESCO. Fu costruito nel XIII secolo su progetto di Giovanni di Colonia e alla maniera delle grandi cattedrali gotiche di Francia. Ma include anche elementi di gotico fiammeggiante che gli conferiscono un'aria inconfondibile.

Allo stesso modo, all'interno, devi guardare il cappella dei Conestabili, battezzata come “una cattedrale nella cattedrale”; IL Scala d'oro Stile rinascimentale; IL tombe del Cid e di sua moglie Jimena e cappella di Santa Ana con la sua spettacolare pala d'altare. Ma il suo elemento più curioso lo è il pigliamosche, un automa unico che batte le ore aprendo la bocca.

Monastero di Santa María la Real de las Huelgas

Scioperi Monastero

Monastero di Santa María la Real de las Huelgas

È un monastero cistercense fondato nel 1189 da Alfonso VIII di Castiglia come pantheon reale. Qui, infatti, è sepolta buona parte della nobiltà castigliana. Nei secoli successivi si aggiunsero altre dipendenze.

Nel set, elementi come i Chiostri o primitivo chiostro romanico; IL cappella mudéjar di Santiago, la chiesa con la sua pala d'altare realizzata da Juan de Pobes; il grande chiostro di San Fernando o Museo dei ricchi tessuti medievali. Inoltre, il monastero ospita il bandiera di Las Navas de Tolosa, utilizzato nella famosa battaglia omonima dell'anno 1212, e il cosiddetto Codice degli scioperi. Quest'ultimo, risalente al XIV secolo, raccoglie i canti che le monache eseguivano nelle loro preghiere ed è una delle grandi fonti della polifonia antica europea.

Plaza Mayor

Plaza Mayor

Piazza Maggiore di Burgos

Lo troverete adiacente al famoso Passeggiata di Espolón e ha la forma di un poligono irregolare. Inizialmente si chiamava Piazza del mercato minore perché lì si celebrava questo evento settimanale. Successivamente si accedeva attraverso la porta Carretas, che, con la riforma del XVIII secolo, venne eliminata, lasciando solo l'arco e aggiungendone altri. Allo stesso tempo vi furono costruiti nuovi edifici.

Inoltre, lo Sperone Per molti anni è stato il centro della vita sociale di Burgos. Fu costruito nel XIX secolo ed è una bellissima passeggiata alberata. Allo stesso modo, è decorato con statue di re e altre figure illustri, fontane, stagni e persino un piccolo palco per l'orchestra.

Certosa di Miraflores, uno dei grandi monumenti della periferia di Burgos

Carta di Miraflores

L'imponente certosa di Miraflores

Come dice il titolo, questo monumento si trova a circa cinque chilometri dalla città, nella zona del Parco di Fuentes Blancas. In origine era un palazzo di caccia per il re. Giovanni II di Castiglia, che lo trasformò in certosino nel 1441.

Poi Isabella la Cattolica riformerebbe il complesso, appunto, per seppellirvi i suoi genitori, i suddetti Juan II e Elisabetta del Portogallo, così come suo fratello, il bambino Alfonso. Le loro tombe costituiscono uno dei gruppi funerari gotici più belli di tutta Europa. Ma, inoltre, devi prestare attenzione la pala d'altare della chiesa, lavoro di Gil di Siloe, la cui doratura era fatta con l'oro che Colombo riportò dal suo secondo viaggio nelle Indie. Il monastero ha anche opere di grandi pittori come Berruguet y Joaquín Sorolla.

Il castello di Burgos

Castello di Burgos

Veduta del castello di Burgos

Fu, appunto, l'origine della città nell'anno 884, anche se la sua importanza crebbe man mano fino ad assumere un rilievo particolare durante il periodo guerra di successione castigliana. Quindi, i sostenitori di Juana la Beltraneja e subì l'assedio delle truppe di Isabella la Cattolica.

Secoli di abbandono e di esplosione del suo arsenale da parte degli eserciti francesi durante il Guerra d'indipendenza causato il suo attuale pessimo stato. Tuttavia, a titolo di aneddoto, vi diremo che conserva la sua pozzo medievale. E gli manca anche lei scala a chiocciola che attraverso di essa scende fino a quasi sessantatré metri di profondità. Allo stesso modo, puoi vedere che è unico rete di gallerie e goditi il ​​parco che lo circonda con la sua spettacolare vista sulla città.

Piazza della Libertà

Fontana a Burgos

Fontana in Piazza della Libertà

Meno conosciuto del Sindaco, è frutto della divisione del vecchio Piazza del mercato principale in due. Da un lato, ha creato quello di Santo Domingo e, dall'altro, quello della Libertà, separandoli dai portici Antón, edifici porticati del XIX secolo.

Quello della Libertà è conosciuto anche come il Piazza Cordone dall'omonima casa o Palazzo dei Conestabili di Castiglia, il cui portale principale è ornato da un cordone francescano. Successivamente ve ne parleremo, ma nella piazza avete anche altri edifici interessanti. Lui, ad esempio palazzo provinciale.

Palazzo dei Conestabili di Castiglia

Cordon House

Palazzo dei Conestabili di Castiglia o Casa di Cordón

Come vi avevamo promesso, ora vi spiegheremo tutto quello che c'è da sapere su un altro dei grandi monumenti di Burgos: il cosiddetto casa cordonata. Creato da Juan de Colonia e suo figlio Simón, è uno dei migliori esempi di architettura gotica civile del XV secolo nella città, anche se ha subito diverse riforme.

Il palazzo ha contemplato avvenimenti storici di grande rilevanza. Ad esempio, in esso hanno ricevuto il Reyes Católicos a Colombo dopo il suo secondo viaggio in America. IL Leggi di Burgos, che, per la prima volta, regolamentava il trattamento da riservare agli indiani nel continente americano. Allo stesso modo, morì nelle sue stanze Filippo il Bello.

Chiesa di San Esteban

Chiesa di San Esteban

Chiesa di San Esteban, uno dei tanti che figurano tra i grandi monumenti di Burgos

Oltre alla sua bellissima cattedrale, ci sono altre meravigliose chiese che costituiscono i grandi monumenti di Burgos. Per esempio, quelli di San Gil Abad, San Nicolás de Bari, la Merced, San Lesmes o Santa María la Real. Ma, come esempio, ti suggeriamo di visitare Santo Stefano. Come la maggior parte dei precedenti, è gotico e fu costruito alla fine del XIII secolo.

Lo troverete vicino al castello, ma vogliamo parlarvi perché, dopo essere stato sconsacrato, oggi ospita il Museo della Pala d'altare. Ha un'impressionante collezione di questi pezzi religiosi ornamentali dei secoli XVI, XVII e XVIII e di stili rinascimentale e barocco. Dispone inoltre di un'interessante sezione orafa.

Arco di Santa María, un altro dei grandi monumenti di Burgos

Arco di Santa Maria

Arco di Santa María, uno dei simboli di Burgos

Questa vecchia porta della città è un altro dei principali simboli di Burgos. Fu edificato nel Medioevo, ma l'aspetto attuale è dovuto ad un profondo rimaneggiamento avvenuto nel XVI secolo. Successivamente furono aggiunte statue decorative come quella del Cid e quello dell'imperatore Carlos V.

Oggi l'Arco di Santa María è aperto al pubblico e ospita due piccoli musei. Uno sta nella chiamata stanza di porità o del Segreto ed è dedicato, appunto, al Cid. Per quanto riguarda l'altro, è curioso museo della farmacia. Questo si trova al piano superiore, al quale si accede tramite una scala a chiocciola. Non perderti gli splendidi panorami che offre il Paseo del Espolón.

Museo dell'Evoluzione Umana di Burgos

Museo dell'Evoluzione di Burgos

Il Museo dell'evoluzione umana

Come sai, a Burgos Catena montuosa di Atapuerca è stato ritrovato uno dei siti preistorici più importanti del mondo. Più avanti ve ne parleremo, ma ora vogliamo parlare del museo dove sono esposti molti dei pezzi ritrovati.

Si tratta di un edificio moderno creato dall'architetto Juan Navarro Baldeweg che ha ricevuto più di quaranta premi per il suo design. Ma ciò che è veramente importante è il suo contenuto. Tra i pezzi che ospita ce ne sono alcuni molto famosi battezzati con nomi originali. Ad esempio, il Bacino di Elvis e il cranio di Homo heidelbergensis Miguelón. Ma puoi anche vedere una ricostruzione molto realistica di diversi ominidi e persino una riproduzione della nave su cui si trovavano Charles Darwin viaggiato alle Galapagos.

Inoltre, al museo è possibile organizzare un giro al Deposito Atapuerca e Centro di Archeologia Sperimentale (CAREX), dove vedrai una replica di una città neolitica.

Deposito Atapuerca

Ottimo lavandino

Sito della Gran Dolina ad Atapuerca

In realtà dovremmo parlare di depositi, poiché sono più di uno. Li troverai a una quindicina di chilometri da Burgos, nella catena montuosa che porta lo stesso nome. Come vi abbiamo detto, si compongono uno dei complessi paleontologici più importanti del mondo. Non invano contengono testimonianze vitali del homos antecessor, heidelbergensis e neanderthalensis.

dichiarato Patrimonio Mondiale, la visita al complesso di Atapuerca inizia nella cosiddetta Fossa Ferroviaria, dove sono stati rinvenuti numerosi fossili. Prosegui poi attraverso la Sima dell'Elefante, il Complesso della Galleria e la Gran Dolina.

In conclusione, vi abbiamo mostrato il grandi monumenti di Burgos Cosa dovresti sapere se visiti la città. Ma, inevitabilmente, ne abbiamo lasciati altri indietro. Ad esempio, il palazzi di Castilfalé e dell'Isola, The conventi di Santa Clara e Santa Dorotea o Ponti Malatós e San Pablo. Inoltre, se ti avvicini BurgosNon dimenticare di visitare alcune delle sue città più belle. Vieni a scoprire questa bellissima e storica provincia spagnola.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*