Il Castello di Aracena e la sua storia peculiare

Il Castello di Aracena e la sua storia peculiare

Se ti piace la Spagna medievale, non puoi perderti la bellezza Aracena, una città nel provincia di Huelva, Andalusia. Il suo agglomerato urbano è ricco di monumenti e si estende capricciosamente ai piedi di un castello: è il Castello di Aracena.

Ti invito a viaggiare nella sempre bellissima Andalusia per scoprire la Il Castello di Aracena e la sua storia peculiare.

Aracena

Aracena

Come abbiamo detto sopra, è a comune e città di Huelva, Andalusia. È il capoluogo della regione e dà il nome alle montagne e al Parco Naturale che lo circonda, uno degli spazi protetti più importanti dell'Andalusia.

Ce ne sono molti da queste parti boschi di querce, castagni e sughere, il terreno sale e scende, i ruscelli scorrono qua e là e tutto dà forma ad uno splendido paesaggio. Le terre sono state abitate per migliaia di anni, anche se da poche persone, quindi toccò ai Leonesi, ai Portoghesi e ai Galiziani ripopolarle, già nel XV secolo.

Così, La sua area urbana è stata dichiarata Bene di Interesse Culturale e il gioiello della corona non è altro che il Castello di Aracena. È costruito su una collina, un sito noto per essere stato anche un importante insediamento islamico già nel X secolo, epoca dei regni Taifa, ma anche a partire dall'XI secolo e dal XII al XIII secolo, periodo almohade. .

Possiamo dirlo Aracena è una città senza castello, nato sotto la protezione del castello medievale, ma che successivamente si espanse fino a conquistare la valle. Conosciamo la storia di questo castello.

Castello di Aracena

Castello di Aracena, in Andalusia

Fu costruito nel XIII secolo, in piena epoca islamica, su un'altra fortificazione ma di origine musulmana. Rimase in uso fino al XVI secolo perché in seguito la sua funzione difensiva non ebbe più senso.

Racconta la storia All'inizio del XIII secolo Aracena passò sotto la protezione della Taifa de Niebla. Rimase così fino al riconquista per mano di Sancho II, re del Portogallo, nell'anno 1231. Dopo la firma di un trattato alla fine del XIII secolo, Aracena passò nelle mani di Castiglia e si unì al Consiglio di Siviglia. Le terre furono distribuite tra gli ordini cavallereschi che collaborarono alla conquista.

Castello di Aracena 2

Nel caso di Aracena Il territorio passò sotto il controllo dei Cavalieri Ospitalieri, che iniziarono i lavori della fortezza. Fu anche alla fine del XIII secolo che Sancio IV decise di ripopolare la zona, portando in quelle terre i galiziani e gli asturiano-leonesi. Per allora Il castello di Aracena faceva parte della cosiddetta Banda Galiziana, One catena di fortificazioni la cui funzione era quella di proteggere le terre di Siviglia dagli attacchi portoghesi o dagli ordini militari di stanza nel sud dell'Estremadura.

Com'è il castello? Innanzitutto vale la pena chiarire che il castello Si trattava di una costruzione militare e non residenziale o feudale. A quel tempo il castello aveva una piazza d'armi e una fortezza, entrambe separate da un muro che aveva la Torre Maggiore. Il castello si trova nella parte orientale ed è più piccolo della piazza d'armi, ma lì c'è la cisterna, quindi funziona come una piccola fortezza all'interno del castello stesso.

D'altra parte, la Torre del Homenaje o Torre Mayor si trova nella parte più alta della collina, quindi fungeva da ultima riserva di difesa. Se tutta la fortezza era occupata, bisognava proteggerla lassù, oltre al fatto che da lì si aveva anche una vista privilegiata.

Castello di Aracena

Quando L'Ordine del Tempio ricevette Aracena dalle mani della Corona di Castiglia, fu costruita la chiesa mudéjar, con le sue bellissime sculture in argilla smaltata realizzate da Pedro Vázquez. La chiesa fu chiamata Nostra Signora del Dolore Maggiore. Accanto vediamo una torre mudéjar.

Questa È la chiesa più antica di tutte le chiese di Aracena ed è molto famoso. È a tre navate, con coro e presbiterio e i lavori si sono svolti in diverse fasi. È senza dubbio vero influenza della Cattedrale di Siviglia. Sia al castello che alla chiesa, poiché si trovano in cima alla collina dove si trova Aracena, si accede attraverso la via Virgen del Mayor Dolor, o anche seguendo sentieri pedonali che costeggiano il fianco della collina dalla cosiddetta Gruta delle Meraviglie.

Chiesa del Castello di Aracena

Durante la Guerra d'Indipendenza la torre divenne una polveriera per le truppe francesi. e finì quasi distrutta quando i francesi si ritirarono. Ma è stato salvato. Tra la fine dell'800 e l'inizio del '900 subì anche un incendio ma fortunatamente la sua struttura in pietra non venne intaccata.

D'altronde, come più volte accaduto in tutto il paese con gli edifici medievali, Alcuni vicini usavano il muro come cava, dopo che la fortezza venne abbandonata. Fu solo nel 1917 che un'ordinanza comunale vietò il prelievo di pietre dal castello per uso personale.

Fu nel 1931 che il Castello di Aracena divenne Monumento Nazionale, e negli anni '70 venne restaurato e le mura rialzate. La chiesa, fortunatamente, è stata sempre mantenuta in buone condizioni.

Visita al Castello di Aracena

Oggi puoi visitare il Castello di Aracena. Le visite a quello che viene chiamato il Recinto Fortificato si svolgono dal lunedì alla domenica dalle 10:45 alle 18:30. Il locale è aperto tutti i giorni tranne il 24, 25 e 31 dicembre e il 1 e 6 gennaio. La visita È con audioguida e viene scaricato utilizzando un codice QR.

Le visite sono all'aperto, quindi sempre Sono pronti se il tempo è bello. È possibile acquistare il biglietto prima della visita, online. È nel tuo interesse farlo perché, ad esempio, se vai alla Grotta delle Meraviglie senza biglietto, nessuno può garantire che ci saranno biglietti disponibili al botteghino. Dovresti anche arrivare 10 minuti prima dell'orario di visita perché se arrivi in ​​ritardo potresti non essere in grado di effettuare il tour. Non sono previste modifiche o cancellazioni. E non è prenotabile nemmeno telefonicamente.

Grotta delle Meraviglie, ad Aracena

La Grotta delle Meraviglie fu scoperta nel XIX secolo ed è un posto bellissimo. C'è gallerie sotterranee, laghi e sale nel cuore del Cerro del Castillo. Il terreno calcareo ha generato, nel corso dei millenni, questo sistema di grotte che è un vero tesoro.

Quindi, al di là di Il Castello di Aracena e la sua storia peculiare Ricorda che puoi visitare la Grotta delle Meraviglie ed effettuare anche una visita speciale chiamata Speciale Centenariooppure che prevede la visita alla Palmatoria e alle Sale dei Banchetti, visita tecnica che dura 90 minuti e si effettua in gruppi di non più di 10 persone.

La Carta Turistica di Aracena Comprende il Complesso Monumentale del Castello di Aracena, il Centro di Interpretazione del Maiale Iberico e il Museo del Prosciutto.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*