Il Cammino di Santiago francese

Il Camino Frances de Santiago è il più utilizzato dai pellegrini che effettuano il Itinerario giacobino. È anche quello con la maggiore tradizione storica, come già descritto nel "Codex Calixtino", datato nel XII secolo e che è uno dei testi più importanti di tutti quelli che sono stati scritti sul pellegrinaggio a Santiago de Compostela.

Il Camino de Santiago Frances parte di San Giovanni-Pied-de-Port, nella Bassa Navarra gallica, dove arrivano le più importanti rotte giacobine d'Europa. Quindi entra in Spagna per il leggendario Passaggio di Rocesvalles e continua il suo itinerario attraverso la penisola iberica fino a raggiungere la città dell'Apostolo. Vediamolo. Se avrai il coraggio di seguirci, godrai di bellissime città storiche, paesaggi meravigliosi e un viaggio indimenticabile.

Camino de Santiago Francés: le sue tappe principali

Nel nostro itinerario, ci fermeremo in alcune città di questo itinerario giacobino. Ma non nelle grandi capitali, che saprete già più che a sufficienza, ma in quelle altre località monumentali dalla grande tradizione storica. Cominciamo a camminare.

Estella, capitale del romanico navarrese

Città storica dove esistono, è considerata Estella la capitale del romanico navarrese. Ci arriverai dopo aver lasciato Pamplona e ti consigliamo di vedere il Palazzo dei Re di Navarra, che è l'unica costruzione romanica civile rimasta nell'intera Comunità Autonoma. È stato costruito nel XNUMX ° secolo ed è un monumento nazionale.

Insieme a questo, dovresti anche conoscere il file tribunale, Edificio barocco del XVIII; quello del Sancristóbal, Rinascimento e il governatore, che si distingue per la sua monumentale semplicità. Dovresti anche visitare i resti della chiamata Nuovo quartiere ebraico, di cui si conserva una torre con due feritoie.

Il palazzo dei re di Navarra

Palazzo dei Re di Navarra

Ma se Estella si distingue per qualcosa tra le città del Camino de Santiago Frances, è perché enorme patrimonio religioso. È composto da chiese come quelle di San Pedro de la Rua, di aria maestosa; quella di Santo Sepolcro, con il suo imponente portico gotico profondamente svasato; quella di San Miguel, con la sua Cover of the Gospel; quella di San Juan, con la sua facciata neoclassica, o il Basilica del Puy, restaurato nel XX secolo.

Anche appartenenti al patrimonio religioso sono conventi come Las Concezionisti della Recoleta, con la sua imponente facciata, e quella di Santa Clara, costruito nel XVII secolo e che ospita tre spettacolari pale d'altare barocche.

Nájera, un'altra tappa fondamentale del Camino de Santiago Frances

Ti farai un'idea dell'importanza storica di questa piccola città di La Rioja se ti diciamo che, per un po ', è stata capitale del Regno di Nájera-Pamplona, nel X secolo Nella villa bisogna visitare il bellissimo Monastero di Santa María la Real, in particolare il suo tempio, con il pantheon reale, e il suo magnifico Chiostro dei Cavalieri, a cui si accede da Carlos I Gate in stile gotico fiammeggiante.

Dovresti anche vedere a Nájera i resti del vecchio cassero, Il chiesa della santa croce, una gemma del Rinascimento, e il convento di Santa Elena, costruito nel XVI secolo. Carattere diverso ha il Giardino Botanico di La Rioja, una meraviglia se ami le piante.

Santo Domingo de la Calzada

Questa città ha così tanta tradizione sul Camino de Santiago Frances che ne ha persino una leggenda relativi a questo. Si dice che un pellegrino sia stato accusato di un omicidio commesso nella città. Per provare la sua innocenza, Santo Domingo l'ha fatto volare un pollo che era già cotto e sul piatto. Da qui il detto "Santo Domingo de la Calzada, dove la gallina cantava dopo l'arrosto".

Solo il tuo cattedrale, dove c'è sempre uno di questi uccelli vivo, è uno dei posti che devi visitare. Combina stili romanico e gotico, sebbene la sua torre indipendente sia barocca. All'interno un meraviglioso coro plateresco, la tomba del santo stesso e due belle cappelle, quelle di Santa Teresa e La Magdalena.

La cattedrale di Santo Domingo de la Calzada

Cattedrale di Santo Domingo de la Calzada

Dovresti anche vedere a Santo Domingo de la Calzada il convento di San Francisco, Stile Herreriano e che oggi è un parador de turismo, e il Abbazia cistercense, con una magnifica pala d'altare barocca.

In termini di architettura civile, la città ha la più grande recinto murato di quanti si conservano a La Rioja e anche con numerose dimore signorili. Lo stile barocco sono i Ayuntamiento, la Casa del Marchese di La Ensenada e di il tempo libero. Invece, il file casa della Confraternita del Santo è rinascimentale, mentre quella del Vecchi macellai e il Palazzo del Segretario di Carlos V sono neoclassici.

Carrozza dei Conti

Capitale della regione di Palencia Terreni agricoli Nel corso della storia, questa piccola città ha avuto meravigliosi edifici romanici. Tra loro il chiesa di Santa María del Camino e di Santiago, con una facciata che ricorda il Portico de la Gloria della cattedrale di Compostela. Ma anche il file monastero di San Zoilo, che ha uno spettacolare chiostro plateresco, e quello di Santa ClaraOltre Chiesa di Nostra Signora di Betlemme, con una bella pala d'altare plateresco.

Astorga

Già nella parte leonese del Camino de Santiago Frances, arriverete al vecchio Asturia Augusta Romano. Per mostrarti tutto ciò che puoi vedere in esso avremmo bisogno di più di un articolo.

Tuttavia, le visite essenziali sono le vecchio muro del IV secolo, perfettamente conservato; il Ayuntamiento, costruito nel XVIII secolo e il cui orologio segna le ore con due bambole vestite maragato; le chiese di San Bartolomé y Santa MartaRomanica la prima e neoclassica la seconda; i conventi di San Francisco e Sancti Spiritus e lo spettacolare Seminario maggiore, un edificio classico con reminiscenze herreriane.

Il Palazzo Vescovile

Palazzo Vescovile di Astorga

Ma ci sono due edifici ad Astorga che si distinguono dagli altri. Il primo è il file cattedrale, che combina stili gotico, rinascimentale e barocco e ha una bella facciata churrigueresco. Il secondo è il file Palazzo episcopale, un meraviglioso lavoro dei grandi Antonio Gaudi che è inclassificabile nello stile come tutti i suoi.

Villafranca del Bierzo, al confine galiziano del Cammino di Santiago francese

Ci saremmo potuti fermare a Ponferrada per raccontarvi del suo imponente castello templare, delle sue chiese e dei suoi monasteri. Tuttavia, abbiamo preferito passare per concentrarci su un'altra cittadina meno conosciuta ma altrettanto bella.

Villafranca del Bierzo è tutto questo Set artistico storico. Ciò è dovuto a meraviglie come il Collegiata di Santa Maria de Cluny, un colossale edificio del XVI secolo; il chiesa-convento di San Nicolás, per la cui costruzione El Escorial è stato preso come modello; il convento di San Francisco, fondata da Doña Urraca nel XIII secolo, e il Castello dei Marchesi di Villafranca, costruita nel XVI secolo su una precedente in stile feudale.

Samos

Già nella parte galiziana del Camino de Santiago Frances, arriverete a Samos, situata in un ambiente meraviglioso nella provincia di Lugo. È dominato da Sierra del Oribio e i montagne di Piedrafita. In esso devi vedere l'impressionante Abbazia benedettina di San Giuliano, le cui origini risalgono al VI secolo.

Pale del re

È l'ultimo comune di importanza prima di raggiungerlo Santiago de Compostela. In esso devi vedere il file Chiesa romanica di Vilar de Donas, costruito a metà del XII secolo, e il Castello di Pambre, una fortificazione medievale molto ben conservata nonostante la sua antichità.

Il castello di Pambre

Castello di Pambre

Quando è meglio fare il Camino de Santiago Frances

Come ogni altro percorso di pellegrinaggio, il Camino Frances de Santiago non è raccomandato nei mesi freddi. Le basse temperature non sono adatte per camminare e tendono anche a coincidere con la stagione più piovosa.

Nemmeno l'estate è consigliabile per camminare. Le alte temperature ti costringeranno a indossare di più oa fermarti nel bel mezzo della giornata. Inoltre, di solito sono le date più impegnate, una condizione per trovare un posto in ostelli per pellegrini.

Pertanto, il momento migliore per fare il Cammino Francese è la primavera, anche se puoi anche scegliere il file primi mesi d'autunno.

In conclusione, ve ne abbiamo mostrati alcuni le tappe più interessanti del Camino de Santiago Frances dal punto di vista monumentale. Abbiamo cercato di raccontarvi dei paesi meno conosciuti dei grandi capoluoghi di provincia. In ogni caso, fare questo percorso di pellegrinaggio è sempre un'esperienza arricchente e meraviglioso. Non hai voglia di metterti in viaggio?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1.   Silvia suddetto

    Ciao! Ci teniamo a fare una precisazione, la fine della tappa dopo Villafranca - secondo il codice Calixtino - è il comune di Triacastela. Un sito che oltre a citare, ti consigliamo di visitare. Ti auguro il meglio!