Punti di vista delle Asturie

Punto di vista Fito

I punti panoramici delle Asturie Ti permettono di osservare paesaggi meravigliosi di una delle regioni più belle della Spagna. Pochi come lei si combinano mare e montagna a pochi chilometri di distanza. Terre verdi e fertili accanto a un mare agitato come il Cantabrico compongono la sua pianura costiera.

E molto vicini sono i colossi che compongono il Picos de Europa e il resto del Monti Cantabrici. Sia in alcune zone che in altre si dispone di magnifici balconi naturali che permettono di osservare queste meraviglie da una posizione privilegiata. Puoi anche raggiungerne molti rendendoli preziosi sentieri escursionistici. Affinché tu possa goderti tutto questo, ti mostreremo alcuni dei migliori punti panoramici delle Asturie.

Punto di vista Fito o Fitu

Picos de Europa

Veduta dei Picos de Europa dal belvedere di Fito

nel consiglio di Parres è l' Sierra del Sueve, la cui elevazione massima è Cima Pienzo o Pienzu in asturiano Proprio ai suoi piedi c'è il belvedere Fito o Fitu, sempre in lingua madre. È uno dei più popolari della regione e offre una vista spettacolare sul Picos de Europa. Ma nelle giornate limpide si può vedere fino al mare. Come dicevamo, la vicinanza tra questo e le montagne delle Asturie è sorprendente.

Puoi raggiungere il punto panoramico Fito con la massima facilità, poiché hai una strada per raggiungerlo. puoi prenderlo arriondas ed è il N-260. Precisamente, visto che siete in zona, vi consigliamo di visitare questo bellissimo paese, da cui il famoso Discesa internazionale del Sella ogni anno.

Proprio dove questo fiume incontra la Piloña hai il Parco della Concordia, dove si trova una spettacolare statua realizzata da Joaquin Rubio Camin. Già in via Argüelles, hai il Chiesa Parrocchiale di San Martino, Stile romanico. E, accanto, due perfetti esempi di architettura indiana. Nel caso non lo sapessi, questo nome è dato allo stile costruttivo utilizzato per le sue dimore dagli emigranti che tornarono dall'America arricchiti nelle loro terre. Questi esempi di cui stiamo parlando sono i Villa della Valle y Villa Juanita.

vedetta della regina

Il belvedere della Picota

Veduta del Lago Enol dal belvedere Picota

Una delle più grandi concentrazioni di punti panoramici nelle Asturie si trova nei dintorni del mitica montagna di Covadonga, più precisamente nella parte dei laghi. Sulla strada che sale a questi troverete il vedetta della regina. Vi offre un'ampia vista panoramica circolare dei Picos de Europa, ma anche dei comuni di Onís e Cangas de Onis (non sono la stessa cosa), così come quelli di Parres, Ribadesella y Llanes.

Anche nella zona di laghi di Covadonga Hai il Punto di vista Picota, che si trova precisamente tra l'Enol e l'Ercina. Da qui si ha una vista spettacolare su entrambi i laghi, il massiccio occidentale dei Picos de Europa e la pianura di Comeya.

A sua volta, la vedetta principe È molto vicino al parcheggio Buferrera. E offre viste spettacolari sulla già citata pianura di Comeya, sulla valle del fiume Güeña e sulla non meno spettacolare Sierra del Sueve.

D'altra parte, dal momento che sei nell'ambiente di Covadonga, assicurati di visitare il Grotta santa, un luogo pieno di misticismo sia per i credenti che per coloro che non professano la fede cattolica. E, accanto a lei, il prezioso basilica, una meraviglia di stile neoromanico costruita in pietra rosa e dovuta all'architetto Federico Aparici e Soriano.

Infine, non dimenticate di visitare la vicina città di Cangas de Onis, che fu la prima capitale del Regno delle Asturie. In questo, hai il famoso Ponte romano, che però fu costruita in epoca di Alfonso XI (1311-1350). Ma anche il chiesa della santa croce, risalente all'VIII secolo; il Palazzo Cortes, del XVIII; il municipio e palazzi come Villa Monasterio o Villa María.

San Roque, uno dei punti panoramici più belli delle Asturie

I tre

Lastres visto dal belvedere di San Roque

Non lasceremo la parte orientale della regione delle Asturie, ma andremo sulla costa per parlarvi belvedere di San Roque, che si trova accanto al paese di I tre o in quella che può essere considerata la parte più alta di essa. Da esso si ha una vista impressionante di questa bellissima cittadina e dell'intera costa, ma anche di quanto sopra Sierra del Sueve.

Inoltre, accanto al belvedere hai il Cappella di San Rocco, venerato a Lastres dal XV secolo. Tuttavia, il tempio è più moderno, in particolare del XVII secolo. Si tratta di un piccolo edificio a navata unica, tetto a capanna e portico a colonne. Inoltre, molto vicino hai altre due cappelle, quella del buon evento e di San Jose.

Infine, non dimenticate di visitare la bellissima cittadina di I tre, che è diventato famoso quando la serie televisiva è stata girata lì Dottor Mateo. Ha un bellissimo centro storico di case tradizionali con gallerie in legno. Ma i suoi due monumenti più importanti sono il Chiesa di Santa Maria de Sadaba, del XNUMX° secolo, che unisce gli stili barocco e neoclassico, e il Torre dell'Orologio, del XV. Già alla periferia del paese si ha l'imponente palazzo delle luci, una casa padronale del XNUMX° secolo che attualmente è un albergo.

Punto panoramico di Capo Peñas

Cabo Peñas

La costa cantabrica dal punto di vista di Cape Peñas

Ci avviciniamo al centro di Asturie, in particolare a consiglio di gozon, per parlarvi di un altro punto di vista costiero. In questo caso, è quello che si trova nel mezzo Capo di Peñas, che offre viste impressionanti sull'aspra costa cantabrica. Con cieli sereni, vedrai perfettamente la costa di Avilés, a parte, e Gijón, l'altro.

Inoltre, accanto hai il Faro di Capo Peñas, costruito nel 1852, che è il più importante di tutte le Asturie. A titolo di curiosità, vi diremo che la sua torcia, con un'autonomia di quarantuno miglia con il bel tempo, è stata acquistata presso il Esposizione Universale di Barcellona dal 1929. Nella sua parte inferiore ospita il Centro di interpretazione dell'ambiente marino e di accoglienza dei visitatori di Peñas.

Se invece visiti questo belvedere, ti consigliamo di recarti nella bellissima cittadina di Luca, capitale del comune in cui ha sede. Possiede anche un bellissimo centro storico in cui il chiesa di Santa Maria, classificato come Monumento Storico Artistico. Fu costruito nel XNUMX° secolo e la sua sobrietà esterna contrasta con la magnificenza barocca dei suoi interni.

Allo stesso modo, dovresti vedere a Luanco il Torre dell'Orologio, sempre del XNUMX° secolo, e il case di Mori e Valdés Pola, così come il Istituto del Santo Cristo dell'Aiuto. Ma soprattutto, il Palazzo Mendez de la Pola, anch'esso Monumento Storico-Artistico e costruito tra il XVII e il XVIII secolo. Non è aperta al pubblico, ma si distingue dall'esterno per le due grandi torri, il portone architravato e gli stemmi. Infine, il palazzo Manzaneda risale al XVII, sebbene sia stato ampiamente restaurato nel XX.

Punto panoramico del monte Naranco

Oviedo

Oviedo dal belvedere del monte Naranco

Concludiamo il nostro tour dei punti panoramici delle Asturie in questo situato sopra la città di Oviedo. Precisamente, ti offre una vista spettacolare sulla capitale del Principato delle Asturie, ma anche da tutta la zona centrale della provincia. Anche nelle giornate limpide, è possibile vedere i primi contrafforti dei Monti Cantabrici verso il Leon. Non invano, è alto più di seicento metri.

Inoltre, sul monte Naranco hai un meraviglioso polmone naturale che ti offre più di trentamila metri quadrati per fare attività all'aria aperta. Hai anche una traccia finlandese. E, dopo l'esercizio, troverai anche numerosi bar e aree pic-nic dove ricaricare le batterie.

A Narnco invece bisogna vedere l'imponente Statua del Sacro Cuore che guarda Oviedo dall'alto. È alta trenta metri ed è stata costruita nel 1980. Ma, soprattutto, su questa montagna leggendaria si trovano due degli edifici più importanti dell'arte preromanica: Santa María del Naranco e San Miguel de Lillo, entrambi dichiarati Patrimonio.

El Palazzo di Santa Maria del Naranco Faceva parte del complesso residenziale del re Ramiro I e fu completata intorno all'anno 842. In origine era l'Aula Regia delle sale del tribunale, cioè la sala del trono e la sala dei ricevimenti. Ma nel XII secolo fu trasformata in chiesa. Ha pianta rettangolare e due piani con scala esterna che sale fino al più alto. Da parte sua, il piano terra presenta una volta a botte e altre somiglianze con il Camera Santa da Oviedo.

A sua volta, la Chiesa di San Miguel de Lillo faceva parte del complesso palatino dei suddetti Ramiro I. Attualmente ne rimane solo un terzo. Ma, in origine, aveva pianta basilicale e tre navate. La parte che si vede oggi corrisponde all'aula e all'inizio di quelle navate. Il suo tetto è a volta, con un complesso sistema di volte a botte. Allo stesso modo, spicca la sua decorazione scultorea a rilievo, in particolare quella degli stipiti delle porte e quella dei capitelli interni.

In conclusione, abbiamo consigliato alcuni dei migliori punti panoramici delle Asturie. Ma potremmo consigliarne altri che offrono panorami altrettanto spettacolari. Tra questi, quello con Cape Vidio, vicino al bellissimo borgo di Cudillero; il Punto di vista Ordiales, anche vicino a Covadonga, E Belvedere di Muniello, quest'ultimo nella meravigliosa omonima Riserva Naturale Integrale. Vai avanti e visitali e dicci cosa ne pensi.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*