Curiosità di Cibeles

Fontana di Cibele

Ti presento curiosità di Cibeles, una famosa fontana di Madrid, significa tornare indietro nel tempo. Fu allora che furono lanciati i progetti a abbellire la città di Madrid dal punto di vista estetico di Neoclassicismo.

Cibele era, nella mitologia greca, la madre degli dei, ma anche una specie di Dea della terra. E fin dall'antichità veniva rappresentato in un carro trainato da leoni come simbolo della superiorità della natura (gli animali incarnano però altre due personalità mitologiche: ipomeni y Atalanta). Già in epoca romana lo divenne Rea o Magna madre (Grande Madre), che significava, in pratica, solo un cambio di nome, poiché il suo simbolismo continuava ad essere simile. Fatta questa doverosa premessa, andiamo a mostrarvi alcune curiosità di Cibeles.

Curiosità della sua costruzione

Leoni di Cibele

Particolare dei leoni della fontana

La costruzione della fontana di Cibeles iniziò nel 1777 come uno degli elementi che avrebbero abbellito i dintorni del Prato dei Jerónimos, area attuale di Paseo del Prado. Nello stesso progetto, il Museo di scienze naturali (che oggi è, appunto, il Prado), The Giardino Botanico Reale e molti altri spazi verdi.

Diecimila chilogrammi di marmo cardinale da due cave. Questi erano i montesclaros a Toledo e reduena a Madrid. Allo stesso modo, lo spirito classicista del momento prevedeva la costruzione di altre due fontane con motivi mitologici, che sarebbero quelli di Nettuno e Apollo. Tutta quella zona, già completata, era conosciuta tra i madrileni come Sala del Prado, perché era lì che andavano a fare una passeggiata e avevano una vita sociale.

Tuttavia, secondo un'altra teoria, la fontana di Cibeles era destinata a decorare i giardini di La Granja de San Ildefonso, a Segovia. In ogni caso, è stato installato in quello che allora si chiamava Piazza Madrid, l'attuale Plaza de Cibeles, nel 1782, anche se non funzionò fino a dieci anni dopo.

Cambio di posizione

I CIbeles dall'alto

Veduta aerea della fontana di Cibeles

Precisamente, una delle curiosità dei Cibeles è che, in linea di principio, non era al centro della piazza, ma accanto al Palazzo Buenavista. Fu nel 1895 quando fu trasferito in quella parte della strada, mentre altri elementi vi furono aggiunti. È il caso del gruppo scultoreo nella parte anteriore e di una pedana a quattro gradini alta tre metri.

Ma anche le figure di un orso e di un drago furono rimosse, così come il beccuccio stesso da cui usciva l'acqua. Perché la fontana aveva anche un'utilità pratica: era il luogo dove i portatori d'acqua e gli abitanti della zona andavano a riempire le loro cisterne. A proposito, questo processo di modernizzazione ha sollevato a controversia importante nel suo tempo tra Ayuntamiento e Real Academia de Bellas Artes de San Fernando.

Tuttavia, poiché i madrileni continuavano ad aver bisogno di acqua, fu costruita un'altra piccola fontana in un angolo della piazza, precisamente nell'ufficio postale. Fu presto chiamato la fontana e divenne molto popolare, tanto che le fu dedicata una canzone che diceva "l'acqua di Fuentecilla, la migliore che beva Madrid...".

I suoi creatori e una leggenda

Banca di Spagna

La Banca di Spagna, in Plaza de Cibeles

Fanno parte delle curiosità di Cibeles anche le vicissitudini che dovettero affrontare i suoi costruttori e le leggende ad essa associate. Proprio uno di questi afferma che, nel caso in cui venga effettuato un tentativo di rapina Camera d'Oro della Banca di Spagna, che si affaccia sulla piazza, le stanze sarebbero state sigillate e allagate con l'acqua della fontana di Cibele.

Per quanto riguarda gli artisti che hanno plasmato questo monumento, il suo progetto è stato realizzato dal grande architetto Ventura Rodríguez. Da parte sua, la figura della dea era opera dello scultore Francisco Gutierrez, mentre i leoni sono dovuti ai francesi Roberto Michele. Quanto alle mantovane della carrozza, sono di Miguel Jimenez, che ha ricevuto 8400 reais per il suo lavoro.

Già nel 1791, Giovanni di Villanueva commissionato Alfonso Bergaz le figure dell'orso e del drago che sarebbero poi state ritirate. Entrambi avevano in bocca delle pipe di bronzo dalle quali usciva dell'acqua. A proposito, questo proveniva da un viaggio d'acqua o da una galleria sotterranea di epoca musulmana che lo portava e gli venivano attribuite proprietà curative. Più tardi, due putti creati da Miguel Ángel Trilles y Antonio Parera. Hanno anche messo più fontane d'acqua che formano cascate e illuminazione colorata che abbelliva il monumento.

Il "Bella Coperto"

La Cibeles innevata

La fontana innevata

Durante la guerra civile, le autorità coprirono la fontana di Cibeles con sacchi di terra per proteggerla dai bombardamenti. Per questo i sempre geniali madrileni la battezzarono come "la Linda Coperta". Si trova infatti in un punto nevralgico della città. A ciascuno degli angoli del suo quadrato appartiene un quartiere diverso e strade importanti come quello di Alcalá e il Paseo del Prado.

È inoltre circondato da quattro edifici monumentali a Madrid. Si tratta di quanto sopra Banca di Spagna e Palazzi di Linares, Telecomunicazioni e Buenavista. Quest'ultimo, sede del Comando dell'Esercito, è una costruzione settecentesca con giardini alla francese dovuti al suddetto Ventura Rodríguez.

D'altro canto, Telecomunicazioni o Cibeles è una meraviglia di stile eclettico che include elementi modernisti, platereschi e barocchi. Fu costruito all'inizio del 'XNUMX su progetto dell' Joaquin Otamendi y Antonio Palacio. Vi consigliamo di non perdervi il suo magnifico atrio e, soprattutto, di salire fino allo spettacolare gazebo che lo incorona e ti offre una vista meravigliosa sul centro di Madrid.

Da palazzo linares È un gioiello neobarocco costruito alla fine del XIX secolo. Il suo design è dovuto all'architetto francese Adolfo Ombrecht, responsabile a sua volta di altre sontuose dimore signorili come il palazzo del marchese di Portugalete. E conserva anche numerose leggende.

Festeggiamenti calcistici, una delle grandi curiosità di Cibeles

Festa a Cibeles

Festa di Madrid a Cibeles

Probabilmente sai che il carattere è utilizzato dai fan del Real Madrid per celebrare le loro vittorie sportive. Invece un altro locale della città, il atletico, lo fa dentro di Nettuno. Tuttavia, questa tradizione non è sempre stata così.

Fino al 1991, entrambe le squadre avevano Cibeles come cornice per le loro celebrazioni. Tuttavia, quell'anno si sono incontrati nella finale del Tazza così i tifosi dell'Atlético hanno deciso di cambiare il loro spostandolo nella vicina Plaza de Neptuno per differenziarsi dai loro omonimi Merengue.

Scosse di assestamento e sparizioni

Cibele di notte

La fontana illuminata di notte

Forse non sai che la fontana di Cibeles ha una replica esatta a Città del Messico. Fu donato dalla comunità degli spagnoli residenti nel paese azteco e inaugurato nel 1980 alla presenza dell'allora sindaco di Madrid. Enrique Tierno Galvan. Ma non è l'unico. Nel vicino villaggio di Getafe c'è un altro più piccolo battezzato come la cibelinaanche se non è esatto. Assomiglia più a quello installato in lontananza Pechino, capitale della Repubblica popolare cinese.

sparizioni

Cibeles e Palazzo delle Telecomunicazioni

Veduta della fontana di Cibeles e del Palazzo delle Telecomunicazioni

D'altra parte, come vi abbiamo detto, il monumento ha subito diverse riforme. E, tra le curiosità di Cibeles ci sono le scomparsa di alcuni elementi che sono stati rimossi in quelle opere. Ad esempio, alla fine del XIX secolo, fu collocato un cancello per proteggerlo, che verrà ritirato con la riforma di fine 'XNUMX. Ma nessuno sapeva dove fosse finita la grata. Fino a quando non si è scoperto che era stato utilizzato per circondare il quartier generale della tromba e della banda di tamburi del Polizia Municipale di Madrid, nell' Ponte Francese.

Qualcosa di simile è successo prima con figura dell'orso cui abbiamo già accennato. Quando fu rimosso dal complesso monumentale, scomparve senza che i madrileni ne sapessero dove si trovasse. Alla fine si scoprì che stava adornando uno dei viali del Serraglio del Retiro. Con l'orso, il tubo principale è stato rimosso e anche la traccia è stata persa. Nel suo caso, è apparso in i giardini della Casa de Cisneros, con sede a Madrid la piazza cittadina.

Attualmente, l'orso è dentro i giardini del Museo delle Origini di Madrid, insieme ai tritoni e alle nereidi che si trovavano in altre fonti della capitale, precisamente in le fontane del Paseo del Prado. A proposito, vi consigliamo di visitare questo museo, aperto nel 2000 e situato nel Casa di San Isidro dalla Plaza de San Andrés, perché è molto interessante.

Tra i suoi pezzi spicca il cosiddetto Miracolo Bene perché, secondo la leggenda, il figlio di San Isidro vi cadde dentro senza farsi male. Più realistiche sono le ricostruzioni del Cappella del XVII secolo consacrato al santo e prezioso cortile rinascimentale del XVI. E, accanto a loro, puoi vedere quasi duemila pezzi archeologici che vanno dal Paleolitico alla Madrid araba.

In conclusione, ve ne abbiamo mostrati alcuni curiosità di Cibeles, fonte popolare di Madrid con più di duecento anni di storia. Ma non possiamo resistere a raccontarvene un'altra. Come con altri grandi monumenti, il creatore di questo ha incluso un po' di malizia. In una parte lì una piccola rana scolpita. Se vuoi giocare, vai avanti e prova a trovarlo.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*