Baia dell'olio a Conil

Baia dell'olio a Conil

La Baia dell'olio a Conil È una delle bellissime spiagge che questo comune in provincia di Cadice. Appartiene quindi ai cosiddetti Costa de la Luz, che abbraccia il litorale sia della suddetta provincia che di Huelva e questo ha una grande forza turistica.

Nonostante non sia la spiaggia più grande della zona o quella con i migliori servizi, è una delle più belle. Tuttavia, hai una scelta. Perché i quattordici chilometri di spiagge della città di Cadice comprendono quelli di i batel, la Fontanella, il Corrillo o Fontana del Gallo. Inoltre, hai altre baie come quelli del Roqueo o quelli di Roche. Accanto a quest'ultimo, c'era anche una bellissima pineta che ha subito un terribile incendio nel 2006. Ma, se volete saperne di più su Cala del Aceite a Conil, vi invitiamo a continuare a leggere.

Dove si trova e come arrivare a Cala del Aceite?

Vista panoramica su Cala del Aceite

Scogliere di Cala del Aceite a Conil de la Frontera

Questa bellissima baia si trova alla periferia di Conil de la Frontera, vicino al porto peschereccio del paese. Per raggiungerlo, puoi prendere la strada CA-308, che lascia la rotonda della polizia. Dopo aver superato il campeggio, prendere la seconda uscita verso il porto.

Superato un ristorante, svoltare a sinistra e seguire una strada sterrata. Poi gira a destra e arriverai al parcheggio del torrente. Per scendere sulla sabbia c'è una rampa e scale. Si può quindi raggiungere la cala a piedi facendo una breve passeggiata di appena un chilometro. Ma puoi anche accedere in auto. Inoltre, l'intero percorso è perfettamente indicato.

Se invece vuoi prolungare la tua passeggiata e contemplare viste spettacolari sulla costa di Cadice, puoi approfittare della cosiddetta Sentiero delle Calas de Conil. È lungo un chilometro e mezzo e unisce il faro di Roche con l'area in cui si trova l'urbanizzazione con lo stesso nome. Lungo la strada, otterrai splendide viste sulla stessa Cala del Aceite, ma anche sul Fuente del Gallo e persino di Conil e il faro di Trafalgar.

Com'è Cala del Aceite a Conil?

Tramonto

Tramonto sulle spiagge di Conil de la Frontera

Se hai il coraggio di conoscere questa cala, troverai un bellissimo banco di sabbia lungo duecentocinquanta metri e largo venticinque. Tuttavia, queste dimensioni possono variare, logicamente, a seconda delle maree. ma l'ha sempre fatto sabbie bianche e acque turchesi. Questi toni contrastano con il colore rossastro delle scogliere che circondano la spiaggia e anche con il verde della vegetazione che mi dici di lei

È orientato a sud, dove soffia meno il vento di Levante. Pertanto, questa posizione, accanto alle scogliere stesse e alla loro forma circolare, la tengono protetta. Poiché non è la zona sabbiosa più importante di Conil de la Frontera, ha pochi servizi. Ma ha la pulizia e la sorveglianza. Anche d'estate apre un bar sulla spiaggia dove è possibile bere e mangiare. Un'altra opzione è andare al porto, dove ci sono diversi esercizi di ristorazione.

Inoltre, l'occupazione della baia è media. Sì, è frequentata, ma non è sovraffollata, tranne nei mesi di luglio e agosto, quando Conil riceve più turisti. Le sue acque hanno un gonfiore moderato. Sono, quindi, acque calme e ugualmente trasparenti. Questo li rende perfetti per fare pratica con le immersioni e anche così fai il bagno con i tuoi bambini piccoli.

Infine, vi consigliamo di visitare Cala del Aceite a Conil al tramonto. Il colore rossastro del tramonto si combina con il colore simile delle scogliere e con il blu turchese del mare, creando una vista ricca di bellezza e romanticismo. Ma se ti piace Cala del Aceite, visiterai anche Conil. Ecco perché vogliamo consigliarti cosa guardare in questa bellissima città di Cadice.

Cosa vedere a Conil de la Frontera?

Torre Guzman

Torre de Guzmán, uno dei simboli di Conil

Conil è un piccolo comune della provincia di Cadice che conta circa ventiduemila abitanti nell'intero suo mandato comunale, anche se in estate può arrivare a centomila. Tuttavia, è una delle città più tipico e con più fascino della costa di Cadice.

Ha uno spettacolare casco storico di case bianche e patii ornati di fiori a cui si accede attraverso il Porta della Villa. Questo fu costruito all'inizio del XVI secolo ed era uno dei quattro che correvano attraverso il vecchio muro, di cui non rimane molto. Ma in Calle Extramuros si conserva uno dei suoi angoli.

Il precedente è il Torre Guzman, che era l'omaggio al castello di Conil, oggi scomparso. È del XNUMX° secolo, anche se ha subito diversi restauri. Attualmente lo è sede espositiva d'arte e dispone di un punto informazioni turistiche. Ma, soprattutto, puoi salire sul tetto e goderti una vista spettacolare sulla costa di Cadice.

Serviva anche come protezione contro gli attacchi dei pirati. Per evitarli, si sono conservate anche due torri costiere. sono quelli di Castilnovo, al confine con Vejer de la Frontera, e del maiale, al confine con Chiclana. Altrettanto bello è quartiere dei pescatori, da cui si può salire a piedi fino al piazza del mulino, così chiamato perché in esso si è preservato. E, accanto, vedrai una piccola barca che simboleggia il legame tra la città e il mare.

D'altra parte, a Conil ce ne sono diversi palazzi signorili. Tra le altre, si può vedere la casa del Conte delle Cinque Torri. Ma sono interessanti anche altre costruzioni civili, come la vecchia prigione e case capitolari, tutto del XVI secolo. Inoltre, non smettere di avvicinarti al Plaza de España, luogo emblematico della cittadina e ricco di animazione.

Chiesa di Santa Catalina

Vecchia chiesa di Santa Catalina

Tuttavia, parlando di simboli di Conil, dobbiamo farlo la chanca. La città, insieme ad altre sulla costa di Cadice come Barbate o Tarifa, visse a lungo dal pesca del tonno rosso, al punto da diventare un'intera cultura. La Chanca è un enorme edificio di settemilacinquecento metri quadrati costruito nel XVI secolo dove il pesce veniva tagliato e salato. Attualmente, già restaurato, è adibito a biblioteca, per mostre e come sede, appunto, del Museo del tonno.

Per quanto riguarda il patrimonio religioso di Conil, vi consigliamo di visitare il Chiesa della Misericordia, dove si trova una scultura policroma della Vergine Maria del XVIII secolo. Dovresti anche andare al Chiesa delle virtù, edificata nel XVI secolo e al cui interno si possono ammirare incisioni della Madonna delle Virtù e Santa Catalina, compatrone del paese, oltre ad un altro Cristo crocifisso datato XVII secolo.

Nella zona di pesca è il eremo dello Spirito Santo, costruito nel XVI secolo, e in El Colorado si trova il Eremo di Nostra Signora Maria Ausiliatrice. E ti consigliamo anche di visitare il convento di Victoria.

Carattere molto diverso ha il Chiesa Maggiore di Conil o Santa Catalina. Perché questo bellissimo tempio mudéjar del XV secolo, ricostruito più volte, ora profanato, è diventato un centro culturale. In esso, quindi, si possono vedere mostre e altri eventi. Precisamente, in Plaza de Santa Catalina hai i curiosi Museo Civico delle Radici di Conile, di carattere etnografico e con più di novecento pezzi che furono usati in passato dagli abitanti del paese.

Cosa vedere nei dintorni di Conil?

Vejer de la Frontera

Vista panoramica di Vejer de la Frontera

Dopo avervi parlato di Cala del Aceite a Conil e cosa vedere in questa bellissima cittadina di Cadice, vi suggeriamo da qualche parte vicino a lei. A soli sedici chilometri hai Vejer de la Frontera, il cui centro storico murato è insieme storico artistico. Dominata dal suo imponente castello costruito nell'XI secolo e dichiarato monumento nazionale, la cittadina possiede anche un interessante patrimonio religioso.

Evidenzia in esso il chiesa del Divin Salvatore, un gioiello gotico mudéjar costruito su un'antica moschea a metà del XVI secolo. Merita anche una visita Eremo di Nostra Signora dell'Olivo, costruito nel XNUMX° secolo, che custodisce dipinti del pittore messicano Giovanni Cinghia.

D'altra parte a circa diciotto chilometri da Conil si ha il comune di Chiclana de la Frontera. È un'altra meraviglia monumentale in cui si trovano costruzioni religiose come il chiese di San Juan Bautista (un gioiello del neoclassicismo di Cadice) e San Sebastián, gli eremi di Santa Ana e Vera Cruz o il convento di Jesús Nazareno.

Quanto al suo patrimonio civile, è ancora più spettacolare. distinguersi in esso torri come l'Orologio, edificata nel XVIII secolo su uno degli archi di accesso al paese. Si trova nel Plaza Mayor, lo spazio architettonico più importante di Chiclana, poiché ospita anche altri monumenti come la chiesa di San Juan Bautista, già citata. Infine, puoi vedere nella villa palazzi signorili come quelli del conte di Torres e del conte di Pinar, entrambi di transizione tra il barocco e il neoclassico.

In conclusione, abbiamo spiegato tutto quello che c'è da sapere sul Baia dell'olio a Conil. Ma volevamo anche parlarvi di cosa vedere in quella bellissima cittadina della provincia di Cadice, così come in altre località vicine come Chiclana o Vejer. Non pensi che abbiano abbastanza attrazioni da farti visitare?

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*