La mancanza di consapevolezza mette in pericolo Nazca

Nazca ave

In Perù, tra le città di Nazca e Palpa, si trova uno dei misteri archeologici più popolari di tutti i tempi. In questo deserto c'è un insieme di giganteschi geoglifi visibili solo da una certa altezza, che formano figure animali, umane e geometriche. Furono creati dalla cultura Nazca tra il 200 a.C. e il 600 d.C. e da quando gli archeologi iniziarono a studiarli negli anni 'XNUMX, sono emerse dozzine di teorie sulla loro origine e significato, sebbene rimangano un mistero.

Le linee di Nazca sono un tesoro nazionale del Perù e lo custodiscono con zelo. Tuttavia, Nazca non è al sicuro da tutti i pericoli che la minacciano. Qualsiasi calpestio nella zona, dovuto al materiale e alle condizioni atmosferiche, rimane segnato per millenni e ogni reale danno prodotto è irreparabile.

Purtroppo la scarsa consapevolezza circa la sensibilità del luogo negli ultimi anni ha portato ad una serie di azioni che hanno seriamente danneggiato Nazca.

greenpeace a Nazca

I danni prodotti a Nazca

Il più nuovo e il più distruttivo di questi si è verificato lo scorso gennaio, quando un autista di una compagnia di trasporti è entrato nella Pampa di Nazca nonostante i segnali che avvertivano il contrario e hanno causato danni terribili. presso il sito archeologico in un'area di circa 100 metri. Di conseguenza, sul terreno sono state lasciate tracce profonde che hanno interessato tre delle figure millenarie disegnate nella sabbia.

Pare che l'uomo non fosse a conoscenza delle condizioni patrimoniali della zona ed è entrato nella Pampa di Nazca perché il suo veicolo aveva un problema alle gomme. Tuttavia, il ministero della Cultura peruviano ha riferito che denuncerà penalmente l'autista in una dichiarazione.

Ma le linee di Nazca erano già state danneggiate prima. Nel 2014, durante la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima tenutasi a Lima, gli attivisti dell'organizzazione di Greenpeace sono entrati nell'area e, nell'area dove si trova il geoglifo del colibrì, hanno posizionato diverse lettere giganti con il messaggio “È ora di cambiare! Il futuro è rinnovabile. Pace verde. " visibile solo dal cielo. A seguito del clamore, Greenpeace ha cercato di scusarsi per i danni al sito, già irreparabili.

Un anno dopo, nel settembre 2015, un soggetto è entrato nel luogo e ha scritto il suo nome in uno dei geoglifi. L'uomo è stato arrestato dai vigilantes incaricati di proteggere Nazca ed è stato consegnato all'accusa.

ragno nazca

Le ipotesi su Nazca, qual è la sua origine?

In un primo momento, gli archeologi pensavano che le linee di Nazca fossero solo semplici percorsi, ma nel corso del tempo si rafforzarono altre teorie che sostenevano che i "luoghi di culto" fossero stati creati per compiacere il dio delle altezze.

Oggi sappiamo che gli abitanti di Nazca hanno creato i geoglifi rimuovendo le pietre dalla superficie in modo da poter vedere l'arenaria bianca sottostante. Inoltre, grazie a diversi ricercatori della Yamagata University in Giappone, sappiamo che esistono quattro diversi tipi di figure che tendono a raggrupparsi su percorsi diversi con la stessa destinazione: la città pre-Inca di Cahuachi. Oggi rimane in piedi solo una piramide, ma durante il suo periodo di massimo splendore era un centro di pellegrinaggio di prim'ordine e capitale della cultura di Nazca.

Secondo gli archeologi giapponesi, le figure di Nazca furono costruite da almeno due culture diverse con tecniche e simbolismi differenti, che possono essere visti nei geoglifi che tracciano il percorso dalla loro area di origine alla città di Cahuachi.

Hanno anche scoperto che i disegni sono cambiati notevolmente nella regione più vicina alla Valle di Nazca e il percorso che va da lì a Cahuachi. In quella zona c'è uno stile di immagini diverso, caratterizzato soprattutto dal mostrare esseri e teste soprannaturali come fossero trofei. Un terzo gruppo di geoglifi probabilmente formato da entrambi i gruppi si trova sull'altopiano di Nazca, lo spazio a metà strada tra le due culture.

nato umano

Secondo gli archeologi giapponesi, l'uso delle figure di Nazca è cambiato nel tempo. All'inizio furono creati per ragioni puramente rituali, ma in seguito furono collocati lungo la strada che portava a Cahuachi. Contrariamente a quanto alcuni pensano, a quanto pare queste figure non erano usate per segnare il percorso di pellegrinaggio, poiché doveva essere già ben segnalato, ma per animare le vedute, dandogli anche un senso rituale.

Tuttavia, molte più persone hanno cercato di dare una risposta al significato delle linee di Nazca e ci sono diverse teorie sulla loro origine. La matematica María Reiche influenzò Paul Kosok azzardando l'ipotesi che questi disegni avessero un significato astronomico. Gli archeologi Reindel e Isla hanno scavato più di 650 siti e sono riusciti a tracciare la storia della cultura che ha generato questi disegni. L'approvvigionamento idrico era molto importante nella regione poiché è un deserto. I disegni formavano un paesaggio rituale il cui scopo doveva essere quello di promuovere l'invocazione degli dei dell'acqua. Gli archeologi hanno scoperto corde e pali con cui queste persone hanno tracciato i disegni.

Disegni di Nazca

Cosa rappresentano le Linee di Nazca?

I disegni di Nazca sono geometrici e figurativi. All'interno del gruppo figurativo troviamo animali: uccelli, scimmie, ragni, un cane, un'iguana, una lucertola e un serpente.

Quasi tutti i disegni sono stati realizzati su una superficie piana e ce ne sono solo pochi sulle pendici delle colline. Quasi tutte le figure che vi sono inserite rappresentano figure umane. Alcuni sono coronati da tre o quattro linee verticali che forse rappresentano le piume di un copricapo cerimoniale (alcune mummie peruviane indossavano copricapi d'oro e piume).

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*