Mombasa

A quasi 500 chilometri da Nairobi si trova l'isola di Mombasa, la seconda città del Kenya dopo la capitale con circa 700.000 abitanti. È separato dal continente africano da due torrenti e collegato a sua volta da una moltitudine di ponti.

Mombasa ha un ottimo porto e un'attività turistica. Da quando è stata fondata nell'XI secolo, è stata una città con una propria personalità. Respira influenze arabe, indiane ed europee che possono essere viste nei suoi numerosi edifici religiosi e civili. Vuoi conoscere Mombasa?

Itinerario attraverso il centro storico

Il porto di Mombasa

Immagine | Pixabay

Puoi iniziare l'itinerario dal porto, dove sono presenti diversi club nautici e hotel. Qui si trovano anche le moschee Basheiky Mandhry costruite sulle fondamenta dell'XI secolo.

Da lì proseguiamo per Mbaraki dove si trova l'Mbaraki Pilar, uno dei simboli di Mombasa. Si tratta di una tomba di un antico capo tribù costituita da una colonna di calcare con polipi di corallo e una finitura in gesso di corallo. È circondato da baobab e il risultato è sorprendente.

Templi di Mombasa

islamico

Le moschee di Bohra con un alto minareto, quella di Baluchi Jundaan con una cupola tozza, quella di Ismaili con la sua facciata quadrata e quella di Bondeni angolare spiccano come esempi di architettura islamica.

indù

Mombasa ha anche templi indù di grande interesse come il tempio Jain color pastello su Langoni Street, il tempio Sikh su Mewmbe Tayari Street e l'esotico tempio Swaminaryan di Haile Selassie costruito nel 1955.

Cristianos

Un altro edificio rappresentativo di Mombasa si trova su Nkrumah Street: la Cattedrale cattolica dello Spirito Santo. Merita una visita anche la Chiesa anglicana di influenza islamica.

Architettura civile

Immagine | Infobae

Passeggiare per la Città Vecchia è un piacere. Un luogo essenziale da visitare durante un viaggio a Mombasa è Fort Jesus, un'antica fortezza costruita nel 1593 dai portoghesi. È impressionante come sia ben conservata la cisterna per immagazzinare l'acqua, i bastioni, i resti della nave armata San Antonio de Tanna, la collezione di ceramiche della costa e la Casa araba dell'Oman, una casa ottomana del XVIII secolo. Un altro esempio di fortezza costruita dai portoghesi è Fort St. Joseph.

Altri edifici di grande interesse che si caratterizzano per il loro stile inglese con grande influenza indiana sono Casa Leven, il nuovo ponte di Nyali e la Piazza del Tesoro. Da visitare anche l'edificio dell'asta Datoo, lo Stone Bridge, il Castle Hotel con la sua piacevole terrazza dove fermarsi lungo il percorso e la Dodwell House con un bellissimo tetto in tegole di Mangalore.

D'altra parte, i vecchi tribunali fungono da museo di pittura improvvisata. Ci sono alcuni pezzi davvero interessanti e puoi vedere un'influenza britannica nell'edificio.

Informazioni pratiche per viaggiare in Kenya

Immagine | Pixabay

Sicurezza

Il Ministero degli Affari Esteri spagnolo raccomanda di prestare la massima attenzione quando si viaggia in Kenya ed evitare alcune aree come la provincia del Nordest, il confine con la Somalia e le baraccopoli di Nairobi.

Visa

I visti sono richiesti per la maggior parte dei cittadini stranieri e sono prontamente disponibili. Il modo più semplice per utilizzarlo, pagarlo e riceverlo quasi istantaneamente è il sistema di visto elettronico, il portale dei visti online del governo keniota.

Soldi

Tutte le banche cambiano dollari USA, euro e sterline inglesi in scellini kenioti. Ci sono bancomat nelle città di medie dimensioni, quindi porta una carta di debito, una carta di credito e dei contanti.

Sebbene la maggior parte delle valute principali possa essere cambiata a Nairobi e Mombasa, al di fuori di queste città ci saranno più problemi con le valute diverse dal dollaro USA, dall'euro e dalla sterlina britannica.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*