Isla Margarita, fascino nei guai

El Caraibi È una delle migliori destinazioni turistiche al mondo quando si tratta di sole, mare, caldo, spiagge da sogno e fughe romantiche. Qui ci sono molte isole che possono essere visitate e una di queste, e una delle più frequentate, è Isla Margarita.

Quest'isola appartiene al Venezuela e il titolo si riferisce alla crisi politica ed economica che, devastando il Paese, non smette di avere effetti su questa Perla dei Caraibi. Ma nulla è andato perduto e l'isola è ancora più bella che mai. Scopriamolo.

Isla Margarita

E a sud-est del Mar dei Caraibi e insieme ad altre due isole sono l'unico territorio insulare che il Venezuela ha, Nueva Esparta. L'isola fu battezzata da Colombo come La Asunción, poiché fu avvistata il 15 agosto, che è il giorno dell'Assunzione di Maria. Un anno dopo è stata ribattezzata Margarita. Perché?

È che il nome deriva dal greco margariti che significa perla e molte perle sono state trovate qui in quel momento. O almeno così dicono. Ma come lo chiamavano gli indigeni? ombrello, abbondanza di pesce o marittimi. Buono a sapersi.

Isla Margarita è la più grande delle tre isole che il Venezuela ha nei Caraibi: ha 1070 chilometri quadrati di superficie ed è attraversata da due catene montuose collegate da un istmo, un ammasso di acqua salmastra separato dal mare e una sottile linea bianca della spiaggia. Un massiccio si chiama Paraguachoa e l'altra penisola di Macanao. La vetta più alta dell'isola si trova qui e misura 760 metri.

Il clima è tropicale secco con tanto, tanto sole (non dimenticare un protettore), e a temperatura media di 27ºC. Le minime non scendono sotto i 22 ºC quindi il caldo è garantito tutto l'anno. C'è una stagione delle piogge da novembre a febbraio, anche se sono piuttosto poche.

Molti stranieri sia dall'Europa che dal resto dell'America vivono su Isla Margarita. La capitale dell'isola è La Asunción ma la città più grande lo è porlamar, Qui è dove la maggior parte del quasi mezzo milione di persone vive sull'isola e, ovviamente, variano a seconda della stagione.

Di cosa vive l'isola? Ebbene, il turismo, che ha stimolato altri settori dell'economia come l'edilizia, la gastronomia o il mondo dello spettacolo. Cosa c'è di più, È un porto franco.

Cose da fare a Isla Margarita

Qui si tratta di godersi la natura: sole, mare, spiaggia. Ha molte spiagge molto lunghe, a volte da 300 a 900 metri di lunghezza, tutto pubblico, che si trovano in quattro zone: costa nord, costa sud, costa est e costa ovest. Quali sono le migliori spiagge?

Dicono gli specialisti Puerto Viejo, Bella Vista, El Agua, La Restinga, Moreno, El Yaque, Parguito, Caribe, Manzanillo, Punta Arenas e Salinas. Ovviamente si tratta di spiagge di sabbia bianca e acque cristalline. Inoltre, c'è il file Isola di Coche dove sono le spiagge di Punta Blanca e Amor.

Punta Arenas è la spiaggia preferita di molti turisti. Si trova alla fine di Macanao, un'ora dalla città di Porlamar, e l'ideale è combinare il viaggio con una visita al sensazionale Museo della Marina. La punta della spiaggia è la punta sud-occidentale di Isla Margarita e c'è sabbia su ogni lato. Sul lato sud c'è un piccolo villaggio di pescatori e strutture per i turisti e dall'altra parte è più tranquillo ma anche più costoso da mangiare.

L'ideale qui è restare fino al tramonto perché il sole che cade nel mare ei colori che si stanno risvegliando sono semplicemente bellissimi. Il Playa El Agua È molto famoso con i suoi quattro chilometri di lunghezza e 30 di larghezza, sabbia dorata e palme. C'è un bel viale che corre per tre chilometri e tanti ristoranti dove mangiare con vista sul mare. Il Playa El YaqueD'altra parte, è nel sud dell'isola a circa tre chilometri dall'aeroporto, ha un mare basso e un vento costante che lo rende perfetto per il windsurf.

Da queste parti ci sono anche ristoranti, hotel e locande, oltre a scuole di surf e windsurf. Una lunga spiaggia è il Parguito, lungo mille metri e largo 20oppure, a nord-est dell'isola. Con un profilo più oceanico, è ideale per gli sport che richiedono onde e vento. È una spiaggia che vive tutto l'anno anche se non è popolare come El Agua.

Queste sono alcune delle spiagge di Isla Margarita, ma ovviamente non le uniche. Ad ogni modo, se la vita sotto il sole completa solo la tua vacanza e ti piace Fai altre cose quindi puoi fare una lista:

E La Restinga che è il ponte che collega le due parti dell'isola ed è a Parco Nazionale. Dista solo 10 minuti dal porto dei traghetti di Punta Piedras, mezz'ora da Porlamar e altri 15 minuti a piedi dall'aeroporto.

Una volta pagato il biglietto d'ingresso al parco, ci sono barche che portano i visitatori attraverso le mangrovie e i canali, e dopo, sì, si può godere del spiaggia lunga 22 chilometri, sabbia grossolana e onde. Rimani tutto il giorno, se vuoi.

La città di Porlamar è la più grande dell'isola e ha le sue attrattive, soprattutto se ti piace shopping. Su di lui Viale Guevara Ci sono molti negozi e lo stesso su Avenida Santiago Mariño e 4 de Mayo. Dall'altra parte della città, verso Pampatar, c'è stata molta crescita ed è qui che oggi si trovano il centro commerciale Sambil, La Redoma e Rattan Plaza, tutti molto frequentati.

Com'è il porto franco i prezzi sono imbattibili, tasse escluse. Buoni i prezzi anche nel mercato municipale di Conejeros, un tempo un mercato semplice ma oggi un luogo molto popolare che è riuscito a mantenere bassi i prezzi.

La Asunción è la capitale dell'isola ed è anche turistica. Qui puoi visitare il Castello Santa Rosa de la Eminencia, del XVII secolo, costruito dopo un saccheggio francese e aperto ai visitatori dal lunedì alla domenica dalle 9:6 alle XNUMX:XNUMX. Altri luoghi interessanti si trovano nei dintorni del Plaza Bolivar: la Cattedrale di Nostra Signora dell'Assunzione, anch'essa del XVI secolo, per esempio.

Su Juan Griego Bay, nella città con lo stesso nome, è il Fort La Galera, qualcosa dopo, ideale per contemplare il tramonto, o il Faro di Punta Ballena, non lontano e libero di entrare. Aggiungi chiese, il Parco Nazionale Cerro El Copey, con bellissimi ponti di osservazione e molti sentieri, il Museo della Marina e tutto il resto che l'isola offre e lo includerai sicuramente nella tua lista di destinazioni caraibiche.

Ma cosa succede oggi a Isla Margarita? Bene la crisi economica l'ha colpita e l'arrivo dei venezuelani in vacanza è diminuito molto, le stesse frequenze aeree, quindi insomma, le ultime stagioni sono state uno strappo, spero che le cose migliorino perché l'infrastruttura turistica è ancora ferma in attesa che soffi un vento migliore.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*