Ayamonte, ai piedi del fiume

Oggi torniamo a concentrarci Spagna, un paese che ha una serie di incredibili destinazioni turistiche. Cerchi castelli medievali o cattedrali? Avere. Cerchi musei d'arte? Avere. Stai guardando fughe rurali con fascino? Avere. Per esempio, Ayamonte.

Ayamonte è in Andalusia, ai piedi del fiume Guadiana, nella provincia di Huelva, nella zona conosciuta come Tierra Llana de Huelva. Il punto più alto è una dolce collina dove è stato costruito il castello locale di cui non rimangono nemmeno i suoi ruderi. Sappiamo cosa ci offre Ayamonte.

Ayamonte

Ayamonte è alla foce del fiume e corre lungo la riva destra del fiume. Ci sono quattro centri urbani, la ciudad che è il cuore della città, diviso in quartieri, Punta del Morale, a cinque chilometri da qui, più marinaio e molto turistico, Bene del Cammino, 10 chilometri più lontano, Isola Cristina e infine, Isla Canela o Barriada de Canela.

L'estuario è bellissimo, per lo più pianeggiante, anche se sono presenti pini ed eucalipti e paludi di grande diversità. Queste paludi sono ecosistemi umidi con piante acquatiche la cui acqua è solitamente una miscela di acqua di mare e di fiume, formando a loro volta "canali" che si snodano nell'entroterra e circondano i centri urbani.

Questo rispetto all'aspetto di Ayamonte. In termini di storia, l'area è anche molto interessante da allora Greci e romani sono passati di qui. Si ritiene che quest'ultimo avrebbe potuto costruire qui un porto commerciale, poiché sono state trovate ceramiche e segni di costruzione. Inoltre, è noto che a Punta del Moral c'era un insediamento romano, quindi probabilmente attraverso questo vicino porto si distribuirono le risorse.

Lo stesso a Isla Canela. Infatti, recentemente, nel 2016, è apparsa un'altra necropoli a Isla Canela, ce n'è già una, dove sono stati ritrovati i resti di una salina. Successivamente sarebbero arrivati ​​i musulmani, nell'VIII secolo, e dopo la riconquista passò dalle mani portoghesi a quelle spagnole fino a quando non fu finalmente nelle mani della Castiglia. Ricordati che dall'altra parte del fiume c'è il Portogallo Quindi si intende, per posizione geografica, questa partecipazione della corona portoghese.

Ayamonte Tourism

Dato che stiamo parlando del Portogallo, uno dei tour che possiamo fare è visitare Villa Real de Santo Domingo in traghetto, sul lato portoghese. Il viaggio di andata e ritorno costa meno di due euro. Il traghetto è una bellissima esperienza perché è un mezzo di trasporto che è rimasto in vigore anche se la traversata può essere fatta in auto per molto tempo.

Questa traversata dura dieci minuti o meno e le viste sono ciò che ne vale la pena. I biglietti per il traghetto vengono acquistati nelle due località in cui si unisce. E 'presente una biglietteria con orari e tariffe che possono variare a seconda della stagione dell'anno. Se decidi di prendere il traghetto, tieni presente che in Portogallo c'è un'ora in meno, quindi fai attenzione!

Ayamonte ha monumenti, vari edifici religiosi, piazze e passeggiate da fare. Ad esempio, c'è il file Tempio di San Francisco de Ayamonte, un antico convento francescano del 1417, che custodiva una reliquia della Sacra Sindone, portata dal marchese locale. Ha un bel soffitto ligneo di lanceria mudéjar di vari colori e una pala d'altare sull'altare maggiore della fine del XVI secolo.

La Chiesa della Madonna Addolorata È al centro e ha la Vergine protettrice della città, opera del XVI secolo. La chiesa ha subito molte modifiche ma vedrai una facciata prevalentemente neoclassica. Un'altra chiesa è la Chiesa di Nostro Signore del Salvatore di Ayamonte, del 1400, di costruzione mudéjar, molto grande, con una torre alta a tre sezioni e un campanile che fu purtroppo distrutto dal terremoto di Lisbona del 1755, ma vi sono ancora una vecchia campana e un orologio manuale.

El Convento delle Suore della Croce di Ayamonte Fondata nel 1639, è stata ristrutturata e ricostruita dopo il terremoto. Si trova tra le vie Santa Clara, Marte e Lerdo de Tejada. Ha una chiesa, un chiostro, un campanile e una scuola femminile. Ha anche un bellissimo cortile interno e si può visitare solo con permesso e solo parti del complesso, ma la domenica si può assistere alla messa.

La Cappella / Eremo di San Antonio de Ayamonte Si trova vicino al bacino di pesca e risale alla fine del XVI secolo. È stata fondata dalla corporazione dei marinai e tutto ha a che fare con la vita di Sant'Antonio da Padova. Infine, c'è il file Edificio Jovellanos, parte dell'antico convento della Santissima Trinità dei Religiosi Scalzi di Nostra Signora della Misericordia e della Redenzione dei prigionieri.

Si tratta di un edificio con cortile centrale quadrato circondato da un ballatoio a due piani. Il piano terra ha colonne in marmo dorico mentre il piano superiore ha piccole finestre. Al centro del pozzo c'è un pozzo che forniva acqua a tutti. Oggi è un edificio polivalente, mostre, laboratori, corsi, ecc. E se vuoi conoscere una tipica casa borghese puoi andare al Casa Grande, del 1745, con un patio centrale, quattro gallerie ad archi e tre piani. È aperto alle visite.

La Torre di cannella È di origine militare ed è stato utilizzato per la difesa costiera perché c'era un tempo in cui gli attacchi dei pirati erano una grande paura. È molto ben conservato, a forma di cono e su un tumulo alto due metri raggiunge i 17 metri in totale.

El Monumento alla Madonna Addolorata Si trova in Plaza de España, vicino all'ufficio turistico locale, nel centro di Ayamonte. Un altro monumento è il monumento alla musica, il Pasodoble di Ayamonte, situato di fronte al porto turistico e alla Plaza de la Coronación, rende omaggio alle bande musicali che di solito suonano nelle feste patronali locali.

Un'altra visita interessante potrebbe essere il Ecomuseo Molino del Pintado. Si trova nelle peculiari paludi, nel Parco Naturale Marismas de Ayamonte e Isla Cristina, ed è un grande mulino ad acqua salata che è stato restaurato di recente. È molto facile arrivarci in bicicletta, in auto, in moto oa piedi se ti piace camminare poiché il percorso è un sentiero naturale.

Ma cosa stava facendo questo mulino? Macinava il grano, era un mulino idraulico che sfruttava la forza della marea, bassa o alta marea. Il museo è suddiviso in cinque settori con una sala audiovisiva, una sala ambientazione naturale, una sala mulino e un'area RENPA, che è uno spazio in cui sarete circondati da immagini, musica e suoni come in una giostra.

Puoi anche fare una visita al posto proprio qui visitando il Sentiero Salina del Duque, Molino Monreal del Pozo del Camino e Laguna del Pradoe, naturalmente, il museo di solito ha diverse attività organizzate.

Infine, Ayamonte offre la possibilità di praticare sport acquatici, golf, equitazione e altre attività all'aperto. E poiché tutte queste attività stuzzicano l'appetito, in seguito puoi uscire per le tapas perché il gastronomia locale È uno dei punti di forza di Ayamonte. Assicurati di provare il tonno con cipolle, il merluzzo alla Bras, la razza alla paprika o il riso alla marinera, per esempio.

Ti piace la carne? Ebbene, si dice che eccone alcuni le migliori carni della penisola, cotto alla brace o alla brace. Ecco alcuni ristoranti consigliati dal sito del turismo locale: La Puerta Ancha, in Plaza de la Laguna, Mesón Plumas, con carne alla griglia e Le Bouche.

Come puoi vedere, Ayamonte riunisce molte cose che un viaggiatore ama. Per quando un viaggio?

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1.   Fernando Solesio lillo suddetto

    Si prega di controllare il testo, ci sono degli errori nei nomi