Cosa vedere a Bali

Una delle destinazioni turistiche più popolari e famose al mondo è il isola di bali. Se parliamo di bellezza, spiagge, esotismo asiatico, Bali è in cima alla lista nell'immaginario delle possibili destinazioni.

Bali appartiene Indonesia e circa l'80% della sua economia è basata sul turismo quindi oggi, iniziando la settimana, vedremo cosa vedere a Bali. È solo sdraiarsi al sole e nuotare in acque calde o c'è molto di più?

Bali

Come abbiamo detto, Bali è una provincia dell'Indonesia e la capitale è Denpasar. Appartiene al gruppo delle Piccole Isole della Sonda e la sua popolazione è principalmente indù. L'isola è una biodiversità bellissimo e questo perché fa parte di un'area conosciuta come il Triangolo di corallo, sette volte più ricco del corallo che possiamo trovare, ad esempio, nel Mar dei Caraibi.

Bali è a poco più di tre chilometri da Giava, ha montagne di circa 2 metri di altezza, vulcani attivi, fiumi, barriere coralline e un clima che è intorno al 30 ºC tutto l'anno con umidità molto elevata. Il risultato? Molto caldo. Sempre o quasi sempre.

Con questo clima c'è la stagione dei monsoni. Tra ottobre e aprile e dicembre e marzo, quindi non pensare nemmeno di andare per queste date.

Cosa vedere a Bali

L'isola di Bali è piccolaÈ solo 140 per 80 chilometri, tra Java e Lombock. È un'isola vulcanica di paesaggi stravaganti e terre fertili e il punto più alto è il Monte Agung. L'isola è abitata da due milioni e mezzo di persone quindi ci sono alta densità di popolazione.

Bali è una perfetta combinazione di paesaggi ed eventi per diventare una destinazione familiare, santuario spirituale, paradiso dell'avventuriero, destinazione di foodies e surfisti e coppie caramellate. Cominciamo perché posti che possiamo conoscere a Bali.

Se sei interessato alla religione incorniciata nella migliore natura, la destinazione è il Tempio di Tanah Lot. Si tratta di un tempio indù costruito su una roccia che poggia a pochi passi dalla costa ed è quindi la cartolina più comune dell'isola. Lo trovi a 20 chilometri a nord-ovest della città di Dempasar e risale al secolo XVI.

Un altro bellissimo tempio è il Tempio di Ulun Danu, costruito proprio sulla riva del lago Baratan, a Begedul. L'edificio è bellissimo ed è dedicato alla dea del lago. È un posto tranquillo e sereno. E infine, per completare la visita ai siti dichiarati dall'UNESCO Patrimonio mondiale abbiamo Jatiluwih: risaies onirico.

I Verdi Risaie di Jatiluwih, circondati da palme, sono degni di tante foto. È una bella esperienza passeggiare tra loro e proprio questo significa lo stesso nome: teak y luwihInsieme significano davvero meraviglioso. Questa zona si trova a nord del distretto di Tabanan, a 800 metri sul livello del mare, a circa 48 chilometri da Denpasar e 29 da Tabanan. Non dimenticare il repellente!

Per quanto riguarda il contatto con la natura è possibile visitare il Monkey Forest e il suo complesso indù a Ubud. Il complesso ospita circa 500 scimmie e ci sono tre templi che sono ancora in piedi del XIV secolo. Oggi l'intera area è una riserva naturale e permettono di nutrire le banane con gli animali. Puoi anche andare a Tirta Empul, un complesso di templi che è appena fuori Ubud e ha molti stagni con acqua proveniente dalle montagne.

Precisamente, se hai visto il film con Julia Roberts, Eat, Pray and Love, potresti ricordare questo sito. Si dice che le acque siano sacre per tutti gli indù. Tutti possono fare il bagno in loro, quindi unisciti!

Salite sul monte Batur può essere anche una buona escursione. È alto 1700 metri ed è uno dei vulcani più conosciuti di Bali. Le escursioni organizzate di solito iniziano molto presto, intorno alle 4 del mattino, quindi preparati. Il vista alba Dalla sua cima è bellissimo, soprattutto considerando che c'è un lago che circonda la montagna e sul quale cade il riflesso del primo sole mattutino.

Continuando con le attività da fare legate alla natura di Bali possiamo parlare di rafting sul fiume Ayung. Si abbina a passeggiate tra i pittoreschi borghi sulla sponda del fiume e la rigogliosa foresta verde che accompagna il passaggio dell'acqua. Per le attività in acque più calme la destinazione dovrebbe essere, quindi, Sanur: surf, parapendio e paddle boarding. Il spiaggia di Kuta attira anche surfisti da tutto il mondo. Per altri sport acquatici prova Tanjung Benoa: water jetpack, per esempio.

Se ti piace fare immersioni, puoi farlo tuffati in un naufragio a Tulamben: Qui sullo sfondo si trova l'USAT Liberty affondato nella seconda guerra mondiale e uno dei siti di immersione più popolari al mondo. Un altro sito in cui immergersi Padang Bai, a est di Bali e con sette diversi luoghi da visitare dalla costa. E un altro lo è Amed, una destinazione meno conosciuta con un'ottima visibilità e opportunità di immersione leggermente più economiche.

Tra le altre cose che puoi fare o vedere a Bali è visitare il Zoo di Bali, il posto migliore per incontrare animali del sud-est asiatico con tigri, rinoceronti, elefanti e uccelli colorati. Un altro sito con animali è il Bali Marine e Safari Park. Puoi anche fare una visita al Fabbrica di cialde di cioccolato. L'Indonesia è uno dei maggiori produttori di cacao al mondo e qui vengono prodotti squisiti cioccolatini, oltre a conoscere come vengono coltivate e lavorate le fave.

Abbiamo detto all'inizio che Bali ha alcune piccole isole nelle vicinanze, quindi conoscerle può anche essere parte del tuo viaggio. Ad esempio, puoi trascorrere la giornata sull'isola di Menjangan, a nord-ovest di Bali. Qui puoi passeggiare nel Parco Nazionale Marino di Menjangan, fare trekking, immergerti tra pesci colorati, vedere le tartarughe e goderti tanta pace ...

Aggiungi visite culturali ai villaggi, gastronomia a base di pesce e frutti di mare, senti un'altra cultura ogni giorno o esci nei bar di Kuta o goditi la tranquillità di Candidasa. Il mio consiglio è che puoi combinare esattamente molte di queste attività nel tuo viaggio: spiaggia, sport, escursioni, relax, magari un po 'di yoga e tanto cibo. Che ne dite di?

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*