Labirinto di Horta

Immagine | Canaan Wikimedia Commons

Barcellona non è solo famosa per i suoi splendidi edifici in stile modernista, le sue spiagge confortevoli e la sua grande offerta culturale, ma anche per i suoi spazi verdi che offrono alla gente del posto e ai visitatori un luogo dove stare a contatto con la natura e allontanarsi dal caos e dalla frenesia di la città città.

Il Parco della Ciutadella, il Parco Güell, il Parco Cervantes, i Giardini Joan Brossa sono solo alcuni esempi ma, Sapevi che il giardino più antico conservato a Barcellona è il Labirinto di Horta? Non perdere questo post dove scopriamo tutti i suoi segreti. Continua a leggere!

Storia del labirinto di Horta

Situato sulla collina di Collserola, il Labirinto di Horta è stato progettato nel 1791 per espresso desiderio di Joan Antoni Desvalls, marchese di Llupià, El Poal e Alfarràs, su un terreno che apparteneva a questa nobile famiglia. Amante dell'arte e della natura, ha voluto realizzare un giardino neoclassico con l'aiuto dell'architetto Domenico Bagutti e del giardiniere Giuseppe Delvalet che si è ispirato al mito di Teseo: chiunque fosse riuscito a raggiungere il centro avrebbe trovato l'amore come ricompensa.

Per questo è stato ideato un giardino con un labirinto di cipressi, sculture e rilievi che rappresentano personaggi della mitologia greco-romana e che simboleggiano i diversi livelli dell'amore.

A metà del XIX secolo, Joaquín Desvalls y Sarriera, VIII Marqués de Llupiá, commissionò l'ampliamento del giardino nell'area del torrente d'en Pallós all'architetto Elías Rogent, che progettò un giardino in stile romantico con piazze , aiuole, una cascata e grandi alberi. Inoltre, al giardino neoclassico ha aggiunto un canale d'acqua tra la terrazza superiore e quella intermedia. Verso la fine del XIX secolo, il Labirinto di Horta era diventato un luogo di intensa attività sociale.

Nel 1968 la famiglia Desvalls lo cedette al consiglio comunale, che dopo aver eseguito vari lavori di restauro lo aprì al pubblico nel 1971. L'eccessivo afflusso di visitatori dagli anni '70 provocò il degrado di alcuni elementi ornamentali e piante, motivo per cui riformò nuovamente e è stato riaperto con una capienza limitata di 750 persone alla volta, per evitarne la graduale distruzione.

Com'è il labirinto di Horta?

Immagine | Canaan Wikimedia Commons

Il Labirinto di Horta deve il suo nome al labirinto di cipressi che occupa una superficie di 9 ettari. Questo giardino può essere diviso in due parti differenti:

  1. Il giardino neoclassico: È diviso in tre spazi e copre il tema dell'amore: i livelli inferiori, il livello superiore e il labirinto con il suo Belvedere. Qui si possono visitare stagni, fontane monumentali, padiglioni, figure mitologiche, grotte artificiali, gradini sontuosi, ecc.
  2. Il giardino romantico: in contrapposizione al precedente, il tema principale di questo giardino è la morte secondo il senso tragico del movimento artistico ottocentesco. È un giardino più selvaggio e ombreggiato con una disposizione irregolare di alberi come tassi, pini, banani e tigli, tappezzato di edera e del fiore dell'amore e perfino un falso cimitero di cui pochi rimangono oggi da aggiungere a quell'immagine cupa.
  3. Il Palazzo dei Desvall: situato accanto all'ingresso del Labirinto di Horta è questo edificio il cui corpo principale è della fine del XVIII secolo, anche se conserva elementi come una torre difensiva dell'VIII secolo. Nella zona dietro il palazzo si trova il Jardin de los Boxjes, decorato con scene mitologiche classiche e caratterizzato da aiuole di cespugli di bosso.

Il Parco del labirinto di Horta è un luogo molto fotografato per i suoi paesaggi e la diversità del paesaggio. Alcuni dei posti più belli sono:

  • Scala del Belvedere: è l'accesso al labirinto dal livello superiore del giardino neoclassico.
  • Il labirinto: la vista panoramica dalla balaustra superiore è uno dei luoghi più visitati. Al centro del labirinto si trova una statua dedicata al dio Eros.
  • I santuari di Dánae e Ariadna: Con il labirinto sullo sfondo, queste costruzioni sono molto scenografiche, tanto da essere utilizzate alla fine del XIX secolo come palcoscenico per spettacoli all'aperto.
  • Jardín de los Bojes: soprattutto la via centrale con il palazzo sullo sfondo.
  • Stagno e padiglione di Carlos IV: stile neoclassico italiano.
  • Giardino dei Muschi: al suo interno si trova una grotta con una fontana a forma di testa di minotauro.
  • Il patio privato situato di fronte al palazzo Desvalls.
  • Piscina del Giardino dei Fiori: decorata con due vasi con motivi marini incastonati e una testa di tritone.
  • Il Canale Romantico: a tre metri di profondità all'inizio era navigabile.
  • Fontana della Piramide: la cui fontana si trova sulla testa di un imponente leone.
  • La porta cinese: situata accanto al Giardino Romantico.
  • Stagno e padiglione di Carlos IV: stile neoclassico italiano.

Natura nel labirinto di Horta

Immagine | Pixabay

Nelle sue origini veniva illustrata la funzione del Labirinto di Horta, ovvero il suo obiettivo era avvicinare la natura a chi la contempla in modo didattico. Questo è il motivo per cui c'è così tanta diversità biologica in questo parco di Barcellona.

Flora

Leccio, carruba, quercia, mirto, pino bianco, magnolia, pino canario, palme, tiglio, sequoia, cipresso, banana, acacia giapponese, ippocastano, bosso, tasso, alloro, frassino, felce ...

Fauna

Per quanto riguarda la fauna, il Labirinto di Horta ospita animali tipici della Sierra de Collserola come genette, scoiattoli rossi, talpe, pipistrelli, cinghiali, rane comuni, tassi e alcune specie di serpenti. Per quanto riguarda gli uccelli, questo parco ospita: passeri, gazze, tortore tucas, ballerine bianche, pettirossi europei, colombacci e cinciarelle, tra le altre specie.

Informazioni di interesse

Come arrivare al Labirinto di Horta?

Se vai in metro, la stazione dove devi scendere è Mundet (linea 3).

Se vuoi andare in autobus, prendi le linee 27, 60, 76, H4 e B19.

Quali sono gli orari di visita?

Il labirinto di Horta è aperto tutti i giorni in inverno dalle 10:18 alle 10:20 e in estate dalle XNUMX:XNUMX alle XNUMX:XNUMX.

Qual è il prezzo di entrata?

L'ingresso generale ha un prezzo di 2,23 euro mentre quello ridotto è di 1,42 euro. Mercoledì e domenica sono gratuiti.

Vuoi prenotare una guida?

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*