I migliori musei della Spagna

Museo del Prado

parlarti del migliori musei in Spagna richiede un grande sforzo di sintesi. Il nostro Paese possiede uno dei complessi museali migliori al mondo, sia per quantità che per qualità, e scegliere quelli più consigliati è un compito molto complesso.

Tuttavia, tenendo conto dei criteri di età, numero di visitatori e, soprattutto, importanza del suo catalogo, abbiamo preparato per voi questo articolo sui migliori musei della Spagna. Come vedrai, ci sono pittura, ma anche di scultura e altre discipline artistiche e del sapere. Andiamo ora con la proposta che vi presentiamo.

Museo del Prado

Sala del Museo del Prado

Una delle sale del Prado, il massimo rappresentante dei migliori musei spagnoli

Non potevamo iniziare da nessun'altra parte se non da questo museo di Madrid che È tra le gallerie d'arte più importanti del pianeta. Dobbiamo risalire al XVIII secolo per trovare i primi progetti di creazione di un museo di questo tipo nella capitale. Tuttavia, il Prado fu inaugurato nel 1819 grazie all'impulso dato dalla regina Isabella di Braganza, moglie di Ferdinando VII.

Nonostante sia stato ampliato più volte, l'edificio realizzato da Giovanni di Villanueva È il suo quartier generale e di per sé vale la pena visitarlo. Ma ancora più impressionante è la collezione di opere di cui dispone il museo. Tale è il suo patrimonio pittorico che è impossibile soffermarci a descriverlo nel dettaglio.

Ma vi diremo che ospita collezioni complete di pittura italiana dal Quattrocento (Rinascimento in quel paese) ad oggi, fiamminga e olandese, francese, tedesca, britannica e, ovviamente, spagnola di tutti i periodi. Allo stesso modo, nelle sue sale si possono vedere alcune delle migliori opere dei pittori più importanti della storia. Ad esempio, gli spagnoli Velázquez, Zurbarán o Goya; gli italiani Raffaello, Tintoretto o Veronese; i fenicotteri Van Eyck, Hieronymus Bosch o Rubens e il tedesco Albrecht dürer. In breve, il Museo del Prado è una delle gallerie d'arte più complete al mondo.

Centro d'Arte Reina Sofía, un altro dei migliori musei spagnoli a Madrid

Il Reina Sofia

Facciata del Centro d'Arte Reina Sofía

Non abbiamo lasciato Madrid per parlarvi di quest'altro centro d'arte che è molto vicino al Museo del Prado e in un certo senso lo completa. Perché il Reina Sofía è focalizzato arte contemporanea, mentre il primo, pur presentando anche opere attuali, è più incentrato sulla storia della pittura.

Ha sede nel Palazzo Sabatini, così chiamata perché nella sua costruzione intervenne il prestigioso architetto italiano del XVIII secolo. Si tratta però dell'antico Ospedale Generale di Madrid, un edificio neoclassico che ospita mostre permanenti e temporanee.

Tra le prime, le mostre dedicate a figure come Picasso, Dalí o Joan Miró, ma anche la sua collezione di arte surreale (con opere di Picabia o Magritte, tra gli altri) e neofigurativo (Francis Bacon o Antonio Sauro).

Allo stesso modo, molto vicino al Reina Sofía c'è un altro dei grandi musei di Madrid. Te ne parliamo Thyssen-Bornemisza, che espone la collezione pittorica della famiglia che le dà il nome. Insieme al Prado e allo stesso Reina Sofía, forma il cosiddetto Triangolo d'Arte o Paesaggio di Luce, che è stato dichiarato Patrimonio dall'Unesco.

Museo Nazionale di Scultura

Museo Nazionale di Scultura

Scuola San Gregorio, sede principale del Museo Nazionale della Scultura

Ora viaggiamo verso Valladolid per parlarvi di un altro dei migliori musei della Spagna, in questo caso di scultura, sebbene abbia anche un importante catalogo pittorico. È stato creato nel 1842 come Museo Provinciale di Belle Arti e la sua collezione si nutrì inizialmente di opere portate dai conventi abbandonati dopo la confisca di Mendizábal.

Già nel 1933 ottenne il riconoscimento di Scultura Nazionale e si stabilì nell'attuale sede dell' Collegio San Gregorio, edificato alla fine del XV secolo con caratteristiche dello stile rinascimentale e plateresco. Per quanto riguarda la sua collezione, comprende opere datate dal tardo medioevo all'inizio del XIX secolo. Ciò significa che, se lo visiti, potrai apprezzare le creazioni dei grandi personaggi della scultura del nostro Paese. Per esempio, Alonso Berruguete, Juan de Juni, Gregorio Fernández, Diego de Siloé o Juan Martínez Montañés.

Allo stesso modo, nel tempo ha ampliato il proprio catalogo e ha richiesto strutture secondarie. Sono tutti edifici storici che costituiscono di per sé grandi monumenti. Tra questi spiccano i La casa del sole e il Palazzo Villena, entrambi rinascimentali.

Museo Guggenheim

Il Guggenheim

Il Museo Guggenheim con il cane Puppy davanti all'edificio

Passiamo ora a dell'Atletico per raccontarvi uno dei simboli moderni della città. L'edificio originale costruito da Frank O Gehry È diventato, infatti, uno dei suoi grandi emblemi. Per il suo stile, appartiene al corrente decostruttivista ed è uno spettacolo vedere le sue placche in titanio brillare al sole.

Il museo è stato inaugurato nel 1997 e conta circa diecimila metri quadrati dedicati a sale espositive. Quanto a questi, sono fissati campioni di arte moderna provenienti dalla collezione dell' Fondazione Guggenheim, così come altri temporanei. Tuttavia, non meno apprezzate sono state alcune sculture che potete vedere all'esterno dell'edificio. Quindi, il famoso cucciolo di cane y i tulipani creato da Jeff Koons o il ragno de Louise Bourgeois.

In ogni caso il successo del Guggenheim è stato enorme. Ha ricevuto numerosi premi come quello per il miglior museo europeo dell'anno o il Ponte dell'Alcántara. Allo stesso modo, dal 2012 è uno dei 12 Tesori della Spagna, insieme a meraviglie come il Moschea di Cordoba o alla Grotta di Altamira. D'altro canto è in programma un futuro ampliamento, che probabilmente verrà realizzato nella zona di Urdaibai.

Museo di Picasso

Museo di Picasso

Patio del Museo Picasso di Malaga

Malaga È la città natale del grande pittore Pablo Ruiz, Picasso. Doveva quindi essere quasi d'obbligo la sede del museo dedicato alla sua opera. Ma non è l'unico. In effetti, il più importante si trova in Barcelona e ce n'è anche uno molto particolare Buitrago del Lozoya. Questo è aneddotico, poiché è dovuto a Eugenio Arias, il barbiere del pittore, che lo realizzò con le opere che il pittore gli aveva donato.

Tornando al museo di Malaga, la sua sede è bellissima palazzo dei conti di Buenavista. Si tratta di un edificio rinascimentale del XVI secolo che si distingue per il suo patio porticato e che, in principio, serviva ad ospitare il Museo delle Belle Arti. Attualmente conta quasi trecento opere che coprono l'intera carriera del grande pittore. Ma offre anche mostre temporanee.

D'altra parte, questo non è l'unico museo dedicato a un solo pittore che puoi vedere in Spagna. Anche altri grandi personaggi di questa disciplina hanno i loro. È il caso di Salvador Dalí nella città catalana di Figueras o El Greco nella città di Toledo.

Museo Archeologico Nazionale, il più storico tra i migliori musei della Spagna

Museo Archeologico Nazionale

Una delle sale del Museo Archeologico Nazionale

Nel nostro tour tra i migliori musei della Spagna non possiamo limitarci solo a quelli dedicati all'arte. Potremmo citarne molti altri che meritano la tua visita come Istituto valenciano di arte moderna (IVAM) o il Museo d'Arte Contemporanea di Barcellona. Ma il nostro Paese ha molte altre istituzioni che si dedicano a mostrare le diverse meraviglie del nostro Paese.

Questo è il caso Museo Archeologico Nazionale di Madrid, che troverete in via Serrano. Condivide la sede con Biblioteca Nazionale in un palazzo neoclassico del XIX secolo progettato da Francesco Giareno y Antonio Ruiz de Salces.

Principalmente espone oggetti ritrovati in Spagna spaziando dalla Preistoria all’Età Moderna. Dispone però anche di stanze dedicate Grecia anticaA L'Egitto dei faraoni già Medio Oriente. Per quanto riguarda i primi, pezzi come i famosi Signora di Elche, scultura iberica datata tra il V e il IV secolo a.C., e la maggior parte del Tesoro di Guarrazar, un insieme impressionante di oreficeria visigota.

Ma puoi vederne anche altri come il Signora del trucco e il Toro Osuna, anche iberici; Lui Orante di Gudea, dalla civiltà mesopotamica; la statua romana seduta di Livia Drusilla o alla Coppa di Esone, dall'antica Grecia.

Città delle Arti e delle Scienze

Museo della Scienza di Valencia

Il Museo delle Scienze Principe Felipe di Valencia

Concludiamo il nostro viaggio attraverso i migliori musei della Spagna in questa istituzione che comprende non una, ma diverse mostre interessanti. Per conoscerlo dobbiamo tornare a Valencia, alla quale abbiamo già fatto riferimento citando l'IVAM. Si trova in uno spettacolare complesso progettato dal controverso architetto Santiago Calatrava.

Nel complesso, evidenzia il Museo delle Scienze Principe Felipe, che occupa quarantamila metri quadrati e propone mostre fisse e temporanee. Ma dovresti anche visitare l'emisfero, con il suo planetario e sale di proiezione, nonché l'Umbracolo, un giardino botanico dedicato alla flora mediterranea e adornato da statue.

Tuttavia, un altro dei suoi punti salienti è l'Oceanografico che, con più di centomila metri quadrati, viene considerata il più grande d'Europa. Inoltre, vi sono riprodotti i principali ecosistemi marini del mondo e dispone anche di un enorme delfinario e di uno spettacolare ristorante sottomarino. Il Palazzo delle Arti Reina Sofía, il ponte Assur de l'Or e l'Agorà completano la Città delle Arti e delle Scienze di Valencia, anch'essa inclusa tra le 12 Tesori della Spagna.

In conclusione, vi abbiamo mostrato alcuni dei migliori musei in Spagna. Ma, inevitabilmente, abbiamo dovuto lasciare indietro molti altri. Lui, ad esempio CaixaForum da Barcellona; quello del giurassico Nelle Asturie; quello delle belle arti de Sevilla o Scienze naturali nazionali a Madrid. Osate incontrarli.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*